La buona notizia è grande e innegabile. C'è stato un cambio di passo nella crescita dell'energia eolica e solare, che è balzata del 45% in tutto il mondo nel 2020 - e nonostante la pandemia la produzione di quest'anno sarà ancora più alta. Ancora più importante, quasi nessun'altra fonte di energia sta crescendo affatto.

Il vecchio schema era che l'economia globale cresceva di circa il 3% all'anno, e la domanda di elettricità cresceva un po' più velocemente. Le rinnovabili (soprattutto idroelettriche, ma anche solari ed eoliche) crescevano più o meno allo stesso ritmo, ma i combustibili fossili e il nucleare coprivano il restante 85%. La quota delle rinnovabili non cresceva affatto.

Ecco perché le emissioni globali complessive di anidride carbonica non sono diminuite. Anzi, sono cresciute ogni anno da quando il riscaldamento globale è stato identificato come un problema, e ora sono circa il 40% più alte di quanto fossero nel 1990. Non c'era alcuna speranza di ridurre le emissioni fino a quando le fonti di energia non fossile non sono state prodotte in volume per prendere le distanze.

Non importa le campagne di negazione e di dubbio sul cambiamento climatico che sono state finanziate dall'industria dei combustibili fossili. Hanno fatto dei danni, senza dubbio, ma il carbone, il gas e il petrolio dominavano ancora soprattutto perché le alternative non fossili che esistevano non erano in grado di espandersi ulteriormente (come l'idroelettrico) o erano significativamente più costose (come il nucleare, l'eolico e il solare).

Ora tutto questo è cambiato. Nell'ultimo decennio il costo "livellato" dell'energia rinnovabile è sceso di circa il 60% (eolico) e l'80% (solare), rendendoli entrambi più economici dei combustibili fossili nella maggior parte dei luoghi. La tendenza è stata visibile per anni, ma ora si sta riflettendo nell'hardware reale.

La quota non fossile della produzione di elettricità, bloccata al 15% per così tanto tempo, era del 27% nel 2020, del 29% nel 2021 - e sarà del 31% quest'anno. Il solare rappresenta più della metà di quella cifra, e l'eolico la maggior parte del resto. E l'AIE stima che le rinnovabili costituiranno il 95% della nuova capacità energetica a livello globale da qui al 2026.

Quindi, se la quota delle rinnovabili nella produzione totale di energia cresce ora del 2% all'anno, quale sarà nel 2026? Il 41%? E quale potrebbe essere nel 2030? Forse il 50%. Questa sarebbe una vera e propria rivoluzione - con tutti i tumulti e gli sconvolgimenti che le vere rivoluzioni comportano.

Naturalmente, molte cose potrebbero andare male con questa previsione. L'impennata dei prezzi delle materie prime e delle spedizioni sta spingendo i costi dell'industria verso l'alto. Per esempio, il prezzo del polisilicio (usato per fare i pannelli solari) è quadruplicato dal 2020. Per alcuni input come il litio e le terre rare, potrebbe anche esserci una carenza globale.

Ma i costi stanno salendo anche per le fonti di energia rivali, e finora le rinnovabili stanno mantenendo il loro vantaggio di prezzo. Quindi la domanda rimane valida: cosa accadrebbe effettivamente se i combustibili fossili entrassero in un inaspettato e rapido declino, con circa un terzo del loro attuale mercato che scompare entro il 2030 e la maggior parte del resto nel corso di quel decennio?

La cosa molto buona che accadrebbe è un declino altrettanto rapido delle emissioni globali di anidride carbonica, forse anche abbastanza veloce da permetterci di rimanere sotto la soglia di +1,5°C di riscaldamento entro il 2030. Questo salverebbe alcune decine di milioni di vite e qualche trilione di dollari in danni evitati da incendi, inondazioni e tempeste.

Il risultato meno attraente sarebbe il caos nelle industrie "al tramonto" su cui il sole sta scendendo troppo velocemente: nessun tempo per la riqualificazione e le transizioni gentili, solo il collasso. Si possono vedere le parti dell'industria automobilistica che non sono diventate elettriche abbastanza velocemente andare su quella strada, insieme all'intera industria del carbone.

Il lasciapassare dell'industria del gas come combustibile "di transizione" meno inquinante evaporerebbe, e l'industria petrolifera si dividerebbe tra i pochi produttori a basso costo nel Golfo, che rimarrebbero nel business tagliando radicalmente i loro prezzi, e il resto, che andrebbe al muro. Poi, intorno al 2040, anche i restanti produttori di petrolio andrebbero in rovina.

Se non si riesce a tirar fuori qualche scontro geopolitico da questo scenario, non ci si sta davvero provando, ma è ancora lo scenario più promettente che ho visto da molto tempo. Se possiamo effettivamente sostituire l'intera infrastruttura energetica del mondo in una sola vita senza nemmeno una grande guerra o una carestia, rivedrei volentieri le mie opinioni sull'idoneità evolutiva della razza umana.