Sono le nove del mattino. Gli autobus iniziano a raccogliere passeggeri, gli studenti corrono a scuola mentre i loro genitori si precipitano negli uffici. È un giorno qualunque a Évora - una città piena di storia, che ci divertiremo a girare e a trovare belle sorprese, ma per ora è tempo di fare colazione e di fare una breve chiacchierata sulla città.

Anche se è presto, il tempo è abbastanza promettente. Sarà sicuramente una bella giornata! Il clima qui è mediterraneo e di solito fa caldo a Évora, anche a metà febbraio.

Évora è quasi la capitale dell'Alentejo, essendo la città più popolosa dell'interno del paese con più di 50.000 persone che vivono e lavorano lì. Inoltre, è una città di primo piano per gli studenti per seguire le loro passioni e seguire i corsi universitari. Infatti, gli studenti sono l'anima della città. Purtroppo, Évora ha una popolazione molto anziana e gli studenti aiutano a migliorare la dinamica del luogo.

Inoltre, è stata classificata come patrimonio dell'UNESCO dal 1986 e si capisce chiaramente perché. Le vestigia romane, gli stili gotico, romanico e manuelino, così come l'enorme muro che circonda la città, la rendono un luogo unico in Europa.

Tempio di Diana

Il primo posto che abbiamo deciso di visitare è stato il Tempio Romano di Évora. Ero curiosa perché non avevo mai visitato quel posto ed è molto famoso in Portogallo - è un tale dono che un monumento come questo si sia conservato fino ad oggi!

Nonostante tutte le distruzioni subite quando i popoli barbari invasero la regione, il superbo monumento rettangolare mantiene le sue caratteristiche originali e il podio fatto di blocchi di granito è quasi intatto. Il Tempio Romano, conosciuto anche come Tempio di Diana, si trova in cima alla città, insieme a un bellissimo giardino dove le famiglie si godono le giornate di sole nei fine settimana.

Igreja dos Lóios(Chiesa diLóios)

Dopo aver lasciato il tempio, che è completamente gratuito, si può visitare la biblioteca pubblica e la Igreja dos Lóios, conosciuta anche come Igreja de São João Evangelista, è un luogo dove riposa il conte Olivença e tutta la sua famiglia.

Accanto a una cisterna musulmana (del tempo in cui i Mori occupavano la città), c'è un'apertura nel terreno dove si possono vedere molte ossa dei vecchi monaci (Lóios) che erano lì. Ma non troverete solo i cadaveri, potrete anche ammirare i bei pannelli di tegole e l'interessante architettura gotica. Al momento, dato che alcune parti del sito sono in costruzione, il biglietto costa solo 4 euro perché permette solo la visita alla chiesa stessa.

Cappella delle ossa

Parlando di ossa, c'è un luogo che è un'icona della città, il suo nome è Capela dos Ossos, in inglese "Chapel of Bones". Il nome è strano, ma è ancora più macabro non appena si entra lì - il luogo morboso ha circa 5.000 cadaveri che decorano le pareti e anche scheletri appesi a corde.

Arrivando alla Cappella delle ossa, all'entrata troverete il messaggio "Nós ossos que aqui estamos pelos vossos esperamos", che in inglese significa "Noi ossa siamo qui in attesa delle vostre".

Pranzare

Dopo questa avventura, abbiamo deciso di andare a pranzo. In realtà non è una buona idea dopo aver visto tutte quelle ossa, ma i piccoli ristoranti ci attiravano con gli odori che si diffondevano per le strade dalle cucine. Erano le 13 e molte persone avevano cominciato a sedersi sulle belle terrazze per godersi i loro pasti: turisti, lavoratori e anche studenti. La varietà è enorme e ci sono anche accoglienti ristorantini vegani dove mangiare.

Foto di Evora

Acquedotto Água de Prata

Dopo pranzo abbiamo deciso di esplorare il bellissimo acquedotto di Évora, che non ci aspettavamo fosse così grande. L'acquedotto finisce nella città di Évora e ospita delle persone. Sì, ci sono case costruite in mezzo all'acquedotto, sfruttando i muri di pietra.

La costruzione dell'acquedotto Água de Prata fu iniziata da D. João III nel 1532. Évora non ha un fiume o un mare nelle vicinanze, quindi questo acquedotto di 18 km continua a rifornire la città di acqua, anche oggi.

Inoltre, siamo usciti dalla città (vicino al convento di Cartuxa, che è chiuso al pubblico, dato che ci sono ancora dei monaci che vivono all'interno) e abbiamo scoperto un sentiero per camminare lungo l'acquedotto - se ci andate, può essere un buon modo per esercitare le gambe!

Museo di Évora

Costruito nel 1915, mostra la storia e la cultura di Évora. Ci sono ancora diversi pezzi d'arte che sono stati fondamentali da quando le prime persone sono venute a vivere a Évora. Come parte della visita, troverete rari manufatti preistorici e gioielli.

Vista panoramica al Sé de Évora(Cattedrale di Évora)

Abbiamo deciso di terminare la nostra giornata nel punto più alto di Évora, il Sé de Évora, che si è trasformato in un incredibile punto di vista sul paesaggio della città, oltre al bellissimo giardino e alle meravigliose opere d'arte che vi abbiamo trovato.

Per gli amanti della storia, credo che questa cattedrale del Sec. XIII sia una delle principali attrazioni della città. Lì abbiamo trovato l'arte gotica, poiché è un monumento che mostra una transizione dal romanico al gotico.

Lasciare Évora è sempre una decisione difficile da prendere. C'è sempre qualcos'altro da visitare e non abbiamo avuto tempo per tutto in un solo giorno. Oggi, ho solo avuto un assaggio di questa città bella e ben conservata.

Nel nostro caso, per entrare a Évora abbiamo usato la macchina, ma ci sono opzioni più ecologiche per viaggiare come l'autobus (Expresso) o i treni che collegano Évora a Lisbona, che a sua volta la collega a tutto il paese. Se venite dall'estero, l'aeroporto più vicino è quello di Lisbona Humberto Delgado, che dista solo un'ora dalla città di Évora.