Le linee generali del bilancio statale sono già state presentate dal governo ai partiti parlamentari, così come alle parti sociali. La squadra di governo che ha parlato con i partiti comprendeva il ministro delle Finanze (Fernando Medina), così come i ministri della Presidenza (Mariana Vieira da Silva) e degli Affari parlamentari (Ana Catarina Mendes).

Reazioni iniziali

Le prime reazioni dei partiti PSD, Chega e PAN includevano tutte "austerità", in riferimento al rifiuto del governo di accompagnare l'aumento dell'inflazione con aumenti di reddito (stipendi e pensioni), preferendo invece avviare misure che credono possano controllare i prezzi.

Paulo Mota Pinto, il nuovo leader parlamentare del PSD, ha detto che "il governo non si è impegnato, non ha dato per scontato che non ci saranno perdite di reddito. L'obiettivo del governo è quello di evitare la contaminazione [dell'inflazione], una spirale recessiva, lo capiamo, anche se c'è un ritorno nascosto di una certa austerità dovuta alla prevedibile perdita di reddito, cioè nei salari direttamente controllati dallo Stato". Secondo Paulo Mota Pinto, il governo ha ribadito la sua convinzione che l'inflazione "è un fenomeno temporaneo, pur sottolineando che non può prevedere quanto sarà lungo questo periodo temporaneo".

Contesto difficile

Inês Sousa Real del partito PAN ha usato la stessa espressione: "Siamo di fatto di fronte ad un contesto difficile in cui il governo ci sta in qualche modo portando verso un percorso di possibile austerità. Possiamo chiamarlo come vogliamo, ma la verità è che questi sono anni difficili". Pertanto, a suo parere, e "in un contesto in cui il governo è già arrivato a dire che non vuole aumentare i salari, è essenziale che il carico fiscale delle famiglie e delle imprese possa essere alleviato".

André Ventura, di Chega, ha detto che la "sensazione" che ha avuto è che una "certa dose di austerità" è in arrivo - anche se allo stesso tempo ha garantito che i membri dell'esecutivo con cui ha parlato hanno cercato di negare che sono previsti aumenti delle tasse.

Testardaggine

Il blocco di sinistra, non volendo mettere questo governo nello stesso sacco del governo Passos Coelho (2011-2015), ha rifiutato esplicitamente di parlare di "austerità".

Pedro Filipe Soares ha detto invece che le risposte che l'esecutivo prevede per l'inflazione avranno un "impatto molto limitato" sui prezzi del carburante. In altre parole: "C'è una testardaggine che non possiamo accettare: quando guardiamo l'inflazione galoppante che porterà a una maggiore pressione sulle famiglie, la conseguenza che c'è da parte del governo è che non vuole cambiare la politica dei redditi e dei salari".

Il partito PCP ha anche criticato l'assenza di misure come "il controllo e la fissazione dei prezzi massimi", aggiungendo che la proposta "non risponde alle questioni centrali del nostro paese".

Come previsto da parte del PS, è garantito il contrario: "Proteggendo i prezzi, in particolare quelli dell'energia e dell'agroalimentare, proteggiamo il reddito delle famiglie", ha detto il nuovo leader parlamentare del PS, Eurico Brilhante Dias.