"Questo problema peggiorerà una situazione già oscura", ha detto a The Portugal News Emília Costa Vicente, la direttrice delle scuole di Lagoa.

Le scuole sono molto felici di accogliere questi nuovi studenti, ma hanno bisogno di risorse, cioè di più insegnanti. "Questi studenti spesso si integrano in classi che sono già piene, dove qualsiasi altro studente di solito non entrerebbe".

Al momento il gruppo di scuole che gestisce ha già soddisfatto le condizioni per assumere un insegnante in più, ma non ce ne sono da assumere. Per far fronte a questo problema, gli insegnanti permanenti sono sovraccaricati di ore extra. "È già un vecchio problema e quest'anno, con questa situazione, sarà ancora peggio. Inoltre, nel prossimo decennio, il 40% dei nostri insegnanti andrà in pensione e non sono sicuro di come si risolverà, questa situazione è insopportabile... Abbiamo molte persone che fanno gli straordinari e sono vicine alla pensione".

Secondo Emília, alcune scuole sono in una situazione molto difficile. "In questo gruppo di scuole, che ha ricevuto solo 20 studenti finora, le difficoltà non sono ancora molto complicate, ma sappiamo che ci sono scuole che affrontano grandi lotte", ha detto.

Lavoro poco attraente

"Se si chiede a qualsiasi bambino se vuole fare l'insegnante, nessuno vuole più fare l'insegnante. Anche se le medie sono più basse, i corsi sono vuoti perché non è affatto attraente. Solo gli insegnanti che amano veramente il loro lavoro continuano ad impegnarsi".

Ha aggiunto: "Gli insegnanti più giovani che arrivano si trovano di fronte a questo e molto spesso risolvono i loro contratti. La gente non può sopportarlo. Preferiscono lavorare in un parco acquatico, in un laboratorio o in qualcos'altro".

Tutto sommato, spera che in futuro qualcuno trovi una soluzione a questo problema sempre crescente.