Suppongo che mio padre fosse in qualche modo abbastanza 'continentale' nel suo approccio alla proprietà di un'automobile, perché non era incline a scambiarle così frequentemente. Una volta che aveva ottenuto l'auto che voleva veramente, la teneva al sicuro nel suo garage per molti anni a venire, usando un "mezzo di trasporto" più economico per tutti i lavori più umili e per il lavoro quotidiano.

Le sue auto preferite sono quasi diventate parte della famiglia. Ha tenuto la sua Mercedes-Benz 450SE del 1974 per 17 anni e sembrava ancora un'auto nuova di zecca quando alla fine è passato a una più moderna Mercedes S500. Il giorno in cui ha dato in permuta la 450SE è stato un momento molto emozionante (per quanto possa sembrare sciocco). Ma un'auto che è stata in giro per 17 anni tende a diventare una costante, una roccia di secoli. Sarà stata 'lì' con te nella buona e nella cattiva sorte. Il vecchio fedele.

Aspirazioni automobilistiche

Mio padre aveva sempre sognato di essere un giorno l'orgoglioso proprietario di una Rolls-Royce o Bentley. Ma possedere effettivamente un'auto così grandiosa era percepito come un bel salto, anche quando divenne chiaro che era in grado di permettersi di realizzare la più decadente delle aspirazioni automobilistiche.

Nonostante sia circondata da un certo cachet, per alcune anime meno entusiaste, una Rolls-Royce è solo un'altra auto - anche se piuttosto costosa. Ma mio padre temeva che la realtà di possedere e guidare un tale veicolo, quando aveva ancora 30 anni, potesse creare una certa impressione. Un'impressione che potrebbe non essere andata giù particolarmente bene tra alcuni dei suoi coetanei. Dopo tutto, una Silver Shadow non era certo la carrozza scelta da un giovane? La maggior parte degli aspiranti trentenni avrebbe probabilmente optato per una Jaguar sportiva o per le prodezze all'avanguardia di una potente Benz moderna. Optando per una Shadow con la pipa e le pantofole, sarebbe sembrato un po' eccessivo e forse anche un po' prematuro.

Tuttavia, il nostro interesse familiare per il marchio Rolls-Royce risale a molto tempo fa. I miei nonni si sono comprati una bellissima Silver Shadow MK2 blu scuro (Windsor Blue) (1978). Ricordo che andavo con loro da Henlys di Chester quando l'auto aveva bisogno di manutenzione o riparazioni.

I miei ricordi d'infanzia di Henlys forniscono una vivida memoria di showroom sontuosi popolati da strani signori vestiti con abiti gessati. Questi uomini passavano le loro giornate a caccia di ogni minimo granello di polvere che osava posarsi sui fianchi lucenti di quelle squisite automobili. Strofinavano via immediatamente qualsiasi segno di dita unte che poteva essere misteriosamente apparso sulle griglie cromate del radiatore o sulle maniglie delle porte. Tutto questo rendeva un'esperienza di showroom come nessun'altra. Era su un altro livello. Distintamente, assolutamente e quintessenzialmente britannico in ogni senso della parola. Una reliquia della vecchia decenza e semplicemente unica.

Tuttavia, mio padre non è diventato effettivamente un proprietario di Rolls-Royce o Bentley fino agli anni '90. Ha tenuto la sua aspirazione a bollire per vent'anni prima di fare il grande passo e comprarne una. Fino ad allora, era rimasto fedele alle sue belle Mercedes Classe S, che erano (senza dubbio) un'auto da guida molto migliore della maggior parte dei grandi leviatani costruiti dall'equipaggio degli anni '70 e dei primi anni '80.

Bentley Otto

Alla fine decise di comprare una Bentley Eight del 1988. La Bentley Eight era il modello che Crewe aveva inizialmente introdotto come Bentley "entry-level", con una specifica più elementare e una griglia altamente distintiva in stile "chip cutter" a rete metallica diamantata che richiamava il famoso periodo d'oro della Bentley a Le Mans.

