I Deep Purple hanno venduto più di 100 milioni di album, con arene esaurite per decenni in tutto il mondo. Musicisti leggendari dell'hard rock, Ian Gillan, Roger Glover, Ian Paice, Steve Morse e Don Airey continuano a ispirare i fan di tutto il mondo con il loro vasto repertorio.

Il loro ultimo album di grande successo "Whoosh!" è uscito l'anno scorso ed è considerato uno degli album più versatili nella storia dei Deep Purple.

Recentemente hanno annunciato "Turning to Crime", che esce il 26 novembre, è un album di versioni con brani di artisti come Bob Dylan, Fleetwood Mac e Bob Seger.

Stanno dando il via al 2022 con un tour molto atteso per il loro21° album in studio e sono più che pronti a tornare sulla strada e celebrare la loro musica con i fan. È stato fantastico parlare con Ian Gillan dei Deep Purple su ciò che i nostri lettori possono aspettarsi dal concerto di Lisbona del prossimo anno e molto altro!

The Portugal News: Come si sente la band ad esibirsi a Lisbona l'anno prossimo?

Ian Gillan: "Ci siamo esibiti in Portogallo abbastanza spesso nel corso dei secoli, ma credo che l'ultima volta sia stata nel 2017. Non so ancora come si senta la band perché non siamo stati insieme come si deve per due anni, quindi tutto questo sarà molto eccitante; esploderà di energia, lo so per certo!"

TPN: Cosa possono aspettarsi i nostri lettori dal concerto di Lisbona e dalla scaletta?

IG: "È difficile da dire, ma quello che posso dire è questo, abbiamo pubblicato il nostro album "Whoosh!" l'anno scorso e non abbiamo eseguito nessuna delle canzoni dal vivo sul palco e mi aspetto che ci siano un paio di canzoni da lì e il nuovo album "Turning to Crime" sarà quasi inevitabilmente nello show, quindi le infileremo in qualche modo. Ovviamente brani dal nuovo album e da quelli non così nuovi. C'è già un bel po' di canzoni accumulate dal 1969 ed è molto difficile decidere il repertorio per i concerti, ma devi mantenere costantemente freschi gli spettacoli e mantenere un equilibrio, perché non vuoi ficcare tutte le nuove canzoni in gola alla gente, loro vogliono sentire le vecchie canzoni e l'improvvisazione. Voglio dire che il 25% del nostro show è jamming ed è ciò per cui i nostri fan ci conoscono. Quindi, un misto di vecchio e nuovo. È tutto divertente e a volte non sappiamo quale sia la scaletta fino a poco prima di uno spettacolo o lo decidiamo spontaneamente sul palco".

TPN: Qual è stata l'ispirazione dietro "Turning to Crime" e la produzione del prossimo album?

IG: "Normalmente ci sediamo e scriviamo e la musica viene da noi e quando ne abbiamo abbastanza, facciamo un album e questo è più o meno come ha sempre funzionato. Il problema è che con la quarantena e i blocchi, è molto difficile riunire fisicamente la band. Steve, il nostro banjoista, vive in America, Roger, il nostro bassista, vive in Svizzera e gli altri ragazzi vivono in Inghilterra, quindi è stata una grande operazione militare per fare le prove e abbiamo bisogno di stare insieme per scrivere e non necessariamente per suonare, come abbiamo scoperto ora, come tutti gli altri, si può fare in digitale e a distanza. È stata un'idea del nostro produttore fare "Turning to Crime" e abbiamo sempre fatto cover, i primi tre grandi successi dei Deep Purple sono stati nel 1968/1969 che erano Hush, Kentucky woman, River Deep, sono stati enormi successi in America e li abbiamo eseguiti sul palco ma non abbiamo mai prodotto un album di cover. La selezione è stata una parte davvero importante di quel processo, abbiamo messo su una lunga lista con il nostro produttore, Bob Ezra, e ne abbiamo parlato e fatto una rosa di idee e poi abbiamo iniziato a lavorarci sopra", aggiungendo umoristicamente che "non uno solo dei miei suggerimenti è stato usato sull'album, ma va bene così perché le canzoni che sono state scelte sono fantastiche! La parte più difficile non è stata effettivamente fare l'album, ma è stato decidere di farlo e decidere quale sarebbe stato il repertorio".

TPN: C'è una traccia in particolare su "Turning to Crime" che spicca o una che sei entusiasta di eseguire dal vivo?

IG: "In realtà, ce ne sono 3 o 4 o 5... "7 and 7 is" è già stato pubblicato ed è il brano di apertura ed è una canzone che amo e che eseguivo negli anni 60 in una band chiamata Episode Six. Amo anche un brano chiamato "Rockin' Pneumonia And The Boogie Woogie Flu", è così divertente e sono entusiasta di cantarlo dal vivo. Un altro brano è un vecchio brano di Ray Charles con un arrangiamento di Quincey Jones, Don l'ha trasformato in un magico pezzo di blues jazz ed è così divertente che si chiama "Let The Good Times Roll" e questi tre brani sono quelli che sceglierei per eseguire sul palco".

TPN: Vorrei riportarti al primo spettacolo in cui hai suonato; come ti sei sentito ad esibirti dal vivo per la prima volta?

"Il primo spettacolo che ho fatto è stato in un club giovanile di una chiesa nella zona ovest di Londra e abbiamo chiesto se potevamo usare la stanza sul retro dove tenevano il tavolo da ping-pong e le sedie, per poterci allenare e il capo del club giovanile ha detto ma "dovete pagare" e io dissi "non abbiamo soldi" e lui disse "non dovete pagare in denaro, pagate con una performance, quindi se vi allenate qui durante la settimana, dovrete esibirvi il sabato sera."Quindi, penso che se fosse stato solo un allenamento, forse non avremmo mai iniziato, ma il fatto che siamo stati costretti ad andare sul palco ci ha spinto. Salire sul palco è stato terrificante ed eccitante allo stesso tempo. L'attrezzatura era esilarante, il PA era in realtà il registratore a nastro di mio padre e lui mi comprò un set di tamburi che erano i tamburi di base dell'Esercito della Salvezza e che rotolavano sul palco quando il rumore iniziava e io avevo una batteria primitiva, era semplicemente esilarante ma mi ha fatto iniziare e come te non ho davvero notato l'aumento della folla. Mi sono unito a un'altra band e abbiamo avuto un po' di successo ma poi le folle hanno iniziato ad arrivare, eravamo ancora nei club allora che si riempivano e l'eccitazione ha iniziato a crescere e poi abbiamo comprato una band e abbiamo iniziato a viaggiare un po' e gradualmente abbiamo iniziato a fare sale da ballo, università e teatri.

Ho fatto il mio primo tour professionale con Dusty Springfield nel 1965, che è stato semplicemente fantastico, è stato così eccitante e da lì è cresciuto. Ho imparato molto dai musicisti più anziani e dalle persone con cui ho lavorato nella zona, la musica stava davvero accadendo in quel periodo e stava diventando anche internazionale, quindi sono stato molto fortunato e ho avuto una manager fantastica nei primi giorni, che si è presa cura di noi per cinque anni, Gloria Bristow, mi ha insegnato molto e sulla professionalità e ho imparato molto anche da Dusty".