La creazione di un'alleanza militare tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti la scorsa settimana ha causato una tempesta in una teiera, ma la vera azione era altrove. A Washington, venerdì, il Dialogo Quadrilaterale sulla Sicurezza (in breve "Quad") ha tenuto il suo primo summit faccia a faccia, e ha definito le parti del confronto tra grandi potenze per la prossima generazione.

Nessuno era disposto a dire la parola "Cina" ad alta voce, ma "contenere" la Cina è l'obiettivo del Quadrilatero tanto quanto "contenere" l'Unione Sovietica quando l'Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO) è stata fondata 72 anni fa. E come i paesi della NATO di allora, i membri del Quad di oggi sono collettivamente più numerosi, più armati e circondano il loro avversario.

Gli Stati Uniti, l'India, il Giappone e l'Australia hanno più di due miliardi di persone contro gli 1,4 miliardi della Cina, ed economie che ammontano a circa il doppio di quella cinese. Tutti i membri del Quad tranne il Giappone hanno ancora popolazioni in crescita e relativamente giovani, mentre la popolazione cinese sta invecchiando rapidamente e si prevede che inizierà a diminuire rapidamente entro il 2030.

Sta diventando un luogo comune vedere nei media occidentali che la Cina ora ha "la più grande marina del mondo", ma questo è solo se si contano tutte le barche a remi e i gommoni. In termini di hardware navale serio, la Cina ha un sesto del tonnellaggio delle marine del Quad, tra cui
solo due portaerei contro le 15 del Quad e dodici sottomarini a propulsione nucleare contro 69.

Quindi, di cosa si tratta? I cinesi non sono chiaramente equipaggiati per un tentativo di conquista mondiale, e i governanti del paese non sono ovviamente interessati a diffondere la loro ideologia. Non ci credono nemmeno loro stessi: Il comunismo fornisce una scusa retorica per il governo autoritario a partito unico, ma l'economia è il capitalismo "con caratteristiche cinesi".

La motivazione non è veramente ideologica nemmeno da parte del Quad. Tutti e quattro i membri sono paesi democratici, e negli Stati Uniti è normale dipingere ogni guerra estera come una difesa della "libertà" e della "democrazia", ma i paesi democratici che non hanno un cane in questa lotta (in Europa, America Latina, persino il Canada) non fanno la fila per unirsi al Quad.

Si tratta superficialmente di piccole questioni territoriali intorno al perimetro della Cina, ma appena sotto la superficie si tratta di pura potenza in un senso quasi astratto. Gli Stati Uniti sono stati la principale potenza mondiale negli ultimi 75 anni, e la Cina è uno sfidante con un proprio senso del destino manifesto.

Per il Giappone e l'India, grandi potenze minori che hanno piccole dispute di confine con la Cina, un'alleanza con gli Stati Uniti è una politica di assicurazione economica e pratica. Per l'Australia, perennemente nervosa di essere tutta sola come paese occidentale in Asia, l'alleanza con l'America è stata l'unico fondamento della politica di difesa fin dalla fine dell'impero britannico.

Dovremmo disperare che solo trent'anni dopo la fine dell'ultima guerra fredda, ci stiamo dirigendo verso un'altra? Niente affatto. Siamo fortunati che siamo usciti dall'ultima senza una guerra, e siamo ancora più fortunati che ci sia voluto così tanto tempo prima che iniziasse il successivo confronto organizzato tra le grandi potenze.

Questi scontri sono normali, persino ciclici, e sono avvenuti a intervalli di circa mezzo secolo negli ultimi 400 anni. Ciò che li guida, indipendentemente da ciò che la gente dice a se stessa in quel momento, è principalmente il tasso di crescita differenziale nel potere dei grandi stati.

Alcuni crescono più velocemente, altri lentamente o per niente, e dopo circa mezzo secolo qualche stato di basso rango si sente abbastanza potente da sfidare il capobranco in carica. Il capobranco risponde sempre alla sfida, e via di nuovo.

Questo è quello che sta succedendo ora. Non si tratta di "libertà" o "socialismo" o del diritto di navigazione nel Mar Cinese Meridionale. Si tratta dell'ordine gerarchico, puro e semplice - e non deve finire in una grande guerra. Questi cicli finivano sempre con quel tipo di guerra, ma l'ultimo non l'ha fatto, e forse non lo farà neanche questo.

L'ultimo è finito pacificamente perché lo sfidante si è esaurito: la vecchia Unione Sovietica è crollata economicamente. È improbabile che la Cina crolli, ma non sta più crescendo molto velocemente economicamente, e la minaccia del riscaldamento globale potrebbe alla fine distrarre entrambi i contendenti da questa stupida competizione.

Potrebbe anche andare in un altro modo, specialmente se il presidente Xi Jinping dovesse decidere di invadere Taiwan, ma la maggior parte degli irritanti che vengono usati per giustificare la militarizzazione del Quad - Hong Kong, il trattamento degli uiguri nello Xinjiang, le azioni della Cina al confine con l'India, ecc - non minacciano l'ordine internazionale.

E poi ci sono le armi nucleari, l'altra ragione principale per cui il quarantennale confronto USA-Sovietico non è finito in una guerra mondiale.

Rallegratevi. Potrebbe non accadere mai.