C'è un'opzione che potreste trovare attraente, l'onnivora, che è stata recentemente nelle notizie. Non è una nuova dieta, ma sta attirando nuova attenzione soprattutto perché è considerata da molti esperti come ecologica.

L'interesse per le diete a base vegetale si è gonfiato negli ultimi mesi a causa delle intermittenti carenze di carne, insieme alla speranza che una dieta più sana possa aiutarci se dovessimo contrarre il Covid-19. Tuttavia, mangiare a base vegetale era già di tendenza pre-coronavirus pandemia. Forse si sente che era una bistecca o un petto di pollo lontano dal distruggere la propria salute, e le preoccupazioni per l'impatto ambientale delle nostre scelte alimentari.

Un vegetariano con cui ho parlato la settimana scorsa mi ha detto: "Sono vegetariano, ma a volte ho davvero voglia di una bistecca". Non c'è dubbio che ci voglia un forte impegno verso le proprie convinzioni per seguire una dieta vegana o vegetariana, non ultimo per il fatto che la maggior parte dei ristoranti non offre davvero questa alternativa, anche se questo sta cambiando.

Cos'è una dieta onnivora?

Una dieta onnivora, che prevede cibi sani e genuini, fornisce benefici sia dalla carne che dalle piante. Le carni magre forniscono proteine, vitamine del gruppo B, vitamina E e minerali come magnesio, ferro e zinco. Inoltre, le vitamine e i minerali presenti negli alimenti a base vegetale possono aiutare a proteggere dall'obesità e a combattere condizioni come malattie cardiache, ictus, calcoli renali, perdita di massa ossea, diabete e cancro. Inoltre, l'"American Journal of Clinical Nutrition" ha riportato in uno studio che i partecipanti che hanno seguito una dieta onnivora e hanno partecipato a esercizi di forza hanno guadagnato più massa muscolare senza grasso rispetto ai vegetariani che hanno preso parte agli stessi esercizi.

È più sano essere vegetariani o onnivori?

Non c'è una risposta semplice a questa domanda. Una delle principali preoccupazioni per coloro che preferiscono una dieta vegetariana è assicurarsi che vengano forniti nutrienti adeguati, in particolare calorie e proteine. La carne è la principale fonte di proteine nella maggior parte delle diete, quindi i vegetariani devono seguire altre strade per ottenere proteine adeguate. Si tratta principalmente della famiglia dei legumi, che consiste di piante che producono un baccello con semi all'interno. Il termine "legume" è usato per descrivere i semi di queste piante.

I comuni legumi commestibili includonolenticchie, piselli, ceci, fagioli, soia e arachidi. Idiversi tipi variano molto in nutrizione, aspetto, gusto e uso. Senza carne nella dieta, gli esseri umani tagliano la vitamina B12 e limitano il DHA/EPA (forme attive di grassi omega-3), nutrienti che promuovono la salute del cervello. Al contrario, è dimostrato che una dieta vegetariana ha un rischio minore di alcune malattie.

Cosa offre una dieta onnivora?

A causa della grande quantità di variazioni tra le diete onnivore, non esiste un piano alimentare standard che la maggior parte delle persone segue. Alcuni onnivori sono principalmente carnivori e mangiano carne ad ogni pasto; altri seguono una dieta "flexitarian" e mangiano carne solo raramente. Nei piani alimentari onnivori più equilibrati, i pasti e gli spuntini contengono cibi di tutti e cinque i gruppi principali: latticini, cibi ricchi di proteine, frutta, verdura e cereali.

Qual è l'impatto ambientale della nostra dieta?

Questa può essere la domanda critica. Riscaldamento globale, inquinamento del suolo, contaminazione dell'acqua... L'agricoltura e la produzione di cibo hanno un impatto enorme sul nostro pianeta. Ma come possiamo ridurre l'impronta di carbonio della nostra dieta?

Forse dobbiamo renderci conto che la nostra dieta è uno dei settori con il più forte impatto ambientale. Per produrre cibo su scala industriale in modo che tutti siano sfamati, sono necessari molti ettari di terra, e vengono spesso utilizzati molti fertilizzanti, pesticidi, erbicidi e fungicidi.

In termini di impatto ambientale, si dice spesso che una dieta vegetariana è meno dannosa. In realtà, produrre carne ha un enorme impatto ambientale. Sembra che ci siano pochi dubbi sul fatto che questo sia vero. Una mucca allevata per la sua carne emette tra i 70 e i 120 kg di metano ogni anno, che ha un contributo al riscaldamento globale che è 23 volte più forte del CO2.

Per produrre 1 kg di carne di manzo, il bestiame deve essere nutrito, il suo cibo (cereali, fieno, ecc.) deve essere coltivato e si usa anche molta acqua. Molto spazio e terreni particolari sono occupati per allevare il bestiame. È poi necessario trasformare l'animale in carne consumabile (macellazione, taglio, lavorazione, imballaggio...). Tutto questo contribuisce all'emissione di gas serra. Forse i vegetariani hanno ragione. La loro dieta è molto più amichevole per l'ambiente. Le diete vegetariane e vegane sono quelle con l'impronta di carbonio più bassa, con 1,7 e 1,5 tonnellate di CO2 equivalente emesse all'anno per persona, rispettivamente. Allo stesso tempo, gli "amanti della carne" emettono 3,3 tonnellate di CO2 equivalente all'anno per persona, il doppio della dieta vegana.

Infine, se consideriamo fattori diversi dalla CO2 (come l'inquinamento del suolo, dell'acqua e della biodiversità), le cose sono ancora complicate. Per esempio, le coltivazioni di frutta, verdura o cereali possono essere molto dannose per l'ambiente a causa dell'uso di pesticidi, erbicidi e altri fungicidi che distruggono la biodiversità e inquinano il suolo e l'acqua. D'altra parte, la produzione di certe verdure (cetrioli, lattuga, sedano) richiede grandi quantità di energia e acqua, rendendo i calcoli ancora più complessi. E tutto questo non tiene conto della deforestazione causata dalla coltivazione di colture come la soia, o dalla monocoltura.

Nessuna risposta facile

A meno che non abbiate l'impegno di seguire una dieta vegana o vegetariana, tutti dovremmo cercare un equilibrio nella nostra dieta. Meno carne rossa di sicuro, ma questo lo sapete. L'umanità sta facendo un lavoro incredibile nel distruggere il pianeta, tutto nella ricerca del piacere personale. Forse dovremmo pensare 'ambientalmente' e almeno pensare più attentamente a ciò che mangiamo, da dove proviene (locale è meglio) e che effetto sta avendo la nostra scelta alimentare sul nostro pianeta. La frutta e la verdura biologica sono una buona scelta e sono molto più disponibili al giorno d'oggi. Il cibo trasformato deve essere evitato il più possibile.

Con un po' di riflessione, si può fare la differenza.