La Guinea-Bissau è uno dei più poveri e meno considerati dei 54 paesi dell'Africa - deve persino condividere il nome con il suo vicino più grande, la Guinea Equatoriale, e la lontanissima Papua Nuova Guinea. Ma l'ex colonia portoghese sulla costa dell'Africa occidentale ha due distinzioni: ha visto 9 colpi di stato o tentativi di colpo di stato dal 1980, ed è il principale "narco-stato" del continente.

Il più recente colpo di stato riuscito in Guinea-Bissau è stato il "narco-colpo di stato" del 2012, guidato dal capo di stato maggiore dell'esercito, il generale Antonio Indjai. Era, secondo un rapporto dell'Iniziativa Globale contro il crimine organizzato transnazionale, destinato principalmente a "ottenere il controllo del lucrativo commercio di cocaina in rapida crescita".

La democrazia civile è tornata ora in Guinea-Bissau, anche se nella persona di un ex generale dell'esercito, il presidente Umaro Cissoko Embaló, eletto alla fine del 2019. Lui e il suo gabinetto hanno trascorso cinque ore sotto tiro nel palazzo presidenziale martedì, mentre uomini pesantemente armati in abiti civili (ma probabilmente soldati, in realtà) hanno cercato di ucciderli.

Sono sopravvissuti, anche se molte altre persone sono morte, ma bisogna aspettarsi questo genere di cose quando il tuo paese diventa un importante punto di transito per la cocaina latinoamericana diretta in Europa e in Medio Oriente. Embaló stesso ha detto che gli aggressori erano legati alla droga nel paese, ma non ha spiegato perché questo lo avrebbe reso un bersaglio. Quindi tirerò a indovinare.

Come almeno la metà degli eserciti in Africa, le forze armate della Guinea Bissau sono collettivamente un gruppo d'interesse concentrato principalmente sull'auto-avvaloramento, ma ci sono quasi sempre fazioni rivali all'interno dell'esercito che si contendono il controllo su vari flussi di entrate governative e private.

Come ex generale, Embaló dovrebbe essere associato a una di queste fazioni. Anche se non è, o non è più, attivo nel traffico di droga, la sua fazione lo sarà, e questo lo rende un bersaglio per le altre fazioni. Proprio come negli innumerevoli narco-thriller disponibili online, non si può mai veramente uscirne.

La Guinea-Bissau si distingue perché c'è così tanto denaro della droga in giro, ma il fenomeno del colpo di stato è molto più ampio di questo. Infatti, la vecchia frase "la cintura dei colpi di stato" sta tornando in uso, perché la grande maggioranza dei colpi di stato sta avvenendo nella vasta fascia centrale dell'Africa che si estende dalla costa atlantica attraverso il Sahel fino al Mar Rosso.

Questa è senza dubbio la regione più povera dell'Africa, con redditi pro capite spesso sotto un dollaro al giorno, ed è anche la meno istruita. Il cambiamento climatico sta cominciando a colpirla duramente, dato che il tempo più caldo generalmente significa meno pioggia - e quello che cade evapora di nuovo più velocemente.

Il fatto che quasi tutti questi paesi siano musulmani significa che sono tutti vulnerabili agli attacchi degli estremisti jihadisti che si impegnano in massacri all'ingrosso di quelli meno estremisti di loro. Gli eserciti che combattono questi fanatici, specialmente il Mali (8 colpi e tentativi di colpo di stato), il Niger (7), il Burkina Faso (9) e il Ciad (8), hanno subito pesanti perdite e si sentono poco apprezzati e sottopagati.

Inoltre, non c'è nessuna forza contraria che impedisca ai soldati di prendere il potere: le economie sono traballanti, i governi sono corrotti, e la vita è così dura per la maggior parte delle persone che accoglieranno con favore una presa di potere militare, almeno all'inizio. Quando le cose vanno molto male, è difficile ricordare che possono sempre peggiorare.

Ma è necessario un senso delle proporzioni. In Africa meridionale e orientale non ci sono stati quasi nessun colpo di stato militare negli ultimi vent'anni, a parte il Burundi, il Lesotho e una volta in Zimbabwe. (Battuta dello Zimbabwe: come fai a sapere che c'è stato un colpo di stato militare? R: C'è un generale in televisione che ti dice che quello che è appena successo non è un colpo di stato militare).

E anche la moda dei colpi di stato militari si sposta con lo svolgersi della storia. Per la maggior parte del XIX secolo e la prima metà del XX, la grande maggioranza dei colpi di stato è stata in America Latina, e il resto nei Balcani. La maggior parte del resto del pianeta, naturalmente, era sotto i tacchi dei vari imperi europei.

Il periodo d'oro dei colpi di stato militari in Medio Oriente è stato nel 1945-75, da quando l'Africa ha dominato questo particolare campo di attività. Ma se la recente impennata nella 'Coup Belt' dell'Africa è davvero collegata al riscaldamento globale, allora possiamo anche aspettarci una rinascita in altre parti del mondo. Contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte delle persone non si comporta bene sotto pressione.