"Il cancro alla prostata è stato un po' ignorato in termini di screening. Questo è il motivo per cui il tasso di mortalità per il cancro alla prostata non è diminuito, come è successo, per esempio, con il cancro del colon-retto. Con questi numeri, il cancro alla prostata è una patologia importante che merita tutta la nostra attenzione", ha detto il dottor Tiago Rodrigues, urologo dell'HPA Health Group.

Dopo il cancro ai polmoni, il cancro alla prostata è la seconda causa di morte per cancro. In Europa, viene diagnosticato in circa 400.000 uomini all'anno e causa la morte di circa 90.000-95.000 uomini all'anno.

Nonostante gli sforzi per promuovere lo screening del cancro alla prostata, compresa la famosa campagna Movember, ci sono ancora molti uomini nel mondo che muoiono per questa malattia e l'unico modo per combattere questa tendenza è lo screening precoce.

"Il cancro alla prostata è un problema che era sul tavolo prima dell'inizio della pandemia, c'erano persino dei comitati di lobbying all'interno dell'UE" per promuovere lo screening. Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare.

Inoltre, nelle popolazioni con meno alfabetizzazione sanitaria, "ci sono ancora molte persone che hanno questa mentalità che quando un uomo va dall'urologo per un esame rettale, perde la sua virilità o può finire con l'incontinenza, ma niente di tutto questo è vero", ha detto il medico.

Per combattere questo malinteso generale, il dottor Tiago pensa che il messaggio deve venire dall'alto - dai responsabili delle decisioni. Tuttavia, non è stato fatto perché, anche nella comunità medica, i medici non parlano con una sola voce quando si tratta di screening del cancro alla prostata.

Per esempio, nel 2012, negli Stati Uniti è stata creata una task force per valutare l'impatto dello screening dell'antigene prostatico specifico (PSA), che ha finito per emettere un parere contro l'esecuzione del PSA nei pazienti asintomatici. Questo aveva a che fare con il fatto che a quel tempo c'erano molti pazienti sottoposti a interventi chirurgici che causavano alcuni effetti collaterali in pazienti che non avrebbero mai avuto problemi con il cancro alla prostata, perché quel cancro impiega 15 o 20 anni per diventare una fonte di lotta: "Se il paziente ha 85 anni ed è in uno stadio iniziale della malattia, probabilmente non morirà per il cancro", ha spiegato.

Tuttavia, questa decisione degli Stati Uniti ha avuto gravi conseguenze all'epoca, poiché i tassi di mortalità sono aumentati. "Era una raccomandazione estrema e quello che è successo è che negli anni seguenti, per la prima volta nella storia dall'inizio del PSA e dello screening precoce del cancro alla prostata, la curva di mortalità ha iniziato ad aumentare negli Stati Uniti".

Tuttavia, il sovratrattamento non può essere combattuto con meno diagnosi, poiché i medici possono "fare una buona scelta solo se hanno a disposizione tutte le informazioni sulle condizioni cliniche del paziente".

Programmare uno screening del cancro alla prostata

La diagnosi per il cancro alla prostata viene fatta attraverso il PSA e lo screening rettale ed è raccomandato per tutti gli uomini di età superiore ai 50 anni. Tuttavia, nei casi di maggior rischio, come negli uomini di colore o nei parenti di primo grado con cancro, lo screening deve essere fatto dopo i 40 anni di età.

La possibilità di sviluppare il cancro alla prostata aumenta con l'età e, nella maggior parte dei casi, il cancro alla prostata appare oltre i 65 anni, con sintomi che sono problemi urinari, come: difficoltà a urinare o difficoltà a iniziare o fermare il flusso di urina, un frequente bisogno di urinare, soprattutto di notte. Tuttavia, non deve essere confuso con altre malattie della prostata i cui sintomi possono essere simili in alcuni casi.

Per favore, questo novembre, non ignorate l'importanza di fare lo screening! All'HPA Health Group, puoi prendere un appuntamento con i migliori esperti che ti guideranno nell'approccio migliore per te.