Tuttavia, pochissimi modelli della Bentley Eight furono commissionati con quelle specifiche di base di fabbrica: sedili in velluto, cerchi in acciaio, impiallacciature in noce a grana diritta e quella griglia a maglia metallica unica. La maggior parte delle Bentley Eight erano in realtà con specifiche molto elevate. Alcuni di loro hanno finito per essere alcune delle più opulente auto aspirate naturalmente per lasciare la fabbrica. La lista degli optional era limitata solo dallo spessore del portafoglio dell'acquirente o forse dalla sua capacità di porre fine a tali eccessi automobilistici.

Alla fine, il modello Bentley Eight fu sostituito dalla Bentley Brooklands, che poteva essere specificata con una versione turbo a bassa pressione del motore V8 Rolls-Royce da 6,7 litri, il motore che aveva alimentato ogni Royce o Bentley che aveva lasciato la fabbrica del Cheshire dal 1959.

Dopo il 1986 le Bentley si sono trasformate in qualcosa che era molto distintamente Bentley nonostante la condivisione di gran parte delle loro basi con i modelli Rolls-Royce del giorno. Una Bentley era dotata di enormi fari doppi Cibié dall'aspetto sportivo. Potevano anche vantare potenti motori turbo e venivano con sistemi di sospensione notevolmente più rigidi; un sistema di sospensione che aiutava a fornire caratteristiche di maneggevolezza notevolmente più nitide che aiutavano a sfruttare tutto quell'incredibile "oomph!

Tutta l'attenzione che era stata profusa sul marchio Bentley pagò enormi dividendi per l'azienda, perché riuscì a tentare con successo un seguito sempre più giovane all'ovile. Una base di clienti nuova, più giovane e ambiziosa iniziò ad apprezzare la ritrovata freschezza, guidabilità e abilità di Bentley. C'era anche un genuino apprezzamento per l'illustre lignaggio e il leggendario patrimonio sportivo del marchio.

Alla fine degli anni '80 e nei primi anni '90, il nome Bentley era diventato sinonimo di una nuova razza di berline sportive altamente capaci. Le auto Bentley non risiedevano più ai margini, semplicemente esistendo come Rolls-Royce rietichettate. Invece, queste magnifiche creazioni hanno superato i modelli Rolls-Royce per la prima volta in assoluto. Era molto facile capire perché perché c'era un livello inconfondibile di lusso spudorato e un grande grado di opulenza Bentleyesque in ogni auto che lasciava i cancelli della fabbrica di Crewe a Pymm's Lane. Un'opulenza che facilmente si abbinava a quella di qualsiasi Rolls-Royce. La Bentley riusciva a racchiudere tutto questo in auto che fornivano anche un piacere di guida senza limiti. Le loro auto potevano anche fornire un ambiente sereno e rilassante di "prima classe" per gli aspiranti magnati che avrebbero preferito impiegare i servizi di un autista professionista.

Le nuove Bentley alla moda degli anni '80 e '90 erano una collezione di automobili che potevano essere all'altezza di ogni occasione senza sforzo e, così facendo, eccellere ad ogni giro di chiave. Erano veramente dei colossi automobilistici, monarchi del macadam e una vera fonte di orgoglio e prestigio per tutti coloro che avevano la fortuna di averle provate.

L'esemplare che mio padre comprò alla fine fu:

Una Bentley Eight che aveva percorso solo 7.000 miglia da nuova, rifinita in Royal Ebony metallic. Il veicolo è venuto con RRSH completo, sedili in pelle pergamena piped ardesia con rotolo superiore ardesia, rotolo ginocchio pergamena e pergamena posteriore parcel shelf. È venuto con bella impiallacciatura Bird's Eye Maple tra cui le rotaie di vita. I tappeti Wilton erano beige, piped Slate tra cui su misura Rolls-Royce lambswool sopra tappeti. E 'stato montato con cerchi in lega Bentley e pneumatici muro bianco.

L'auto è stata acquistata da Michael Powles di Norwich.

Possiedo ancora questo veicolo fino ad oggi. Ha ancora solo coperto 44.000 miglia da nuovo.