L'UE, come sappiamo, si è sempre vantata di essere un faro luminoso per la pace e la stabilità globale. Questa posizione radicata di essere il bastione della pace e dell'unità europea è stata una componente fondamentale nella sua stessa creazione. Ma ora, in questi tempi assolutamente senza precedenti, ci sediamo, totalmente esterrefatti, mentre apprendiamo che l'UE ha promesso di trasformarsi da un progetto di pace in una fonte di finanziamento per armi letali per aiutare a sostenere le forze armate ucraine, in qualche modo assediate ma comunque resistenti.

Questo è un momento importante nella storia che annuncerà il giorno in cui l'UE finalmente fletterà i suoi muscoli sulla scena geopolitica. Questa è stata un'aspirazione a lungo sostenuta da alcuni degli stalwarts più vocali dell'UE come Macron della Francia - anche se nessuno desiderava che un tale cambiamento avvenisse in circostanze così drastiche.

Senza alcun dubbio, questo è un momento veramente storico per un'Unione Europea solitamente bloccata dalla divisione e dall'indecisione sulle questioni di politica estera. Molti si sono chiesti se l'approccio tradizionalmente pigro dell'UE avrebbe impedito al blocco di fare qualsiasi sanzione credibile o efficace contro la Russia di Putin e la sua cerchia di oligarchi. Non questa volta.

In un certo senso, Putin ha trionfato dove molti presidenti americani hanno vacillato. Le sue azioni in Ucraina hanno spinto la Germania non solo a rispettare i suoi impegni di spesa nella NATO, ma a superarli.

Questa svolta epocale da parte della più grande economia del continente è un altro momento molto significativo. Non solo l'impegno della Germania nei confronti della NATO è stato improvvisamente rafforzato, ma il governo di Berlino ha anche invertito il divieto a lungo mantenuto sulle esportazioni di armi in aree di grande conflitto. La Germania sta ora inviando armi e munizioni all'Ucraina. Aggiungete a questo l'enorme decisione politica della Germania (almeno per il momento) di staccare la spina su un progetto chiave, il gasdotto Nord Stream-2. Possiamo chiaramente vedere che "l'effetto Putin" è veramente tangibile, senza precedenti e profondamente preoccupante ben oltre l'Ucraina stessa.

Stiamo anche assistendo a un consenso molto diverso sul tema spinoso della migrazione. Dalla crisi dei migranti del 2015, i territori dell'Europa orientale come la Polonia e l'Ungheria sono stati oppositori vocali delle politiche migratorie dell'UE. Ora, innumerevoli rifugiati ucraini vengono accolti da Varsavia.

Tutti quei vecchi risentimenti sulla migrazione hanno costantemente ostacolato la riforma dei protocolli di asilo dell'UE. Tuttavia, mentre scrivo questo articolo, ci aspettiamo che il blocco finalizzi le misure che concederanno ai cittadini ucraini il permesso temporaneo di rimanere all'interno dell'UE-27 per un massimo di tre anni. Il ponte levatoio che era stato alzato dopo la crisi dei migranti del 2015 è stato finalmente abbassato, fornendo agli sfollati dell'Ucraina un'ancora di salvezza assolutamente vitale.

Le azioni di Putin sono anche riuscite a risvegliare l'assopita politica di allargamento del blocco. Questa è stata in profondo letargo per almeno un decennio. La Croazia è stato l'ultimo paese ad entrare nell'UE nel 2013. Da allora altri paesi hanno aspettato in disparte. Naturalmente, questo è stato interamente dovuto al fatto che la Russia di Putin non vede di buon occhio le aspirazioni espansionistiche di UE/Nato. Specialmente quelle riguardanti l'Ucraina, che è stata a lungo vista dalla Russia come un'umiliante perdita territoriale dopo la scomparsa dell'Unione Sovietica.

Qualsiasi nozione di adesione dell'Ucraina all'UE era, per Putin, un passo troppo lungo. Una tale mossa avrebbe effettivamente portato "l'Occidente" a poca distanza dal confine russo, potenzialmente diminuendo o almeno minacciando la "sfera di influenza" della Russia. L'etica della NATO "tutti per uno e uno per tutti" era vista, da entrambe le parti, come un punto di infiammabilità potenzialmente pericoloso che avrebbe potuto facilmente intensificarsi e diventare il catalizzatore di un pericoloso conflitto tra Russia e NATO.

In un pezzo di contro-sabbia, il presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen ha recentemente detto: "Loro (l'Ucraina) ci appartengono. Sono uno di noi e li vogliamo dentro (l'UE)". Tuttavia, non è di competenza di nessun presidente della Commissione europea decidere esclusivamente se (o meno) l'Ucraina diventa membro dell'UE. È un punto chiave da ricordare che questo (l'adesione ucraina all'UE) non accadrebbe per molti anni a venire. Ciò che è improvvisamente diverso è che questo argomento viene discusso seriamente a Bruxelles proprio ora, in un momento così delicato. Solo pochi giorni fa l'argomento era assolutamente tabù e qualsiasi seria contemplazione dell'adesione ucraina alla Nato era del tutto impensabile. Questo è ciò che rende l'incursione di Putin così incredibilmente bizzarra.

L'Occidente, fino a poco tempo fa diviso, sembra improvvisamente afferrare lo stesso foglio d'inno. C'è un crescente coro di narrazioni armoniose, tutte desiderose di emettere una serie di sanzioni sempre più dure contro Mosca. Persino le idee divergenti sull'esclusione o meno della Russia dal sistema di pagamento Swift sono state rapidamente risolte.

La fobia di Putin ha persino portato a disegnare in Finlandia e Svezia che ora sembrano più desiderose che mai di unirsi all'alleanza NATO. Tutto questo è dovuto al signor Putin che l'incursione in territorio ucraino sembra essere stata del tutto controproducente per quanto lo riguarda.

Quindi. Lontano da Putin che costruisce la sua reputazione sia internamente che globalmente, è invece riuscito a trasformare il presidente ucraino Zelensky in una specie di statista internazionale. Zelensky è ora universalmente ammirato per il suo coraggio, eroismo e determinazione. Un uomo assolutamente determinato a resistere a una tirannia che si è presentata sotto forma di un attacco totalmente non provocato, ingiustificato e scioccamente violento al suo amato paese e al suo popolo.

Di fronte a un numero sempre minore di amici e alleati genuini sia in patria che all'estero e con le sue azioni che sembrano avere un ritorno di fiamma su troppi fronti, Putin ha messo le sue forze nucleari in massima allerta. Ma anche questa più spaventosa delle azioni non è riuscita finora a distogliere l'attenzione da tutti quei grandi tabù che sono andati in frantumi in tutta Europa e ben oltre. C'è certamente la sensazione che le mutevoli maree della storia stiano cospirando contro Putin.

Da ciò a cui molti di noi hanno assistito di recente, penso che sia già diventato abbastanza chiaro che c'è solo una persona là fuori che ha veramente fiducia nella dubbia logica di Putin - ed è Putin stesso. Le espressioni sulle facce di alcuni dei suoi militari socialmente distanziati mentre fletteva il suo muscolo nucleare davanti a un pubblico globale completamente disorientato hanno detto tutto.

Qualunque cosa accada, sembra proprio che la Russia di Putin si sia messa con le spalle al muro. Sia che la Russia vinca o perda la battaglia a portata di mano, rimarrà poco chiaro cosa sia la "vittoria" nel mondo reale. La Russia si troverà certamente isolata. Nelle stime della maggior parte delle persone, questo non equivale affatto a una vittoria, non importa come il Cremlino scelga di vestirla.