Ho parlato con i proprietari del Cult n' Art Café, Léna Pérez e Marcelino Marques per saperne di più sulla loro eccitante impresa comune: "È stata un'impresa inaspettata, lo spazio era originariamente la casa della nonna di Marcelino ed è stato affittato negli ultimi 10 anni, ma a causa della pandemia, si è presentata un'opportunità che abbiamo colto al volo e con l'aiuto dei nostri amici abbiamo ristrutturato l'intero locale e lo abbiamo fatto nostro".

Lena è nata in Francia e ha studiato in Svizzera, ma ha fatto il suo primo stage qui a Vila Joya in Algarve, dove ha incontrato Marcelino sei anni fa mentre lavoravano insieme nell'ospitalità. Marcelino è metà tedesco e metà portoghese ed è cresciuto ad Alvor, "abbiamo visto il mondo, ma Alvor è sempre dove torniamo".

Lo scopo principale del Cult n' Art Café è quello di "creare un locale coinvolgente e in continua evoluzione, dando visibilità agli artisti locali di talento e ai grandi prodotti locali in uno spazio su cui si può contare per rilassarsi"."Mi hanno detto che prima di aprire il caffè, hanno viaggiato con lo zaino in spalla in tutto il mondo, "anche in India, che è una grande base per quello che stiamo facendo qui e una fonte di ispirazione per il caffè e che il concetto alternativo dello spazio ci spinge a crescere ed essere creativi e questo è davvero importante per noi".

Il Café è aperto dalle 9 alle 18 dal martedì al sabato e dalle 9 alle 13 la domenica. Il Café ha aperto a luglio e ha certamente avuto un impatto sulla comunità locale con il suo spazio appena decorato e il suo cibo delizioso. Il Café è frequentato da diverse nazionalità perché non ci sono barriere linguistiche nel café, dato che Lena parla francese e Marcelino parla tedesco e possono entrambi parlare inglese e portoghese e mi hanno detto che si sentono molto grati di avere tutte le diverse nazionalità che vengono al loro café.

Servono colazioni e spuntini unici tra cui ciotole di frutta e granola, insalate, toast e il loro popolare 'prego' che è un panino con bistecca all'aglio e un piatto israeliano chiamato Shakshuka, che è un uovo in camicia in una salsa piccante di pomodoro e peperoni, accompagnato da pane all'aglio. Hanno una varietà di bevande tra cui caffè biologico ed equo-solidale e Why Not Craft Soda, oltre a torte e biscotti fatti in casa da Léna. Hanno anche il tradizionale vino vinho de talha della GranjaAmareleja, nell'Alentejo, che è qualcosa di unico che hanno voluto incorporare nel loro menu. Marcelino mi ha assicurato che "si preoccupano della qualità e tutti i loro prodotti sono freschi dal mercato ogni giorno, quindi hanno piatti diversi a seconda delle stagioni e hanno intenzione di sperimentare con il menu e vedere cosa si adatta davvero bene qui, che abbiamo trovato con la Shakshuka".

Ho chiesto alla coppia da dove è nata l'idea di incorporare arte e prodotti artigianali e Léna mi ha detto: "Abbiamo pensato a quanto sarebbe stato bello esporre il lavoro dei nostri amici e di altre persone che hanno bisogno di un po' di visibilità, come artisti e artigiani. Abbiamo deciso che sarebbe stato uno spazio espositivo per loro e noi facciamo quello che ci riesce meglio, cioè cibo, bevande e rendere le persone felici attraverso il nostro servizio" Marcelino ha aggiunto che "È molto bello anche per le persone locali avere uno spazio per mostrare il loro lavoro perché penso che abbiamo così tanto talento qui in Algarve e non abbiamo bisogno di andare fuori da questa regione per ottenere le cose perché abbiamo così tante menti brillanti intorno a noi".

Inoltre, tutta l'arte esposta nel loro caffè è di artisti locali, e alcuni dei pezzi sono in vendita su richiesta, hanno anche una parete dedicata alla meravigliosa arte della nonna di Marcelino, così come pezzi d'arte di artisti di Alvor, un giovane artista di talento di Lagoa e un artista di Portimão. Hanno già una lista di artisti il cui lavoro sarà esposto prossimamente, dato che cambiano i pezzi ogni due mesi. Amano anche sostenere gli artigiani locali e hanno una vasta gamma di prodotti artigianali disponibili nel loro concept store tra cui gioielli, saponi, incenso naturale, candele, cosmetici, liquori fatti in casa e maiale nero di Monchique. Léna ha spiegato che "è anche un modo per le persone che visitano il caffè di portarsi a casa un vero souvenir, dato che si tratta di prodotti di ottima qualità". Se qualche artista o artigiano locale è interessato a mostrare il proprio lavoro al caffè, non esiti a mettersi in contatto con loro.

Per tenersi aggiornati su Cult n' Art Café si può consultare la loro pagina Facebook cercando Cult n' Art Café - Concept Store e si può andare sul loro Instagram per scoprire la loro torta e il succo del giorno su @cultnartcafe. È importante notare che il caffè sarà chiuso tra il19 e il31 di questo mese e riaprirà il novembre. Inoltre, per ulteriori informazioni o se qualcuno è interessato a fare i propri workshop o eventi al Cult n' Art Café, potete mettervi in contatto con Léna e Marcelino inviando una mail a cultnartcafe@gmail.com o chiamandoli al (+351) 965 591 114.