Il Consiglio europeo ha adottato oggi una raccomandazione su un approccio coordinato per facilitare la libera circolazione in sicurezza durante la pandemia di Covid-19.

Secondo il Consiglio europeo: "Questa raccomandazione risponde al significativo aumento della diffusione del vaccino e alla rapida introduzione del certificato digitale Covid-19 dell'UE, e sostituisce la raccomandazione precedentemente esistente. Entrerà in vigore il 1° febbraio 2022, lo stesso giorno di un atto delegato che modifica il regolamento sul certificato digitale Covid-19 e prevede un periodo di accettazione di 270 giorni per i certificati di vaccinazione".

Nuove raccomandazioni

Secondo la nuova raccomandazione "le misure del Covid-19 dovrebbero essere applicate tenendo conto dello status della persona invece che della situazione a livello regionale, ad eccezione delle zone in cui il virus circola a livelli molto alti. Questo significa che lo stato di vaccinazione, test o recupero del Covid-19 di un viaggiatore, come evidenziato da un valido certificato digitale Covid-19 dell'UE, dovrebbe essere il fattore determinante.

"Un approccio basato sulla persona semplificherà sostanzialmente le regole applicabili e fornirà ulteriore chiarezza e prevedibilità ai viaggiatori".

Il Consiglio europeo sottolinea che un certificato digitale Covid-19 UE valido include:

- Un certificato di vaccinazione per un vaccino approvato a livello europeo se sono passati almeno 14 giorni e non più di 270 giorni dall'ultima dose della serie di vaccinazione primaria o se la persona ha ricevuto una dose di richiamo. Gli Stati membri potrebbero anche accettare i certificati di vaccinazione per i vaccini approvati dalle autorità nazionali o dall'OMS.

- Un risultato negativo del test PCR ottenuto non più di 72 ore prima del viaggio o un test antigenico rapido negativo ottenuto non più di 24 ore prima del viaggio.

- Un certificato di guarigione che indichi che non sono passati più di 180 giorni dalla data del primo risultato positivo del test.

La dichiarazione sottolinea che chiunque non sia in possesso di un certificato digitale Covid-19 dell'UE potrebbe essere richiesto di sottoporsi a un test prima o non oltre 24 ore dopo l'arrivo. I viaggiatori con una funzione o un bisogno essenziale, i pendolari transfrontalieri e i bambini sotto i 12 anni dovrebbero essere esentati da questo requisito.

Mappa delle regioni dell'UE

La dichiarazione continua a spiegare che: "Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) dovrebbe continuare a pubblicare una mappa delle regioni degli stati membri che indica il rischio potenziale di infezione secondo un sistema a semaforo (verde, arancione, rosso, rosso scuro). La mappa dovrebbe essere basata sul tasso di notifica dei casi a 14 giorni, sull'adozione del vaccino e sul tasso di test.

"Sulla base di questa mappa, gli stati membri dovrebbero applicare misure riguardanti i viaggi verso e dalle aree rosso scuro, dove il virus sta circolando a livelli molto alti. Dovrebbero in particolare scoraggiare tutti i viaggi non essenziali e richiedere alle persone che arrivano da queste zone e che non sono in possesso di un certificato di vaccinazione o di guarigione di sottoporsi a un test prima della partenza e alla quarantena dopo l'arrivo".

Freno di emergenza

"Secondo la nuova raccomandazione, il freno d'emergenza per rispondere all'emergere di nuove varianti che destano preoccupazione o interesse è rafforzato. Quando uno Stato membro impone delle restrizioni in risposta alla comparsa di una nuova variante, il Consiglio, in stretta collaborazione con la Commissione e con il sostegno dell'ECDC, dovrebbe riesaminare la situazione. La Commissione, sulla base della regolare valutazione delle nuove prove sulle varianti, può anche suggerire una discussione in seno al Consiglio.

Durante la discussione, la Commissione potrebbe proporre al Consiglio di concordare un approccio coordinato per quanto riguarda gli spostamenti dalle zone interessate. Qualsiasi situazione che porti all'adozione di misure dovrebbe essere rivista regolarmente".

Non giuridicamente vincolante

Infine, si sottolinea che si tratta di una semplice raccomandazione e non è giuridicamente vincolante in nessuno degli Stati membri, in quanto rimangono responsabili dell'attuazione del contenuto della raccomandazione.

Il governo portoghese non ha ancora commentato se adotterà queste ultime raccomandazioni.