BJ è un'artista estremamente talentuosa che lavora principalmente con acrilici e collage, così come con gli oli quando crea un ritratto accattivante. Nel figurativo, nel paesaggio e nella fauna selvatica, l'uso dei colori e l'emozione che viene dal suo lavoro sono a dir poco stimolanti e hanno catturato la mia immediata attenzione.

BJ è cresciuta in Tanganica in Africa orientale, dove "il mare è sempre stato vicino e ha avuto una grande influenza su di me. La mia prima casa da bambina era su Ocean Road a Oyster Bay a Dar es Salaam, all'epoca Tanganica. Quando vivevamo a Bukoba sul grande oceano interno, il lago Vittoria, nella mia prima adolescenza mi sedevo su una roccia in un pergolato di alberi protettivi, sognando il futuro mentre guardavo attraverso quelle vaste acque" "Non sapevo che l'indipendenza significava che la mia famiglia si sarebbe presto trasferita a Praia da Rocha, comprando un piccolo hotel a picco sul mare".

BJ ha svolto un lavoro artistico come designer di produzione e ha creato scenografie per ben 800 spot pubblicitari. Il suo lavoro l'ha portata a viaggiare per il mondo per molti anni a partire dal 1966, trasferendosi a Hong Kong dove ha lavorato "gestendo il Scene, la sua prima discoteca e da lì mi sono trasferita a Sydney, in Australia, dove ho iniziato nel 'biz' cinematografico alla ABC TV, passando dal reparto guardaroba al reparto design prima di tornare in Algarve nel 1972".

Ispirazione

Prima di emergere come artista ha prodotto il film The Right Juice - an Algarve Story. Mi ha sorpreso sapere che BJ si è affermata come artista solo 10 anni fa, dato che ha un repertorio così vasto. Mi ha spiegato cosa la ispira di più: "storie, storie di vita, persone, animali, uccelli, creature. Comportamenti che cambiano i luoghi in cui vivono o che sono influenzati dall'ambiente circostante". Usa la creatività come una valvola di sfogo, spiegando "Ho sempre costruito, scolpito e dipinto", aggiungendo che "Un quaderno di schizzi è sempre con me. Per catturare una storia che si svolge davanti a me, o per registrare un'idea per un dipinto, o qualcosa del genere. Qualcosa creato per rendere quel momento assoluto".

BJ ha fatto solo una manciata di mostre personali, ma mi ha detto che ha esposto in varie mostre di gruppo attraverso l'Algarve Artist Network, per cui si spera di fare alcune mostre quest'anno. Rispondendo ulteriormente a ciò che l'arte significa per lei: "L'arte è una forma di comunicazione che libera qualcosa in me stesso, da solo, in silenzio, intuitivamente, senza salire su una soapbox o marciare in un gruppo. Forse creare opere d'arte mi aiuta a controllare ed esprimere le mie emozioni!"

La mostra più recente di BJ, chiamata "Ouvir o Oceano", tradotto da "Ascolta l'Oceano", si è svolta per oltre quattro mesi al Museo di Portimão, dove i suoi dipinti hanno catturato brillantemente la bellezza dell'oceano e dei suoi abitanti: "La mostra era tutta sul mare. Sulla celebrazione dell'oceano e sull'apprezzamento della nostra più grande risorsa. In molti dipinti mi rivolgo a ricordi di musica, richiamando momenti ritratti sul mio occhio interiore. Cercando un mezzo per esprimere queste immagini mi sono rivolto alla musica stessa, per darle forma e colore, lasciarle raccontare la propria storia, nel mare."

"La mia infanzia e la mia adolescenza in Africa orientale hanno plasmato il mio riguardo per la natura e il mare. Lì gli animali erano selvaggi e liberi. Non avevo paura di loro. Loro avevano il loro posto e io il mio. Rispetto reciproco. Quando vedo il modo sconsiderato in cui gli umani trattano la nostra Terra e i suoi abitanti, sono irritato e inorridito. Voglio gridare e dire loro di fermarsi. Di ascoltare. Di ascoltare il grido degli uccelli, l'angoscia delle bestie e il richiamo sommesso di quelli che abitano il mare profondo, contaminato dalle nostre abitudini egoistiche e negligenti", ha affermato che "il mare ci dirà tutto se solo noi 'Ascoltiamo l'oceano'".

"Per il quadro 'Saudade' mi sono ispirata alle ancore di Praia do Barril, che rappresentano il dominio del mare sulla vita dei pescatori portoghesi e delle loro famiglie; questo ha dato inizio a questa serie. Il richiamo del mare è forte. Le donne che vivono nelle città costiere soffrono l'assenza dei loro uomini con sopportazione". Il dipinto di BJ di un piatto di rifiuti di plastica come pasto intitolato 'Catch of the Day' mi ha davvero colpito, acrilico e collage con uno sfondo di tovaglia di plastica, evidenziando l'urgenza di inquinare l'oceano. Per completare il dipinto BJ ha anche fatto una meravigliosa scultura di Fernando Pessoa dai rifiuti di plastica per portare l'attenzione sullo stato dell'oceano a causa di tutti i rifiuti che buttiamo fuori. Dopo il viaggio di successo intorno all'Algarve occidentale della scultura "A Waste of a Dolphin", fatta con i rifiuti di plastica raccolti sulle spiagge, ha detto, "Durante la pandemia ho pensato a un'altra scultura di rifiuti di plastica, chiedendo agli amici di raccogliere ogni volta che era possibile e sicuro. Nella mia mente c'era Fernando Pessoa. Quel personaggio tranquillo ed enigmatico seduto sulla sua sedia a Lisbona di fronte al Café A Brasileira a Chiado". Quel dipinto e la scultura hanno formato un pezzo centrale della mostra.

Alcune delle opere d'arte di BJ dalla sua ultima mostra sono ancora disponibili per la vendita, per richieste e ulteriori informazioni su questo fantastico artista si prega di vedere https://bjboulter.com.