Jeremy Moore è un cittadino britannico di 62 anni che vive in Portogallo dal giugno 2021. Da quando è arrivato dal Regno Unito ha fatto tutto secondo le regole, ha ottenuto un codice fiscale, un conto bancario e ha comprato una proprietà. Tuttavia, c'è un elemento importante che non riesce ad ottenere: un permesso di soggiorno.

"Per avere la mia residenza qui, devo contattare la SEF, ma quando provo a chiamarli - e ho provato migliaia di volte - non rispondono mai al telefono", ha detto a The Portugal News.

Questa situazione è diventata impossibile da tollerare. Jeremy Moore ama il Portogallo, sua moglie è portoghese, come sua suocera, e ha venduto la sua casa nel Regno Unito per trasferirsi in Portogallo e ritirarsi, ma si rifiuta di stare nell'ombra della legge. Tuttavia, nonostante i suoi sforzi, non riesce a trovare un modo per prendere un appuntamento o parlare al telefono con la SEF.

"Dopo sei mesi che cerco di risolvere la mia residenza, è un po' fastidioso, perché sto cercando di essere un buon cittadino, sto cercando di fare tutto secondo le regole, ma sono rimasto qui più di 90 giorni, ho superato il limite, quindi, in altre parole, sono un immigrato illegale", ha detto.

Chiedendo a SEF di essere espulso

In una e-mail inviata a SEF, alla quale The Portugal News ha avuto accesso, ha spiegato la sua spiacevole situazione e poi ha concluso dicendo che è un immigrato illegale e dovrebbe essere deportato. Inoltre, chiede a SEF un paio di domande: "Verrete ad arrestarmi? Il mio indirizzo è qui sotto; Hai il mio numero di telefono e l'indirizzo e-mail, mi dirai dove venire per essere deportato?; Vuoi che vada alla GNR per consegnarmi?".

Ha aggiunto: "È molto triste che si sia arrivati a questo punto e mia moglie è molto turbata e non vuole vedermi tornare nel Regno Unito, ma io non voglio essere qui come un immigrato illegale, quindi avete il dovere di deportarmi e riportarmi nel mio paese d'origine".

Nella risposta di SEF, dicono di riconoscere che c'è un problema all'interno del sistema che deve essere risolto, che dicono essere una conseguenza della pandemia e del crescente numero di richieste da parte dei cittadini. Dicono anche che stanno lavorando per trovare soluzioni a questo problema. Tuttavia, SEF non presenta alcuna soluzione specifica per questo caso.

Una risposta inaccettabile

"Questa è una situazione ridicola in cui trovarsi. Non dovremmo accettarla. Dovremmo tutti chiedere di essere deportati, tutti quelli che non hanno la residenza. Chiediamo di essere deportati, cacciateci via! Metà dell'Algarve sarà vuota. Il Portogallo sta cercando di incoraggiare gli investimenti, sta cercando di incoraggiare la gente a venire qui, ma non si sono nemmeno preoccupati di rispondere al telefono", si è lamentato.

Crede che questa mancanza di risposta da parte delle autorità portoghesi sia una cattiva pubblicità per il Portogallo. Tuttavia, ama ancora il paese e loda il popolo portoghese: "I portoghesi non sono così. La cultura portoghese consiste nell'essere educati, nel rispettare gli altri. Questo corpo governativo non è portoghese, sono stranieri e non si comportano come i portoghesi".

Jeremy Moore ama questo paese ma vuole sistemare le cose. "Non ho intenzione di infrangere nessuna legge e non voglio sentirmi indesiderato in questo paese". L'unica cosa che chiede è la possibilità di consegnare i suoi documenti e diventare un immigrato legale in Portogallo - il paese che ha scelto per trascorrere la sua vita con la sua famiglia.