Ho cercato delle piante di poinsettia, sono proprio l'epitome del Natale, con colori ricchi di rosso e verde.

Devo dire che, al momento di scrivere questo, non ne ho ancora viste - almeno non quelle vere, anche se il centro di giardinaggio che ho visitato oggi era già un capolavoro natalizio in piena regola, pieno di neve finta, ghirlande di pino, baubles e allegri Babbi Natale, e mi sembrava di essere in una versione botanica di un noto magazzino di mobili svedese, non c'era via di fuga sul mio percorso, bisognava solo camminare attraverso tutto questo! C'erano mazzi di stelle di Natale artificiali in mezzo ai loro espositori - e non c'è niente di male in questo, mi affretto ad aggiungere, perché sicuramente durano più a lungo di quelle vere, ma una vera può essere piantata in Portogallo, e c'è una forte possibilità che possa almeno rimanere una pianta vitale per il prossimo anno.

Le stelle di Natale (Euphorbia pulcherrima) sono in realtà originarie del Messico e dell'America centrale, e prendono il nome da Joel Robert Poinsett, un botanico e il primo ministro degli Stati Uniti in Messico, che si dice abbia introdotto la pianta negli Stati Uniti nel 1820, e ha iniziato a mandarle nelle sue serre in South Carolina. Prima di essere chiamata poinsettia, il suo nome originale era 'Mexican Flame Flower' o 'Painted Leaf'.

Ha una storia che risale agli antichi Aztechi, che vedevano la pianta come un simbolo di purezza, e le piante crescono in natura nelle foreste tropicali. In origine, venivano coltivate per una ragione pratica: produrre tinture rosse e medicine.

La leggenda messicana dice che nel XVI secolo la pianta divenne sinonimo di Natale - una ragazza che voleva preparare un regalo per celebrare la nascita di Gesù non aveva soldi per offrire un regalo adeguato, e si racconta che un angelo le venne in visione e le disse di raccogliere piante ed erbacce che crescevano lungo la strada e di metterle sull'altare della chiesa come un umile dono fatto con amore. Lì, germogliarono foglie rosse e verdi, portando la congregazione a credere di aver assistito a un miracolo natalizio.

I loro colori vanno dal bianco crema al rosa, al rosso tradizionale, e le parti colorate sono in realtà brattee, che sembrano petali, con piccoli fiori gialli al centro, chiamati cyathia. Alcune varietà hanno brattee con disegni in rosso e bianco, rosa e bianco, o verde e bianco e persino arancione brillante. Queste brattee accattivanti attirano gli insetti e cadono dopo l'impollinazione.

È interessante notare che le brattee cambiano colore in risposta ai giorni invernali più corti e in realtà fioriscono quando le giornate si accorciano. Per incoraggiarle a "colorarsi" in tempo per Natale, circa 8 settimane prima dell'esposizione, hanno bisogno di quanta più luce possibile per assorbire energia per la produzione di colore durante il giorno, ma non dovrebbero ricevere alcuna luce per almeno 12 ore al giorno, magari coperte con una scatola di cartone o messe in una stanza buia durante la notte.

Per mantenerli in fiore ogni anno, hanno bisogno di cure - quando le foglie cominciano a ingiallire o quando la pianta non è più desiderata nel periodo delle feste, trattenete gradualmente l'acqua, e mantenete la pianta un po' all'asciutto; annaffiate solo quanto basta per non far appassire gli steli. Potete coltivarle all'aperto nel vostro giardino se vivete in una zona senza gelo, e ricordo di averne tenuta una su una terrazza riparata. Sia in vaso che in terra, dovrebbero essere potati due volte all'anno, prima in primavera e di nuovo a fine estate. Ho letto da qualche parte che ricordare i mesi 'A' è un consiglio utile, aprile e agosto. Per la prima potatura in aprile rimuovere tutto il fogliame e tagliare tutti i rami a 4-6″ di altezza. Sì, sembra drastico, ma incoraggerà la nuova crescita - e usare il fertilizzante non appena questa nuova crescita emerge.

Le stelle di Natale non devono essere mangiate, anche se non sono dannose per la salute animale o umana - non sono velenose, ma la linfa può causare dermatiti.