Questi sono coleotteri spettacolarmente grandi con pinze spaventose all'estremità della testa - ma non sono interessati a noi umani - sono concentrati su... um... le donne, diciamo, e combattono altri maschi. Vivono nei boschi di querce e castagni e sono il coleottero più grande d'Europa. I maschi che lottano per il territorio (o le femmine!) è normale, in alto sugli alberi, e il primo coleottero che cade perde tutto.

Sotto minaccia

Non si vedono spesso in Portogallo, e infatti non credo di averne mai visto uno, e sono rari. La loro lotta per esistere come specie è ancora più complessa. Il cervo volante europeo è classificato come quasi minacciato nella Lista Rossa dell'IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura).

Nome latino Lucanus cervus, sono grandi, neri e non solo lottano tra di loro, ma anche per la sopravvivenza perché stanno perdendo il loro habitat naturale di boschi di querce. Ci credereste che sono oggetto di un censimento condotto da tredici paesi europei - che hanno creato la rete europea di monitoraggio del cervo volante per cercare di aumentare la conoscenza delle dimensioni, della distribuzione e delle tendenze della popolazione. La rete è stata avviata nel 2008 da ricercatori di otto paesi e si è estesa a tredici paesi nel 2016. Il Portogallo si è unito al team nel 2017, in uno sforzo che ha riunito ricercatori e studenti dell'associazione BioLiving, l'Unità di fauna selvatica del Dipartimento di Biologia dell'Università di Aveiro, la Società portoghese di Entomologia e l'Istituto per la conservazione della natura e delle foreste (ICNF, in portoghese).

I primi risultati del censimento in Portogallo hanno rivelato l'esistenza di 470-550 coleotteri cervi, con la maggior parte delle osservazioni effettuate nel Nord e Centro Nord del Portogallo, essendo Braga, Porto e Aveiro, i distretti con il maggior numero di coleotteri. Gli insetti sono stati trovati non solo nei boschi ma anche nelle zone urbane - nelle case, nelle strade e nei parchi urbani.

Nei mesi estivi emergono come coleotteri adulti, dopo aver trascorso i tre o quattro anni precedenti come bruchi all'interno del legno morto, nutrendosi delle radici delle querce che sono morte o hanno parti morte, e fanno la loro parte, inconsapevolmente, per aiutare a rigenerare le foreste. Quando emergono per la prima volta, sono in missione per riprodursi e spenderanno le loro riserve di energia nella caccia a una femmina - e nella lotta per il territorio. Poiché non possono mangiare cibo solido, si affidano alle riserve di grasso accumulate durante lo sviluppo come larva, ma possono usare la loro lingua piumata per bere dalle colate di linfa e dai frutti molli caduti.

Aspetto robusto

Ora passiamo al loro aspetto. Una creatura dall'aspetto robusto, la sua testa e il torace (sezione centrale) sono generalmente di colore nero lucido, con casse alari marrone castagna. I coleotteri maschi sembrano avere enormi corna, ma in realtà si tratta di mandibole sovradimensionate, utilizzate nelle dimostrazioni di corteggiamento e per lottare con altri coleotteri maschi. I maschi adulti variano in dimensioni da 35 mm a 75 mm di lunghezza e tendono ad essere visti volare al tramonto in estate alla ricerca di una compagna. Le femmine sono più piccole, tra i 30 e i 50 mm di lunghezza, con mandibole più piccole, e sono spesso viste a terra in cerca di un posto dove deporre le uova. Hanno una durata di vita di ben 7 anni. Non pensereste che molto possa predarli, ma sono sicuramente nel menu di diversi uccelli, rane, rospi, lucertole, volpi, ricci e altri insetti, specialmente quando il coleottero è più vulnerabile (e forse non presta piena attenzione) nella stagione degli amori! Se ne trovate uno e siete tentati di raccoglierlo, fate attenzione a quelle grandi mandibole che possono dare un pizzico sorprendentemente forte, quindi maneggiatelo delicatamente solo per il corpo.

Le larve adulte possono essere lunghe fino a 110 mm. Hanno una pelle abbastanza liscia, testa e gambe arancioni e mandibole marroni. Si trovano quasi sempre sotto terra e possono trovarsi fino a mezzo metro di profondità, nutrendosi di legno in decomposizione.

Gli scarafaggi cervo, conosciuti come kuwagata mushi in giapponese, sono molto popolari come animali domestici in Giappone, proprio come gli scarafaggi rinoceronte (kabuto mushi), ma non posso immaginare di portarne uno al guinzaglio per una passeggiata!