La maggior parte delle carestie sono in realtà un risultato diretto e talvolta deliberato della guerra, come l'attuale blocco del Tigray senza sbocco sul mare da parte dei regimi etiope ed eritreo e il blocco dello Yemen da parte dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati regionali e occidentali. Ma è la fine di una guerra che sta causando la fame acuta in Afghanistan.

C'è stata una siccità in Afghanistan negli ultimi due anni dell'occupazione americana, quindi molti poveri afgani erano già vulnerabili prima degli eventi della scorsa estate. (Sono sempre i poveri che soffrono la fame o muoiono di fame quando il cibo scarseggia e i prezzi salgono). Ma la causa prossima dell'imminente carestia è stata il caos dell'evacuazione americana in agosto.

Mentre il panico si diffondeva sugli schermi americani e il senso di umiliazione montava, l'amministrazione Biden ha messo in chiaro una cosa: "Tutti i beni della Banca Centrale che il governo afgano ha negli Stati Uniti non saranno messi a disposizione dei Talebani", ha detto un funzionario dell'amministrazione il 15 agosto - e con questo la carestia è diventata inevitabile.

È comprensibile che il governo degli Stati Uniti e le istituzioni dominate dagli Stati Uniti come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale abbiano smesso di versare aiuti in Afghanistan dopo che i Talebani hanno preso il potere. Questo ha posto un grosso problema al nuovo regime, perché gli aiuti stranieri coprivano tre quarti della spesa pubblica del paese, ma non è stata una sorpresa.

È tutta un'altra cosa congelare tutto il denaro dell'Afghanistan che è depositato presso le banche americane e altre banche occidentali (9,5 miliardi di dollari solo per gli Stati Uniti). Si tratta per lo più di denaro non speso per gli aiuti che il regime precedente non aveva ancora speso o rubato, ma è ancora denaro afghano e ora appartiene al nuovo governo dell'Afghanistan: i talebani.

Questo è il congelamento che conta davvero. L'economia interna dell'Afghanistan è praticamente crollata, ma c'è abbastanza denaro in quei conti congelati per pagare il cibo importato che permetterebbe a 40 milioni di afgani di superare il prossimo inverno senza molti morti per fame. Allora perché il governo degli Stati Uniti non li rilascia?

I cinici suggerirebbero che è perché gli Stati Uniti non perdonano mai i governi e i paesi che li sfidano con successo, e indicano Cuba come prova numero uno: un embargo commerciale di sessant'anni. Ma il cinismo è malvagio. Dovremmo accettare la spiegazione dei paesi occidentali per trattenere il denaro dell'Afghanistan al valore nominale.

Joe Biden evita di affrontare lui stesso la questione, ma il Dipartimento di Stato Ned Price ha detto il mese scorso che questi fondi sono tra le "carote e i bastoni" che gli Stati Uniti hanno per influenzare la condotta dei Talebani.

Un altro funzionario dell'amministrazione ha detto che "rilasciare le riserve non è una garanzia che i talebani le useranno effettivamente per risolvere i problemi", e il primo ministro britannico Boris Johnson ha spiegato che "non possiamo... fare un assegno completamente in bianco alle autorità talebane, dobbiamo assicurarci che quel paese non scivoli di nuovo nell'essere un rifugio per il terrorismo e un narco-stato".

Chi si credono di essere queste persone? Sono i soldi dell'Afghanistan, e alcuni afghani stanno già morendo di fame. Che diritto hanno di tenersi i soldi finché l'Afghanistan non dimostri che non sarà "un rifugio per il terrorismo". Come potrebbero i Talebani dimostrare che non lo diventerà, e quanto tempo ci vorrebbe? Fino a quando il primo milione non morirà di fame? Il secondo milione?

Inoltre, ci sono probabilmente persone nel Dipartimento di Stato, e certamente nei servizi segreti americani, che sospettano che i Talebani non siano mai stati coinvolti in alcun attacco alla patria statunitense.

Washington ha sostenuto per vent'anni che i Talebani erano a conoscenza dei piani di Osama bin Laden per gli attacchi dell'11 settembre, ma non c'è mai stata alcuna prova e non ha senso. Bin Laden non ha usato il territorio afgano per l'attacco, e sarebbe stata una profonda violazione della sicurezza far sapere ai talebani in anticipo.

Questa narrazione ha servito gli scopi dell'America in passato e continua a servirli ora, ma lo scopo attuale è semplicemente quello di punire i Talebani per aver vinto. È un modo squallido di comportarsi, ma le grandi potenze spesso si comportano come bambini dispettosi quando non ci sono grandi penalità per farlo.

"Il denaro appartiene alla nazione afgana. Dateci solo i nostri soldi", ha detto la settimana scorsa il portavoce del ministero delle Finanze Ahmad Wali Haqmal. "Congelare questi soldi non è etico ed è contro tutte le leggi e i valori internazionali".