Sono stati davvero molto duri. Sei anni dopo i Chagossiani (Ilois, come si chiamano) sono stati raccolti, caricati su navi e scaricati sul lungomare di Port Louis a Mauritius, dove la maggior parte di loro ha vissuto da allora in miseria. Ma questo mese un certo numero di loro è tornato sulle isole su una nave mauriziana.

Non per restare, ancora. Sono stati seguiti da una nave britannica di "protezione della pesca" durante tutta la loro visita, che ha comicamente affermato che stava "cooperando nella ricerca ambientale". Ma la bilancia si è spostata così tanto a favore degli ex residenti che la nave britannica non ha osato fermare la nave mauriziana.

Mentre l'equipaggio della loro nave lavorava per definire i confini marittimi del territorio per il governo mauriziano, gli Iloi hanno rivisitato le loro vecchie case, ormai senza tetto e invase dalla vegetazione. In seguito dovettero tornare alle Mauritius - ma perché furono esiliati in primo luogo?

Il crimine di cui Gore-Booth parlava spudoratamente nel 1966 fu commesso per conto degli Stati Uniti. Le isole Chagos, un arcipelago di 62 atolli corallini nel mezzo dell'Oceano Indiano, sarebbero state una base ideale per i bombardieri da cui dominare gran parte dell'Asia meridionale e dell'Africa orientale, e il Pentagono le voleva.

La Gran Bretagna, nella sua solita modalità "kiss-up, kick-down", fu felice di farlo, ma c'era un problema. Le isole Chagos erano state governate come parte della colonia britannica di Mauritius, che doveva ottenere l'indipendenza nel 1968. Gli Stati Uniti non erano entusiasti di avere un'importante base strategica in un paese africano indipendente, quindi bisognava fare qualcosa.

La soluzione, ovviamente, era separare le isole Chagos dalle Mauritius e dichiararle Territorio Britannico dell'Oceano Indiano (BIOT). Facile da fare: offrire ai mauriziani 3 milioni di sterline per le isole, e dire loro che non possono avere l'indipendenza se non accettano l'accordo.

Tuttavia, questo accadeva nel pieno della decolonizzazione, quando i territori coloniali di tutto il "Terzo Mondo" reclamavano il diritto all'autodeterminazione. E se gli Ilois facessero lo stesso? Beh, allora sarebbe meglio rimuovere tutti gli abitanti.

Ed è quello che la Gran Bretagna ha fatto nel 1972, sostenendo falsamente che non c'era popolazione residente, ma solo lavoratori a contratto. Gli Ilois non sono stati autorizzati a tornare per cinquant'anni, e tutte le persone che erano effettivamente nate lì stanno invecchiando, ma i loro figli e nipoti non hanno dimenticato.

Sono riusciti a ottenere una decisione nei tribunali britannici nel 2000 che ha stabilito che l'espulsione era stata illegale e ha ordinato al governo britannico di lasciar tornare a casa gli isolani. Avrebbero anche potuto obbedire - se non fosse che il 2001 ha portato gli attacchi dell'11 settembre, e la base statunitense sull'isola Chagos di Diego Garcia è diventata un punto chiave nella "guerra al terrorismo".

I B-52 americani che volano dalle isole Chagos hanno bombardato l'Afghanistan e l'Iraq a intervalli per vent'anni, e Diego Garcia, senza popolazione civile, divenne un punto di transito per i prigionieri che venivano trasportati senza traccia tra i "siti neri" americani in tutto il pianeta. Le isole erano state affittate a lungo dal Regno Unito, e gli Stati Uniti non volevano che fossero restituite.

La Gran Bretagna insiste ancora di essere il potere sovrano sulle isole (anche se sono gli Stati Uniti a gestirle), ma da quando la Corte Internazionale di Giustizia ha stabilito nel 2019 che l'intera espulsione è stata illegale, è sulla difensiva. L'Assemblea Generale dell'ONU, e più recentemente il Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare, hanno appoggiato quella sentenza.

Ci vorrà del tempo, ma gli Stati Uniti non hanno più bisogno di una base a Diego Garcia, poiché hanno accesso a basi aeree in Qatar, Bahrain, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti, tutte molto più vicine all'azione. Inoltre, Mauritius dice che non gli importa se la base rimane, purché riabbia le sue isole.

Così le Ilois torneranno presto a casa - e nel frattempo, ecco un fatto divertente. L'arcipelago delle Chagos si trova sul fondo di una gigantesca depressione a forma di scodella nell'oceano profonda quasi 100 metri. Se il mare fosse effettivamente a livello - se non fosse per l'enorme anomalia gravitazionale che tiene aperta quella ciotola - le isole Chagos sarebbero tutte in acque molto profonde.