Dopo la competizione di 6 settimane, che ha riunito 32 professionisti in gara, Daniel ha affermato che "MasterChef è un'esperienza unica nella vita".

Ispirato dalla famiglia

Daniel Marreiros è nato a Portimão, nell'Algarve, e ha spiegato che "la mia passione per la cucina è iniziata grazie a mia nonna, non ero appassionato di cucina nei primi tempi, ma ho capito che cucinare un pasto era una forma di riunire tutti noi ed era una forma di spegnere il mondo per un po'. Ho iniziato a guardare alcuni programmi di cucina e loro mettevano le ricette e poi alla fine chiedevo a mia madre di prendere gli ingredienti". Ammettendo che "quello che cucinavo era probabilmente assolutamente orribile allora, ma la mia famiglia mi ha sempre sostenuto".

Daniel ha poi frequentato una scuola di cucina in Algarve dopo aver "capito che fare lo chef mi avrebbe dato l'indipendenza e alla scuola di cucina mi piaceva tutto; la fretta, il suono delle pentole, il senso di urgenza, farlo bene e in fretta, e da lì è partito tutto".

Durante la scuola di cucina, "ho ottenuto un lavoro a O Leão de Porches in Algarve e ho lavorato con uno chef inglese e ho imparato molto perché ha un background da stella Michelin". Si è sviluppato rapidamente diventando capo chef a soli 19 anni, rimanendo lì per alcuni anni.

"L'idea di andare a Londra fermentava dentro di me e un giorno ho dato il preavviso e ho prenotato un biglietto di sola andata. Ho capito che Londra è nota per essere un posto molto duro per cucinare con i suoi lunghi orari, quindi sapevo che se non l'avessi fatto a quel punto della mia vita, probabilmente avrei solo continuato e lasciato morire il sogno, cosa che non volevo fare".

A Londra ha lavorato in vari ristoranti prima di imbarcarsi in MasterChef, più recentemente ha lavorato come capo chef al ristorante portoghese "Volta Do Mar" a Covent Garden a Londra che è stato premiato con un Bib Gourmand Michelin nel 2021.

Il viaggio a MasterChef

Ha spiegato che è sempre stato un grande fan di MasterChef "Questo è lo spettacolo che ammiro di più e probabilmente ho guardato ogni singola stagione e in qualche modo è successo davvero. È stato un privilegio incontrare lo chef Marcus Wareing, la chef Monica Galetti e Gregg Wallace, che sono persone che rispetto molto".

L'influenza dell'Algarve

Per quanto riguarda i piatti dello show, Daniel ha spiegato quanta influenza ha avuto l'Algarve.

"In termini di prodotti e di qualità dei prodotti, sono totalmente appassionato di pesce e frutti di mare perché sono cresciuto vicino al mare, mi piace andare ai mercati e mi piace incontrare i pescatori che stanno bevendo le loro birre al mattino".

"Il Portogallo è un paese così piccolo, eppure tutte le regioni hanno così tanti tipi diversi di cibo che sono abbastanza indipendenti l'uno dall'altro e ho sempre pensato di afferrare il principio tradizionale, e di portarci il proprio estro e di applicare solo qualche tecnica in più con un po' più di cura e non allontanarsi da ciò che è effettivamente tradizionale perché la combinazione funziona, ma poi basta adottare un approccio diverso".

"Una cosa che non volevo fare nello spettacolo era avere piatti di qualcun altro, volevo solo fare esattamente quello in cui credevo e quello che sono. È totalmente un riflesso di dove sono cresciuto e di come sono cresciuto, che era fondamentalmente con frutti di mare e pesce. Nello show ho cucinato soprattutto pesce e ho sviluppato alcuni dei piatti preferiti di mio nonno dopo la sua morte. Tutto il mio cibo è molto personale perché devo essere emotivamente coinvolto con esso e penso che questo si veda".

Momento saliente dello spettacolo

"L'esperienza è stata assolutamente incredibile e, nel turno di critica, ho cucinato un gazpacho che era un altro dei piatti preferiti di mio nonno e ho modificato quel gazpacho per anni ma è qualcosa che mi piace molto e che avremmo avuto a casa. Non è il tradizionale arjamolho, alcuni dicono che è di Portimão, altri dicono che è di Silves, ma è sicuramente un piatto dell'Algarve. Prendere questi piatti, che sono molto importanti per me, e ricevere un così grande feedback dai migliori critici del Regno Unito e il fatto che le persone che guardano lo show siano state di grande supporto è una vera benedizione, quindi direi che è stato un momento importante".

Inoltre, "una delle cose migliori che sono venute dallo show è la convinzione che posso cucinare ciò in cui credo e mostrare chi sono. Penso che lo show mi abbia dato la forza di credere e continuare a perfezionare il mio stile e mi ha fatto venire voglia di investire in cose in cui credo".

Progetti per il futuro

"Voglio mostrare di più dell'Algarve e attualmente sto costruendo il mio marchio che si concentrerà su eventi culinari privati, ristoranti pop-up e altri eventi culinari nel Regno Unito così come in Portogallo e ho anche dei festival in programma nel Regno Unito".

"Il mio sito web è in costruzione al momento, ma in meno di un mese sarò in grado di pubblicizzarlo al mondo, ma idealmente, voglio avvicinarmi molto alle persone. Sai quella sensazione di nonna, voglio portare questo alla gente, nessuna arroganza, solo cucinare al meglio delle mie capacità in un modo accogliente e semplicemente creare bei momenti per le persone".

"Nel futuro a lungo termine, mi vedo con un mio ristorante e mi piacerebbe che fosse in Portogallo, ma se si presentasse l'opportunità giusta, potrebbe essere anche nel Regno Unito. Ho una visione e vorrei che fosse una cucina aperta, senza divisioni, quindi non smetterò mai di inseguire questo sogno!