Conosciuto come l'Hospital de Bonecas in portoghese, è una fantastica curiosità situata in Praça da Figueira, 7, a Lisbona ed è stato notevolmente fondato nel 1830.

L'ospedale delle bambole ha acceso la mia curiosità, così ho dovuto scoprire di più sulla sua storia dalla proprietaria dell'ospedale, Manuela Cutileiro.

Questa magica azienda familiare vende bambole, senza dimenticare gli accessori, restaura e ripara bambole e altri giocattoli nella sua sala operatoria e vanta un'incredibile collezione di bambole nel suo museo.

Ricucire i ricordi

La famiglia di Manuela Cutileiro si occupa di rammendare i ricordi d'infanzia da quasi 200 anni: "L'ospedale è stato fondato da Dona Carlota, e questo negozio tradizionale era originariamente un negozio di erbe medicinali che vendeva erbe secche e tisane che erano molto ricercate all'epoca. Dona Carlota era anche un'artigiana ed era molto abile quando si trattava di fare bambole. Faceva le bambole dell'epoca, che erano un tipo di bambole di pezza e così il suo negozio divenne noto anche per le sue bambole. Quando le bambole cominciarono ad evolversi, lei cominciò a riparare le bambole dei bambini locali e fu così che nacque l'ospedale". Hanno mantenuto le loro radici e vendono ancora tè ed erbe medicinali e riparano ancora con amore le amate bambole di tutti.

Manuela Cutileiro mi ha detto che, oggi, il loro team non è molto grande ed è un team familiare di un massimo di cinque persone a seconda del carico di lavoro. Nonostante le dimensioni del team, la reputazione dell'ospedale è cresciuta notevolmente: "Siamo un luogo dove si conserva tutto, dove si conserva la nostalgia dell'infanzia, i ricordi, dove ogni cosa ha il suo spazio, ed è forse per questo che funzioniamo da molti anni".

"Non abbiamo molte bambole che sappiamo essere rare, ma vogliamo essere sempre un ospedale, e in ospedale tutti i pazienti hanno lo stesso valore, per questo non ci piace molto differenziare le nostre bambole. Ci piace essere conosciuti come una grande sala giochi dove tutti possono stare".

Un tesoro di Lisbona

Un tesoro di Lisbona? Sicuramente, ma ha anche catturato il cuore di persone di tutto il mondo, con Manuela che spiega che i giocattoli che vengono da loro per le riparazioni sono di fatto internazionali: "Intendo davvero da tutto il mondo, non ripariamo solo bambole o giocattoli portoghesi, vengono da Australia, America, Israele e persino da Hong Kong".

Manuela ha spiegato che il tipo di lavoro che fanno nelle riparazioni dipende "dalla malattia della bambola, oggi, facciamo anche restauri di dipinti e porcellane. Il nostro lavoro è molto vario e ancora più fantasioso". Per quanto riguarda ciò che li distingue dagli altri ospedali per giocattoli in tutto il mondo è che "riparano tutto, da quegli orsi a grandezza naturale che si vedono all'ingresso dei negozi nei centri commerciali al più piccolo degli orsi che i bambini portano nello zaino in aereo". Inoltre, a parte le riparazioni, vendono bambole dalla Spagna, spesso mettendole in abiti che hanno fatto loro e hanno tutti i tipi di abbigliamento, compresi gli abiti più tradizionali, nonché accessori e scarpe.

Manuela mi ha detto che ciò che ha ispirato il loro fantastico museo è stato il "gran numero di giocattoli che hanno accumulato durante molte generazioni, perché l'ospedale è rimasto in famiglia, nello stesso edificio, al quarto piano ed è stato tramandato di generazione in generazione".

Ha ammesso che "il quarto piano cominciò a diventare troppo piccolo per il numero di giocattoli che avevamo accumulato e cominciarono a chiederci di mostrare il piano a gruppi di bambini di diverse scuole e la pressione per avere un'esposizione arrivò quando un congresso di biblioteche per bambini ci chiese di aprire completamente le nostre porte ai bambini delle scuole. Questo perché al primo piano dell'edificio c'era una scuola per soli ragazzi, con insegnanti che vivevano nello stesso edificio. Abbiamo un legame speciale con la scuola e conserviamo la sua memoria nel nostro museo, la cosa speciale è che molti ex-alunni visitano ancora il nostro ospedale e condividono le loro fotografie".

Bambole portoghesi

Mi è stato poi detto che le bambole del museo non sono solo portoghesi e che il Portogallo non è mai stato così grande nella produzione di bambole: "Non c'è una grande quantità, né una grande storia di bambole portoghesi che si possono vedere al museo, perché hanno solo una manciata di bambole fatte in Portogallo" Manuela mi ha detto che, solo i loro giocattoli di cartone e le bambole di pezza sono veramente artigianali e portoghesi. Aggiungendo inoltre che "siamo sempre stati dipendenti dalle bambole spagnole, con la convinzione che sono buone solo se sono spagnole ed è per questo che abbiamo sempre avuto poche fabbriche di bambole".

"Negli anni '50, c'erano alcune fabbriche che facevano lo stesso tipo di bambole che in Spagna, ma i proprietari di quelle fabbriche erano in realtà spagnoli ed erano fuggiti in Portogallo durante la guerra civile, quindi non si poteva dire onestamente che la bambola fosse nostra".

Per quanto riguarda le paure delle bambole, Manuela mi ha detto che durante Halloween hanno creato un'esposizione "con le nostre bambole vestite come i personaggi più malevoli dei film dell'orrore e come ex insegnante, lo facciamo a scopo educativo, abbiamo una bambola cry baby che abbiamo dipinto i suoi capelli e fatto il suo trucco per farla assomigliare a Chucky, aggiungendo anche un coltello di plastica per l'effetto."Aggiungendo che "questa esposizione è per demistificare l'idea delle bambole e dei film horror e per far vedere ai bambini che l'unico terrore è nella nostra testa e che le povere bambole sono solo usate come figure come qualsiasi altra cosa nei film".

La prossima volta che sarete a Lisbona dovrete semplicemente venire a vedere l'ospedale di persona, perché le parole non rendono giustizia a questo luogo unico, è un'esperienza unica! Per maggiori informazioni, visitate www.hospitaldebonecas.com e potete trovarli su Facebook @hospitaldebonecas1830.