"In Portogallo ci sono almeno 42 acquedotti, di cui 15 sono costruiti per l'approvvigionamento idrico pubblico e 26 per quello privato". La parola acquedotto deriva dal latino "aqua" per acqua e "ducere" che significa condurre. Gli acquedotti sono molto associati con l'Impero Romano che erano progettati per "fornire acqua da bere e per i bagni pubblici".

Nord del Portogallo

I due acquedotti specifici che abbiamo discusso nel nord del paese, sono l'acquedotto del Mosteiro de Santo André de Rendufe e l'acquedotto di Vila do Conde. L'acquedotto del Mosteiro de Santo André de Rendufe si trova ad Amares e risale alXIX secolo. Il monastero di Sant'Andrea di Rendufe, è considerato come "una delle principali case dei monaci benedettini in Portogallo, anche se non si sa quando fu costruito, si suppone che esistesse già nel 1151". Hanno iniziato a costruire questo acquedotto il cui nome è preso dal monastero nel "1810 e concluso nel 1813". "Lo scopo di questo acquedotto era di fornire acqua al monastero di Santo André de Rendufe", non è un acquedotto molto lungo ma Bárbara Sofia Bruno mi assicura che "è molto bello e anche se arcaico merita molto una visita".

L'acquedotto di Vila do Conde iniziò ad essere costruito nel "1705 e fu finito nel 1740". Allo stesso modo, anche questo acquedotto fu progettato per "rifornire un monastero chiamato Santa Clara e fu progettato da un ingegnere militare chiamato Manuel Vila de Lobes". "È una presenza monumentale nel paesaggio di Povoa de Varzim e Vila do Conde perché è un acquedotto lungo 5 km" ed è anche quello con "il maggior numero di archi del mondo", presentando 999 lungo la sua lunghezza, che termina nel monastero di Santa Clara.

Centro del Portogallo

L'acquedotto di Conimbriga a Condeixa-a-nova è un acquedotto lungo 3 km. "Conimbriga è stato classificato come monumento nazionale dalXIX secolo". Questo acquedotto è il più studiato di tutti poiché risale al primo secolo, essendo stato costruito durante l'impero romano.

"L'acquedotto fu costruito per rifornire d'acqua la città romana di Conimbriga, poiché una volta era una città romana laggiù". Questo acquedotto è visitabile e i turisti possono visitare questa città e vedere le terme attraverso visite guidate, che si possono vedere sul sito web del comune. Bárbara Sofia Bruno mi ha assicurato che "Conimbriga merita di essere visitata solo perché è un'antica città romana e che oggi è come un museo."Dopo l'acquedotto di Conimbriga, mi ha detto che "si può poi andare a Coimbra che non è lontano e si può vedere l'Aqueduto de São Sebastiao che è delXVI secolo, che è stato progettato per alimentare la parte più alta della città e attraversa la città con 1 km di lunghezza ma è molto bello".

Inoltre, situato vicino a Tomar, sopra la valle di Ribeira dos Pegões, "l'acquedotto di Pegões è uno dei più grandi e imponenti acquedotti portoghesi. Fu costruito nelXVII secolo, progettato per rifornire d'acqua un convento molto importante in Portogallo chiamato il Convento di Cristo. Si tratta di un acquedotto importante, è lungo 6 km e nel tratto più grande raggiunge un'altezza massima di 30 metri. È molto visibile nel paesaggio con 180 archi, quindi è un acquedotto molto lungo. La storia di questo acquedotto è quindi fortemente legata a quella del convento".

Sud del Portogallo

L'acquedotto Águas Livres di Lisbona "è classificato come monumento nazionale ed è già nella lista tentata del patrimonio mondiale dell'UNESCO", è un acquedotto storico ed è chiaro che è un notevole esempio di ingegneria portoghese delXVIII secolo, sopravvivendo anche notevolmente al terremoto del 1755 e come "infrastruttura idraulica, l'acquedotto cominciò ad essere smantellato nella seconda metà del XIX secolo ma l'acqua fu ancora utilizzata fino al 1974."Bárbara Sofia Bruno ha dichiarato che "è una testimonianza della storia, di Lisbona e dell'impero". La Lisbona storica soffriva di una mancanza di acqua potabile, così "all'inizio del 1700 il re Giovanni V decise di costruire un vasto acquedotto per portare l'acqua dalle montagne di Sintra."L'acquedotto Águas Livres è un acquedotto lungo 58 km in totale e ha 127 archi lungo tutto il percorso e nella valle dell'Alcântara ha 35 archi".

Il Museo dell'Acqua di Lisbona è aperto al pubblico tutti i giorni durante tutto l'anno dal martedì alla domenica ed è chiuso solo il lunedì e i giorni festivi. "Tutti possono vedere l'acquedotto dal vecchio ruscello Alcântara e possono vedere il serbatoio di Amoreiras ma la gente può anche sperimentare il sottosuolo attraverso i tour dei musei."Bárbara Sofia Bruno ha spiegato che "se si vuole sperimentare un acquedotto in Portogallo questo è quello da sperimentare perché è l'unico che permette un'esperienza completa per tutti".

"Puoi viverlo a 360 gradi, gli archi, il bacino e il sottosuolo", e mi ha anche detto che "a volte si dice che l'acquedotto di Águas Livres ha l'arco più alto del mondo, ma non è così.Nella valle dell'Alcantara c'è un arco molto alto ma non è il più grande, il più grande si trova in un acquedotto in Italia", ma Bárbara Sofia Bruno conferma che l'acquedotto di Águas Livres ha "il più grande arco di pietra ogivale in un tratto del mondo!

Il Museo è il posto dove andare per le visite guidate e per vivere l'acquedotto di Águas Livre al massimo, dato che si dedica a raccontare la storia di questi incredibili monumenti. Fanno "tour individuali, passeggiate tematiche, visite, colloqui e visite guidate e attività per bambini."Il Museo dell'Acqua, tenuto da EPAL, SA - Empresa Portuguesa das Águas Livres, è composto da "quattro spazi sparsi per la città di Lisbona, tutti edifici legati alla fornitura di acqua alla città di Lisbona, risalenti al XVIII e XIX secolo: l'acquedotto Águas Livres, il serbatoio Mãe d'Água das Amoreiras, il serbatoio Patriarcal e la stazione di pompaggio a vapore Barbadinhos.”

"La missione del Museo dell'Acqua è quella di far conoscere l'identità dell'Acquedotto come monumento e di conservare i siti del patrimonio culturale in Portogallo, oltre a mantenere la consapevolezza educativa e ambientale concentrandosi sui temi dell'acqua". Se vi state avventurando a Lisbona, il Museo dell'Acqua ha molto da offrire, quindi per maggiori informazioni, consultate https://www.epal.pt.