I cavalli sono animali adorabili che hanno poteri curativi unici, non credi? La terapia equina è ben nota e queste attività con i cavalli possono migliorare il benessere fisico, emotivo e sociale. Il semplice fatto di stare intorno ai cavalli può aiutare a ridurre i livelli di stress e di ansia.

In queste attività divertenti, i bambini imparano a manovrare i cavalli con l'aiuto e l'incoraggiamento di insegnanti esperti. In realtà, ogni volta che i bambini eseguono bene, otterranno un senso di realizzazione che migliora automaticamente il loro benessere durante la pratica e dopo di essa.

Anche se il livello di miglioramento dipende sempre da ogni disabilità, in generale la terapia equina riduce l'ansia e lo stress, il che aumenterà l'autostima del bambino, l'accettazione di sé e le abilità sociali. Inoltre, questi bambini saranno in grado di controllare i loro impulsi più facilmente e di acquisire capacità di comunicazione e di risoluzione dei problemi.

A Quinta da Saudade, un centro equestre in Algarve, la cui attività si concentra principalmente sulla promozione di tour a cavallo, ho incontrato Laurindo Fernandes, che insegna anche a bambini con disabilità e demenza.

Laurindo è appassionato di cavalli e ha sempre vissuto circondato da questi bellissimi animali. Da bambino "a volte andavo a scuola a cavallo. Ho sempre amato i cavalli", ha detto l'insegnante di equitazione.

Ecco perché Laurindo ha sempre lavorato con questi animali e a un certo punto ha deciso di iniziare a insegnare ai bambini e aiutarli a superare le loro paure. Senza alcuna laurea o qualifica, la sua esperienza e il talento innato sono gli strumenti principali di Laurindo.

Per quanto riguarda la paura, che è normale per chi non ha mai sperimentato i cavalli, Laurindo mi ha detto che dopo un po' la gente comincia ad amare l'equitazione: "Questi cavalli ti danno fiducia", ha detto modestamente. Tuttavia, è Laurindo con la sua calma e armonia che aiuta queste persone a farsi coinvolgere dagli animali, superando le loro paure.

"Sono sempre stato paziente", ha ammesso, "ho sempre amato studiare i cavalli, adulti e bambini. Inoltre, ho molta pazienza e, per fare quello che faccio, sia con i cavalli che con i bambini, ho bisogno di capirli, dar loro tempo e trovare un modo adeguato per insegnare loro".

Principalmente, "insegno loro a pulire i cavalli lentamente, a stare attenti e a mettere i piedi sui cavalli. Dopo un po' cominciano ad imparare. È così bello vedere questi bambini che non sapevano nulla prima di imparare ad andare a cavallo".

Il ritmo di apprendimento non è lo stesso per tutti, dipende da bambino a bambino, ma in generale, sono necessarie almeno dieci lezioni una volta alla settimana per permettere a un bambino di essere più a suo agio con i cavalli e capace di cavalcare.

Inoltre, tra i dieci e i dodici anni è l'età migliore per i bambini per iniziare a sviluppare queste facoltà. Tuttavia, Laurindo ha avvertito che purtroppo non tutti i bambini sono in grado di imparare. "Faccio del mio meglio, ma quando le disabilità sono troppo gravi, è complicato".

Attraverso i suoi occhi, possiamo vedere quanto sia orgoglioso dei progressi che questi bambini hanno fatto nelle classi di Laurindo: "Mi piace vedere lo sviluppo del bambino - questo mi rende molto felice. È una gioia, è come vedere un cavallo che non sa nulla e dopo un po' acquista fiducia".

In effetti, questi bambini con bisogni speciali sono capaci di questo e molto di più, possono fare cose straordinarie. Lo dice Laurindo, che confessa che questi bambini hanno spesso una grande intelligenza per compiti che sono fuori dalla portata della maggior parte delle persone comuni, "a volte non abbiamo idea di cosa siano capaci, possono memorizzare molti numeri, e fare cose che noi non possiamo nemmeno pensare".