Il Kazakistan è una cleptocrazia: "uno stato in cui i politici corrotti si arricchiscono segretamente attraverso tangenti, bustarelle e favori speciali, o semplicemente dirigono i fondi statali verso se stessi e i loro associati. Spesso esportano gran parte dei loro profitti in nazioni straniere" (definizione di Wikipedia).

Un rapporto speciale della Chatham House il mese scorso ha scoperto che la famiglia e gli associati di Nursultan Nazarbayev, governante comunista del Kazakistan sovietico e poi presidente del Kazakistan indipendente per 35 anni, hanno acquistato 34 proprietà a Londra e nel sud dell'Inghilterra per 720 milioni di dollari nei soli quattro anni 1998-2002.

Tutti in Kazakistan sanno di essere governati da ladri. I russi che stavano bene sono rimasti dopo l'indipendenza e gli altri se ne sono andati. I kazaki che stanno bene non si preoccupano nemmeno dei ladri in carica - ma la maggior parte dei kazaki non sta molto bene.

Non sono tutti poverissimi - le proteste questa volta erano inizialmente per il raddoppio del prezzo del carburante per le auto - ma un recente rapporto della KPMG dice che 162 persone possiedono la metà della ricchezza del paese. Questo genere di cose non piace a nessuno.

Così le proteste pacifiche iniziate il 2 gennaio si sono rapidamente diffuse in ogni angolo del paese - e poi le cose sono impazzite ad Almaty. Mercoledì 5 gennaio, gruppi ben organizzati di persone sconosciute ai manifestanti si sono uniti alla folla e hanno iniziato ad attaccare gli edifici ufficiali.

Altrettanto strano è il fatto che quello stesso mercoledì la polizia ha lasciato gli edifici chiave di Almaty senza protezione. Il palazzo presidenziale è stato bruciato, l'aeroporto è stato sequestrato, le persone sono state uccise - ma erano le persone giuste?

Il presidente Kassym-Jomart Tokayev ne sembrava convinto: "All'estero ci sono richieste di trattative per una risoluzione pacifica", ha detto in televisione "Che idiozia! Che tipo di trattative si possono fare con dei criminali? Abbiamo a che fare con banditi armati e ben preparati, sia locali che stranieri, che devono essere distrutti. Dobbiamo ucciderli".

Tokayev fu di parola. La sparatoria era finita entro venerdì, e la polizia e le truppe hanno certamente ucciso molte persone. Il 9 gennaio hanno annunciato 164 uccisi e oltre 8.000 arrestati, compreso "un numero sostanziale di cittadini stranieri", ma c'erano un paio di punti in sospeso nel copione.

Lo stesso mercoledì in cui sono iniziate le violenze, il presidente Tokayev ha licenziato il presidente in pensione quasi a vita Nazarbayev dal suo restante lavoro come capo del Consiglio di Stato.

Nazarbayev si è dimesso dalla presidenza tre anni fa a causa della sua età (ha 81 anni), ma tutti hanno dato per scontato che fosse davvero ancora in carica, e che stesse ancora preparando sua figlia Dariga per il lavoro. (I manifestanti gridavano "Vecchio, vai!") Poi improvvisamente Tokayev chiede aiuto al presidente russo Vladimir Putin - e Nazarbayev è completamente fuori dal governo.

2.000 truppe russe volano in un giorno. Non sparano a nessun civile, ma una volta a terra Tokayev ordina l'arresto dell'ex capo dell'intelligence del paese, Karim Massimov, con il sospetto di tradimento. Massimov era il più stretto consigliere di Nazarbayev. Tokayev avrebbe osato arrestarlo prima dell'arrivo dei russi?

Non posso fare a meno di unire i puntini, e mi sembra un colpo di stato. Forse un tentativo fallito di colpo di stato in cui la gente di Nazarbayeva stava cercando di riprendere il potere da un Toakyev troppo potente che voleva essere il vero capo, non solo un sostituto di Dariga Nazarbayeva. O forse una mossa dello stesso Tokayev per mettere da parte il Vecchio e la sua ambiziosa figlia.

Tokayev stesso ha ammesso lunedì che le proteste erano in realtà un tentativo di colpo di stato, ma non ha detto chi c'era dietro. La mia ipotesi è che fosse lui. Che non abbia effettivamente iniziato le proteste, ma che abbia visto un'opportunità in esse.

Aveva bisogno del sostegno russo per muoversi contro il Vecchio, e aveva bisogno di una scusa per invitare i russi, così ha mandato i suoi scagnozzi a rendere violente le proteste e creare quella scusa.

O forse non è successo niente del genere, e questa è solo un'altra storia banale dei ricchi e potenti che schiacciano la piccola gente. Mi è concessa una teoria di cospirazione all'anno, e la sto facendo entrare in anticipo.

In ogni caso, so qual era il motivo della Russia. La maggior parte delle persone dimentica che l'Unione Sovietica era solo un altro impero coloniale europeo. Le uniche differenze erano che era un impero di terra e che si è decolonizzato una generazione dopo gli altri.

Putin è cresciuto in quell'impero, ne piange ancora la scomparsa, e coglierà ogni occasione per ripristinare l'influenza dominante della Russia lì. Non c'è una strategia coerente qui. Putin è duro e può essere cattivo, ma è davvero un romantico, non un aspirante conquistatore del mondo.