Il sistema visivo non è come spesso sentiamosolo un occhio, è parte del sistema nervoso centrale che serve per interpretare il mondo esterno. "L'occhio è una struttura molto complessa che può dare origine a diverse patologie nei suoi diversi strati, ma anche nel suo rapporto con il sistema nervoso centrale", ha spiegato l'oculista.

A volte prendere una pausa dallo schermo non è sufficiente quando si inizia a sentire che qualcosa non va. Come vedremo in questo articolo, ci sono molti disturbi oculari diversi che richiedono un trattamento, in quanto possono portare un sacco di disagio a un paziente.

Oltre alle patologie più gravi e complesse che interferiscono direttamente con la qualità della vita del paziente e possono rappresentare una vera minaccia per la vista, come la cataratta, la patologia corneale e vitreoretinica (come le membrane epiretiniche, i fori maculari o il distacco della retina) ci sono diversi altri tipi di disturbi della salute di cui dovresti essere a conoscenza.

Visione offuscata

Ci sono tre principali errori di rifrazione che possono causare la perdita della vista, conosciuta anche come alterazione della vista, come la miopia, l'astigmatismo e l'ipermetropia.

La miopia è una condizione in cui i pazienti hanno difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti lontani. L'astigmatismo è una condizione che rende difficile per il paziente mettere a fuoco, e l'ipermetropia provoca difficoltà nel vedere gli oggetti da vicino e anche a distanza a seconda della sua gravità.

Cos'è un errore di rifrazione? È un disturbo dell'occhio che dipende da diverse caratteristiche anatomiche (come la superficie dell'occhio, la cornea, il cristallino, la lunghezza dell'occhio e il formato del globo oculare), e si verifica quando l'occhio non riesce a mettere a fuoco le immagini, con conseguente visione sfocata, che può causare danni alla vista, a seconda del livello di errore refrattivo.

Occhi secchi e la regola del 20-20-20

Insieme agli errori di rifrazione, una patologia molto comune è la sindrome dell'occhio secco, che si verifica quando le lacrime non sono in grado di fornire un'adeguata lubrificazione agli occhi. In altre parole, c'è una riduzione della quantità o un'alterazione della qualità delle lacrime.

Ci sono potenzialmente diversi fattori all'origine di questo problema: "L'occhio secco ha a che fare con molti fattori, come il tempo, non solo all'esterno ma anche all'interno (per esempio, il condizionatore e un ambiente secco possono danneggiare la superficie dell'occhio) e la luce del sole. Per proteggersi, a volte basta indossare un cappello o degli occhiali da sole. Poi, ci sono più fattori di rischio associati a malattie sistemiche, o con un farmaco specifico che il paziente sta prendendo", ha detto il medico.

I sintomi più comuni sono bruciore, prurito, dolore e una sensazione di corpo estraneo all'interno dell'occhio, come la sensazione di grinta, occhi rossi occasionali, lacrimazione e visione offuscata episodica. Inoltre, in un paziente con la sindrome dell'occhio secco, è più facile avere la congiuntivite.

Passare ore a guardare uno schermo senza pause è anche un fattore di rischio ben noto, "poiché rimanere concentrati troppo a lungo sul computer o sulla lettura diminuisce la frequenza dell'ammiccamento e se ammicchiamo meno, i nostri occhi si seccano di più. Tutti questi fattori possono contribuire all'occhio secco", ha spiegato il medico.

È della massima importanza utilizzare la lubrificazione artificiale ("quanto basta") per cercare di controllare i sintomi associati all'occhio secco, così come è importante rimuovere/ridurre i fattori causali che contribuiscono all'aggressione della superficie oculare e alla sindrome dell'occhio secco.In questo caso, una delle strategie per migliorare il comfort è l'uso di un filtro blu incorporato negli occhiali del paziente, che è un filtro che protegge dagli effetti dannosi di ciò che è comunemente noto come luce blu (HEV - High Energy Visible), dalla luce artificiale sempre più circostante. Tuttavia, "se qualcuno passa 12 ore davanti allo schermo, sentirsi stanco è normale, dobbiamo rispettare i nostri limiti".

Pertanto, il medico raccomanda: "Per ogni 20 minuti guardando lo schermo, guardare un oggetto a 20 m di distanza per almeno 20 secondi per riposare un po' gli occhi e fare delle pause".

Idisturbi agli occhi colpiscono sempre più bambini

Quando è stata l'ultima volta che hai portato i tuoi figli a fare una visita oculistica? Dal primo giorno di scuola, i bambini devono sottoporsi a uno screening oculistico, anche se non rivelano sintomi, devono essere esaminati comunque.

"Anche se, per esempio, lo strabismo si vede chiaramente, ci sono molti altri disturbi che non si notano senza lo screening, ma che devono essere identificati presto perché fino ai 12 anni è di solito quando una parte importante dello sviluppo della vista cessa. Pertanto, è essenziale garantire che il bambino abbia la migliore visione possibile, con o senza occhiali, per evitare ad esempio unocchio pigro", ha detto aThe Portugal News.

Secondo il medico: "L'occhio pigro può verificarsi quando c'è un'asimmetria tra gli occhi (quando un occhio non offre al cervello una visione buona come l'altro) e, per questo motivo, la visione dell'occhio che non offre la migliore qualità dell'immagine non si svilupperà mai, anche in una fase successiva, se non si identifica questo problema all'inizio della vita".

L'invecchiamento come fattore di rischio

La dottoressa ha spiegato che, dai 40/42 anni in poi e fino ai 56/58 anni, c'è una normale alterazione che l'occhio subisce che finisce con il perdere la capacità di vedere da vicino, sviluppando quella che si chiama presbiopia, una parte naturale e fisiologica, spesso fastidiosa, dell'invecchiamento.

Forse vi state chiedendo: cosa possiamo fare per evitare che questo accada? Purtroppo, la risposta è niente!

"Tutti gli adulti passano attraverso questo. Arriva un momento nella vita in cui tutti avranno bisogno di qualcosa di esterno (occhiali) per minimizzare l'impatto del problema della vista. Tuttavia, ci sono persone che avranno bisogno di più e prima e altre che ne avranno meno bisogno", ha spiegato.


Glaucoma

Il glaucoma è un disturbo dell'occhio che danneggia il nervo ottico, silenziosamente. In termini generali, c'è un'alterazione tra la produzione e il drenaggio del liquido che l'occhio produce, che finisce di solito in un aumento della pressione intraoculare. Ci sono diversi fattori di rischio che sono associati con la condizione, essendo alcuni dei più comuni l'anatomia degli occhi, invecchiamento e fattori ereditari.

In relazione al trattamento, "l'obiettivo è quello di impedire la progressione della malattia, fondamentalmente ciò che vogliamo è stabilizzare la malattia e questo è fatto attraverso il controllo del principale fattore di rischio - alta pressione nell'occhio, che cerchiamo di ridurre attraverso colliri che riducono la pressione intraoculare".

Per molte ragioni diverse, non dimenticate i controlli regolari degli occhi. Al HPA Health Group, l'intera comunità medica è molto felice di prendersi cura del vostro sistema visivo e di accogliervi nelle loro strutture mediche.