Il Portogallo è un grande produttore di sughero di alta qualità, infatti più della metà dei tappi di sughero del mondo provengono dalle querce da sughero del Portogallo. Dovremmo comprare solo vino imbottigliato in sughero per sostenere il Portogallo?

Alcuni rapporti suggeriscono che il Portogallo produce fino a 40 milioni di tappi di sughero al giorno, che vengono esportati in tutto il mondo. In effetti, alcuni rapporti dicono che circa il 70% dei tappi di vino provengono dal Portogallo, e questa produzione risale a centinaia di anni fa.

Il sughero è la corteccia della quercia da sughero (Quercus suber L), che cresce nelle regioni mediterranee come Spagna, Italia, Francia, Marocco, Algeria e, più in particolare, qui in Portogallo, dove ci sono più di 720.000 ettari di boschi di sughero. Ovunque vi troviate nel mondo, quando aprite una bottiglia di vino è molto probabile che abbia un tappo portoghese. Quindi, quando dite "salute", ringraziate il Portogallo.

Come la maggior parte della gente sa, l'albero del sughero non viene mai danneggiato, ogni nove anni la corteccia viene strappata e ricresce naturalmente. Il sughero migliore proviene dal primo taglio, noto come sughero vergine, apparentemente l'unico taglio adatto allo Champagne. Dico la maggior parte delle persone, dato che Marks and Spencer qualche anno fa è passata ai tappi a vite per i suoi vini. Hanno rilasciato un comunicato stampa dicendo che l'avevano fatto per proteggere gli alberi di sughero, dato che dovevano essere abbattuti per rimuovere il sughero. L'ignoranza è una beatitudine!

Ci sono altre scelte

Tuttavia, ci sono altre scelte e i tappi a vite e persino i vini in scatola da tre o cinque litri sono disponibili ovunque. Qual è il migliore? È semplicemente una questione di convenienza o il tradizionale tappo di sughero è l'unico modo per mantenere la tua bottiglia di vino in ottime condizioni.

Nessuna persona ragionevole prenderebbe mai in considerazione una bottiglia di Champagne, indipendentemente dal prezzo, con un tappo a vite. Ma per il vostro vino da tavola di tutti i giorni, il tappo a vite è molto conveniente, e così facile da risigillare la bottiglia per l'uso in un giorno o due. Avete mai provato a rimettere un tappo di sughero in una bottiglia di vino usata a metà? Non è facile.

Poi c'è la questione della qualità. Il sughero è il miglior materiale per sigillare una buona bottiglia di vino. Gli esperti non sono tutti d'accordo. Il sughero è super malleabile, il che lo rende perfetto per mantenere le bottiglie di vino chiuse fino a quando non si vuole bere da loro. È stato dimostrato che resiste all'invecchiamento a lungo termine senza compromettere la qualità del vino ed è anche il materiale più ecologico da usare. Il sughero è anche da due a tre volte più costoso dei tappi a vite e respira a tassi variabili, quindi c'è solo una rara possibilità che la tua bottiglia non sia ben sigillata e vada a male.

Che dire dei tappi a vite

I tappi a vite sono stati introdotti nel 1964 e rapidamente abbracciati da paesi come l'Australia e il Nord e Sud America. Jessica Ball, M.S., RD ha scritto su EatingWell "Il primo vantaggio di usare i tappi a vite è che sono una frazione del prezzo dei tappi di sughero, quindi è una grande opzione per i vigneti che cercano di ridurre i costi di imballaggio. Inoltre non corrono il rischio che il "tappo di sughero" rovini le loro bottiglie. Sono un po' troppo nuovi sul mercato per dirlo con certezza, ma studi preliminari hanno dimostrato che hanno risultati positivi per l'invecchiamento a lungo termine. In effetti, alcuni studi hanno scoperto che conservano il vino meglio dei tappi di sughero! Sono anche facili da aprire senza alcuna attrezzatura e possono essere chiusi ermeticamente".

Non ho mai visto un vino portoghese sigillato con un tappo a vite, forse non è sorprendente. Il Portogallo è la patria del sughero, i produttori di vino dovrebbero sostenere un'industria nazionale, qualcuno romperà i ranghi alla fine, ma potrebbe volerci ancora un po'. Ciò che molti produttori locali hanno prontamente abbracciato è il cartone del vino.

Vino in scatola

Sommelier Business News riporta: "C'è uno stigma che è inculcato nel cervello di tutti riguardo al vino in cartone: la sua bassa qualità. Ma è davvero di bassa qualità? Tutto ciò che è sul lato più economico è automaticamente preso in considerazione come di bassa qualità, o 'non abbastanza buono', soprattutto nel mondo del vino. Ma, sorpresa, non è così, soprattutto quando si tratta di vino in scatola".

L'idea è partita dall'Australia del Sud, ma è stata rapidamente ripresa dai produttori di vino di altri paesi. In realtà, il vino non è contenuto in una scatola di cartone, ma in una fodera di plastica sigillata. Originariamente il vino in scatola era considerato di qualità inferiore, ma nel 2003, Black Box Wines ha introdotto i vini premium in scatola battendo l'idea che i vini in scatola sono i vini economici e di qualità inferiore.

Con il passare degli anni, il vino in scatola sta diventando sempre più una norma piuttosto che qualcosa che si guarda dall'alto in basso. Tuttavia, questo è solo il caso delle persone che conoscono molto il vino. Il consumatore medio di vino ha ancora messo in relazione il vino in scatola con il vino di bassa qualità. Mi dispiace, ma si sbaglia.

Potreste chiedervi se i vini premium sono confezionati in una scatola, come fanno i vini in scatola ad essere ancora così economici e accessibili. La ragione principale per cui i vini in scatola sono più economici è perché la materia prima usata per produrre l'imballaggio del vino in scatola costa meno di quella del materiale usato per fare l'imballaggio in vetro. Questo non significa che la qualità sia compromessa nel vino in scatola.

Il problema è che se si apprezza il vino, e la maggior parte di noi lo fa, c'è tutta una "mistica" nell'aprire una bottiglia di vino, assaporare l'aroma e poi portarla in tavola per servirla. Non vedo molte persone portare una scatola di vino al tavolo e armeggiare con il rubinetto di plastica per riempire il bicchiere di un ospite.

Devo ammettere che per pura comodità, preferisco i tappi a vite, sentitevi liberi di dirmi che mi sbaglio.