Quello che gli archeologi hanno trovato, a White Sands nel Nuovo Messico, sono migliaia di impronte reali, che batte decisamente alcune pietre scheggiate che potrebbero o non potrebbero essere antiche punte di lancia. Inoltre, l'autore principale del rapporto nella rivista 'Science', il Prof. Matthew Bennett dell'Università di Bournemouth in Inghilterra, pensa che la maggior parte delle impronte erano di bambini.

"Questi erano i primi adolescenti d'America", ha detto a 'The Observer', "e andavano in giro insieme come fanno oggi. L'unica cosa che mancava allora era uno smartphone".

Non abbiamo il DNA del sito di White Sands, ma le persone che vivevano vicino a quell'antico lago probabilmente non si distinguerebbero nemmeno in una strada moderna se gli dessi dei vestiti e un trucco.

Ciò che i precursori ci hanno dato, tuttavia, è un paio di misteri impegnativi. Il più piccolo è come sono arrivati lì.

Presumibilmente hanno iniziato attraversando il ponte di terra ora sommerso tra la Siberia e l'Alaska. Questa era la parte facile. Ma un solido muro di ghiacciai alto più di un chilometro ha bloccato la via terrestre verso sud attraverso il Canada dall'Alaska 22.000 anni fa. Come hanno fatto ad aggirarlo?

Forse avevano canoe di piroga (anche se i grandi alberi erano rari nell'Artico dell'era glaciale), ma sarebbe stata una strada molto lunga lungo una costa rocciosa e ricoperta di ghiaccio (2.500 km.) con niente da mangiare tranne il pesce che si può pescare. In confronto il popolo 'Clovis', che siamo soliti pensare siano stati i primi esseri umani nelle Americhe, ha avuto vita facile.

Quando comparvero circa 13.000 anni fa, un corridoio nord-sud si era aperto attraverso i campi di ghiaccio in quella che ora è Alberta. Si poteva camminare per tutta la distanza fino a Clovis, New Mexico, e trovare cibo lungo tutto il percorso.

Dall'arrivo del popolo Clovis in poi, le prove della presenza umana nelle Americhe sono diffuse e continue. Ulteriori ricerche hanno scoperto che alcune persone simili potrebbero essere state nei due continenti già 16.000 anni fa.

Ma il mistero più grande è questo: se c'erano già esseri umani nel Nuovo Messico 22.000 anni fa, dove sono andati nei successivi 6.000 anni? Come potrebbero non esserci altre prove della loro presenza in altri luoghi?

Inizia con la domanda più ovvia. Questa data potrebbe essere sbagliata?

Probabilmente no. Non si possono datare al carbonio le impronte nel fango, ma si possono datare i semi dell'erba del fosso che sono intrappolati nel fango (ora trasformato in roccia) negli strati appena sopra e sotto quelle impronte. Gli archeologi hanno testato la data in tutti i modi che conoscevano, e ogni volta la risposta è stata la stessa: le impronte hanno tra i 23.000 e i 21.000 anni.

Ok, allora. È il momento di fare la domanda che tutti vorremmo evitare. I precursori potrebbero essere uno o più gruppi che hanno fatto un giro intorno ai ghiacciai 22.000 anni fa, hanno prosperato per un po' nelle Americhe e poi per qualche motivo si sono estinti?

Nessuna prova di una presenza umana nei successivi 6.000 anni suggerisce fortemente che i precursori semplicemente non erano più lì. Nessuna estinzione di massa della megafauna americana (grandi animali da preda) fino all'arrivo dei cacciatori Clovis sessanta secoli dopo lo rende quasi certo.

Quando i cacciatori-raccoglitori umani si insediarono per la prima volta in un continente o in un'isola oceanica dove i grandi animali da preda non si erano co-evoluti con gli esseri umani e non li temevano, ci fu sempre un'estinzione di massa: L'Australia 46.000 anni fa, le Americhe circa 10-12.000 anni fa, la Nuova Zelanda solo 700 anni fa. Se non è successo prima di allora nelle Americhe, allora i precursori erano probabilmente scomparsi da tempo.

O forse, solo forse, erano ancora appesi da qualche parte in piccolo numero fino a quando il popolo Clovis è arrivato, probabilmente con armi migliori, e li ha spazzati via. Questo è quello che pensa il dottor Andrea Manica, un genetista dell'Università di Cambridge.

Ha detto alla BBC che la genetica "mostra chiaramente una scissione dei nativi americani dagli asiatici circa 15-16.000 anni fa". I precursori non sono rappresentati in quel lignaggio genetico, e Manica suggerisce che "i colonizzatori iniziali delle Americhe furono sostituiti quando si formò il corridoio di ghiaccio e arrivò un'altra ondata di colonizzatori. Non abbiamo idea di come sia successo".

Sì, lo sappiamo. Solo che non ci piace pensarci.

La preistoria del mondo è piena di esempi di gruppi più potenti che scacciano o spazzano via gruppi meno potenti. Spesso gli uomini e i bambini venivano uccisi mentre le donne venivano tenute, ma i precursori (se erano ancora in giro per incontrare i nuovi capi) non erano nemmeno così fortunati. Sessanta secoli e niente da mostrare.