Perché quasi non appena le acclamazioni entusiastiche dei loro devoti seguaci si spengono, è spesso un ritorno agli affari come al solito quando tornano ai loro uffici e ai loro lavori quotidiani. All'indomani di tutta quell'euforia, adulazione e pacche sulle spalle, in realtà non cambia molto.

Questo sembra essere specialmente il caso quando si tratta della politica del cambiamento climatico. Mentre gli individui della maggior parte delle persuasioni politiche sembrano credere sinceramente a tutta la retorica e affermano di essere intenzionati a tagliare l'inquinamento, le emissioni globali in realtà continuano ad aumentare. Questo nonostante i numerosi accordi di alto profilo che sono stati firmati e timbrati nel corso degli anni.

Perversamente, solo l'epidemia di Covid-19 ha veramente intaccato in modo significativo i livelli di emissioni globali. Nonostante le molte situazioni senza precedenti che si sono verificate durante la pandemia, le emissioni sono diminuite solo di un misero 6,4%. Da allora i livelli sono rimbalzati bruscamente mentre i paesi hanno gradualmente rimesso in sesto le loro economie e una parvenza di normalità è tornata alla vita quotidiana.

Ma la "normalità" e il ritorno a una sorta di default difettoso sono davvero ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento?

La pandemia ha fornito una finestra unica, e attraverso di essa abbiamo potuto vedere le sfide che ci attendono per le nazioni impegnate a combattere il cambiamento climatico. Il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente ha calcolato che il mondo ha bisogno di tagliare le emissioni di carbonio di almeno il 7,6% all'anno per il prossimo decennio, al fine di evitare che il globo si riscaldi più di 1,5ºC sopra i livelli preindustriali (un obiettivo fissato nell'accordo sul clima di Parigi del 2015).

Tuttavia, in questi tempi post-blocco, la domanda di risorse in declino sembra aumentare piuttosto che diminuire e questa impennata della domanda è il catalizzatore di enormi picchi di prezzo delle materie prime. La riapertura su larga scala è diventata lo Yin per lo Yan dell'isolamento, dato che i rigurgiti indotti dalla pandemia sono ora sostituiti dalla golosità globale.

Naturalmente, nessuna di queste accresciute richieste è di buon auspicio per il nostro povero pianeta assediato e il suo clima in rapido cambiamento. Al contrario. Va completamente contro il grano di ciò che gli scienziati del clima stanno cercando di dirci da qualche tempo a questa parte.

Sembra che siamo in qualche modo presi tra l'incudine e il martello. Nelle economie occidentali, il successo si misura in termini di crescita economica. Si tratta di massimizzare la produttività e di ottenere il meglio per i nostri soldi. Ma tutto questo richiede energia - e molta. Più soldi otteniamo per il nostro denaro, più siamo in grado di consumare e più richieste facciamo alle risorse globali. Questo a sua volta richiede più energia e il consumo di energia produce gas a effetto serra che è, ovviamente, una cattiva notizia. Quasi tutto quello che facciamo nel mondo occidentale crea un'impronta di carbonio, sia che restiamo a casa come abbiamo fatto durante l'isolamento, sia che ci avventuriamo nei nostri viaggi.

Che cos'è allora la COP26?

Il summit COP26 del 2021 a Glasgow mira a riunire le parti per accelerare l'azione verso il raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi e della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Quindi, in pratica, sembra che abbiamo bisogno di un altro vertice per consolidare gli accordi che sono già stati fatti ma non ancora del tutto attuati.

Mi sembra che sarà un compito onnipotente conciliare la necessità del benessere economico con queste aspirazioni newfangled per un futuro snello, verde ed ecologico. Allo stato attuale, queste due visioni di un futuro prospero, pulito e utopico combinate con economie crescenti e sempre più prospere sono compagni di letto straordinariamente scomodi. Ma io ascolterò attentamente e spero che qualche colpo di genio emerga da quella che è destinata ad essere un'abbondanza di frasi alla moda e di flimflam generale.

Mentre c'è un'accettazione del fatto che questi incontri giocano un ruolo vitale nell'evidenziare i problemi che il nostro mondo ora affronta, il compito di trasformare l'umanità completamente "verde" in qualsiasi momento presto sembra essere una prospettiva piuttosto scoraggiante, specialmente perché la popolazione globale continua a crescere.

Improvvisamente potrebbe esserci un maggiore consenso sull'urgente necessità di affrontare questi problemi ambientali, ma la domanda che richiede davvero una risposta è come si potranno trovare delle soluzioni veramente praticabili e, cosa più importante, chi sarà veramente disposto a pagarne il prezzo e a fare i necessari sacrifici e aggiustamenti? Tutto questo costerà un sacco di soldi e, senza dubbio, alla fine dovremo tutti pagarne le conseguenze.

La conferenza di Parigi (COP21) del 2015 è stata considerata un successo. Ma in realtà, sembra essere stato un subdolo caso di fumo e specchi. Le promesse fatte dai paesi allora hanno effettivamente messo il mondo in rotta per un catastrofico aumento del riscaldamento da 3C a 4C piuttosto che l'1,5C ritenuto essenziale per aiutare a "salvare il pianeta".

E temo che le cose vadano molto peggio. 125 paesi non hanno presentato alcuna proposta di riduzione delle emissioni al Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (IPCC) entro la scadenza del 31 dicembre 2020. La Cina era uno di questi paesi. Forse non sorprende, visto che la Cina sta bruciando ancora più carbone e combustibili fossili che mai. Non sorprende anche perché la Cina ha goduto di anni di sviluppo e di crescita economica senza precedenti, che consumano quantità sbalorditive di risorse e di conseguenza producono quantità altrettanto sbalorditive di emissioni di carbonio. La prova, se ce ne fosse bisogno, che non possiamo avere una cosa senza l'altra.

I 70 paesi che hanno rispettato alcuni aspetti dell'Accordo di Parigi sono responsabili solo del 28% delle emissioni mondiali. Quindi, da soli non possono soddisfare i requisiti per abbassare sufficientemente queste emissioni. I più grandi inquinatori hanno davvero bisogno di essere a bordo su questo, altrimenti tutto questo discorso sulla riduzione di CO2 e altri gas serra è del tutto inutile.

Quindi, se i 125 paesi "canaglia" del clima non presentano piani legalmente vincolanti insieme agli altri 70 paesi conformi, si prevede che le emissioni continueranno a crescere ben oltre un livello che garantirà un riscaldamento di soli 1,5-2,0°C. Se questo rimane il caso, allora la COP26 si rivelerà essere l'ennesimo negozio di chiacchiere in cui si otterrà ben poco.

Considerando che il COP26 è stato salutato come "l'ultima possibilità del pianeta Terra", penso che sia molto comprensibile che il mondo intero si sintonizzi con il fiato sospeso. Io so che lo farò.