Secondo la European Caravan Federation, nel 2019 sono stati registrati circa 53.922 nuovi camper, e i rapporti del settore suggeriscono che il mercato europeo dei veicoli ricreativi sta crescendo a >7% nei prossimi cinque anni. Che piacciano o no, i camper sono qui per restare, e ce ne saranno di più in Portogallo ogni anno.

Una delle principali lamentele dei lettori è che questi veicoli parcheggiano illegalmente e "abusano" della campagna, il cosiddetto "campeggio selvaggio". Senza eccezioni questo è inaccettabile, e la GNR ha l'autorità di occuparsi di questo e multare i colpevoli di campeggio selvaggio, e in alcune zone sembra che lo stiano facendo abbastanza bene. La multa arriva fino a 4.000 euro per le infrazioni.

Il problema fondamentale sembra essere quello dell'incomprensione di ciò che i camperisti cercano e del loro valore per l'industria del turismo. Il malinteso generale sembra essere che queste persone stiano cercando di risparmiare e di godersi le loro vacanze "a buon mercato". I fatti non lo confermano.

Non è un'alternativa economica all'alloggio convenzionale

Il noleggio di un camper ben attrezzato, con almeno un bagno e una toilette incorporati, costa circa 80 euro a notte in ottobre. Un hotel a tre o quattro stelle offrirà molto più spazio e servizi per lo stesso prezzo, quindi il costo non è un fattore importante. Inoltre, c'è l'affitto del campeggio che si sceglie, che va dai 30 ai 50 euro a notte per una "piazzola" per camper con elettricità, acqua e scarico. In qualsiasi modo la si guardi, circa 100 euro a notte per un camper a noleggio e il parcheggio, non è economico.

Anche comprare il proprio camper non è un risparmio. Un camper nuovo ben equipaggiato costerà tra i 50.000 e i 100.000 euro. Nonostante il costo, questi veicoli sono molto richiesti. Il segmento degli autocaravan ha avuto di nuovo uno straordinario successo nel 2020, crescendo di un forte 20,1% - nonostante o a causa di Covid-19 - e raggiungendo un nuovo massimo. 159.082 nuove registrazioni segnano il quinto anno record di fila e rappresentano un raddoppio rispetto al 2010. I camper a propulsione elettrica stanno già arrivando sul mercato, quindi obiettare su base ecologica non è un argomento valido.

Il sogno è finito

Dato che un camper ben equipaggiato non è una scelta economica per un vacanziere, perché la gente opta per questi quando un appartamento convenzionale in affitto o un hotel offrono un valore altrettanto buono, e forse più spazio e servizi? Sembra ovvio che le persone che scelgono questo modo di viaggiare stanno cercando di sfuggire alle aree edificate in favore della campagna e di 'allontanarsi da tutto'.

Il problema è che questo può essere un grande sogno, ma in pratica non funziona. Il sogno di parcheggiare in una tranquilla località di campagna con vista sulla spiaggia non è legale, anche se la gente lo fa ancora.

La legge in Portogallo ti obbliga a parcheggiare in uno dei campeggi correttamente autorizzati e organizzati, e indovina un po', è piuttosto affollato.

Uno dei nostri lettori ha scritto di recente: "Ho avuto una roulotte a motore per oltre 30 anni e ho visto l'invasione di questi veicoli nel tempo e ora siamo in troppi e troppi si comportano male. Ho viaggiato molto in tutta Europa ed è nel periodo invernale che tanti si radunano nelle zone "honeypot" e rovinano il tutto per quelli di noi che sono responsabili. Sì, ho sempre fatto campeggio selvaggio, ma ho evitato più di sei persone in qualsiasi zona. Non ho mai voluto essere "guancia a guancia" spesso, purtroppo, incontrando persone molto ignoranti che non capiscono le opinioni dei residenti in luoghi bellissimi o che non hanno alcun rispetto. Sono stato fortunato ma sono entrato in empatia sia con le comunità che con l'ambiente naturale".

I camperisti portano valore alle imprese locali?

L'argomento frequentemente usato contro i viaggiatori in camper è che non hanno alcun beneficio per la comunità commerciale locale, ma questo non regge. Recentemente, quando un campeggio molto popolare a Silves è stato messo sotto controllo, i ristoranti e i negozi locali si sono lamentati perché questi visitatori hanno speso bene nei loro locali. Gli unici a rimetterci sono i fornitori di alloggi convenzionali.

La realtà sembrerebbe essere che quando il visitatore in camper viene messo sotto controllo e obbligato a usare le strutture adeguate, l'attrazione di base di allontanarsi da tutto si perde.

Forse ci saranno meno lamentele da parte del pubblico in generale, che non ama questi grandi e brutti (scusate) veicoli. Non li vogliono parcheggiati nelle loro città o villaggi, occupano troppo spazio, non li vogliono sulle strade perché rallentano il traffico, anzi non li vogliono proprio.

Le autorità turistiche portoghesi stanno ancora promuovendo le attrazioni del Portogallo per la comunità dei camperisti, a patto che usino le strutture adeguate.

Finché il GNR fa il suo lavoro, che in linea di massima fa, qual è l'attrazione? Uno sviluppo turistico o un hotel ben progettato ha molto più da offrire di un campeggio affollato. Il sogno non è più realtà!