(Tu lì, in fondo. Smettila di ridacchiare! Non c'è niente da ridere! La pace è appesa a un filo!)

Gli storici desiderosi di un momento di ribalta vengono tirati fuori per fare dei paralleli con i disastri diplomatici del passato come la conferenza di Monaco del 1938 (pacificazione di Hitler) e Yalta nel 1945 (dividere l'Europa e dare a Stalin la metà orientale nel 1945).

E questo è appena arrivato! Il vice ministro degli esteri Sergei Ryabkov, appena tornato a Mosca dai colloqui, ha detto alla televisione russa che se i colloqui fallissero, non potrebbe "né confermare né escludere" che la Russia invierebbe "risorse militari" a Cuba e Venezuela.

Wow! Un pugnale - no, due pugnali - puntato al cuore dell'America (anche se dovranno lavorare sulla lunghezza del pugnale venezuelano, visto che sono 2.000 km. da Caracas a Miami). Se questo non costringe gli americani a cedere, cosa lo farà?

Mi dispiace. Basta con il sarcasmo. È solo che tutto questo saltellare in giro e fare lo scemo per la telecamera diventa stancante. Questa è una piccola disputa diplomatica che è stata deliberatamente gonfiata ben oltre il suo merito, e viene presa troppo sul serio.

Cominciamo con la Russia che gioca la 'carta cubana'. Cuba è ancora un paese comunista, e anche il regime di Maduro in Venezuela ha aspirazioni in quella direzione - ma la Russia, nel caso l'abbiate dimenticato, ha smesso di essere comunista trent'anni fa.

Il regime di Putin a Mosca è nazionalista-populista, e Cuba non ha assolutamente alcun motivo per ospitare truppe russe e rischiare di innescare un confronto con gli Stati Uniti. In ogni caso le truppe russe a Cuba non costituirebbero una minaccia militare per gli Stati Uniti. Che cosa faranno? Invadere la Florida?

L'intenzione di Ryabkov era ovviamente quella di fare un "Come ti piacerebbe se...?" sui diplomatici americani. Come vi piacerebbe se ci fossero truppe russe "a 90 miglia dalla Florida" (come si diceva durante la crisi cubana del 1962), e non truppe NATO a 450 km. da Mosca (che è dove sono ora).

La risposta americana adulta a questo sarebbe "Chi se ne frega?" Nella vita reale, c'è un certo numero di trogloditi nel Congresso degli Stati Uniti che si agiterebbero per le truppe russe a Cuba - ma poiché i cubani non sarebbero d'accordo in primo luogo, è davvero abbastanza irrilevante.

Bene, allora, che dire dei presunti precedenti storici: Monaco e Yalta? Entrambi riguardavano la concessione di una "sfera d'influenza" in Europa a una grande potenza (la Germania nel 1938, l'Unione Sovietica nel 1945) che poteva facilmente imporre i suoi desideri sul terreno.

La Russia sta effettivamente chiedendo una sfera d'influenza paragonabile nei suoi vecchi paesi "satelliti", che non avrebbero il permesso di avere truppe straniere amiche sul loro suolo anche se sono membri della NATO, ma è un completo non-starter. La Russia non ha la capacità militare di imporre la sua volontà sul terreno.

Quindi ci sarà una "guerra in Europa", come suggeriscono i titoli febbrili? Non nel senso che suggeriscono: massicce forze corazzate che attraversano interi paesi, con la minaccia di una guerra nucleare che incombe sullo sfondo. Ma ci potrebbe essere qualche sparatoria sul o appena dentro il confine dell'Ucraina con la Russia.

Naturalmente, c'è già un po' di sparatoria lungo quel confine, nelle province secessioniste sostenute dalla Russia di Donetsk e Luhansk. Come il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto venerdì, Putin potrebbe ora pianificare di provocarne un po' di più.

Kirby ha avvertito che la Russia "ha pre-posizionato un gruppo di agenti per condurre quella che chiamiamo un'operazione false-flag, un'operazione progettata per sembrare un attacco su di loro o su persone di lingua russa in Ucraina, come scusa per entrare". Potrebbe avere ragione - e potrebbe avere torto. I satelliti possono vedere la loro posizione, ma non le loro intenzioni.

Qualcosa è entrato in Putin, e sta cercando concessioni che dovrebbe sapere di non poter ottenere, con minacce che non può far rispettare.

È possibile che vada a sbattere contro uno scontro locale che porterebbe a dure sanzioni sulla Russia.

È estremamente improbabile che cerchi di conquistare tutta o anche solo metà dell'Ucraina.

È quasi inconcepibile che questo finisca con battaglie in stile Seconda Guerra Mondiale tra grandi forze corazzate.