Il loro mix eclettico porta qualcosa di speciale ad ogni concerto o evento in cui si esibiscono, dove ciò che si sente è ciò che suonano!

Il gruppo è formato dal bassista Roy West, dal chitarrista solista e voce, da Tim Jackson, voce solista e chitarra acustica, da David Currah, dall'orchestratore e strumentista Ken Blunt e dal batterista professionista Stick, con l'etica di "divertirsi tanto quanto la gente che ci guarda!".

Ho avuto il piacere di parlare con Roy West, che suona il basso da 40 anni. Per quanto riguarda l'ispirazione, mi ha detto che ai tempi della sua giovinezza si trattava di "musica rock forte, dura e pesante, come Motörhead, Metallica e AC/DC" e che comprava sempre e solo album di studio dal vivo. "Puoi trovarmi quasi sempre con una maglietta dei Motörhead e se guardi il logo del Rockhopper, uno dei pinguini ha una maglietta dei Motörhead".

Incontrare la band

Roy mi ha raccontato che la sua carriera, avendo lavorato per Ben and Jerry's negli ultimi 21 anni, ha preso il sopravvento e che aveva molto meno tempo per la musica. Poi Roy si è trasferito nella bella cittadina di Sesmarias nel 2018 e ha partecipato a una jam session pubblicizzata al Carvoeiro Tennis Club dove ha conosciuto il batterista Stick e sua moglie e si è unito alla band come bassista. Ha finito per incontrare gli altri membri in un'altra jam session e tutti hanno iniziato a parlare del tipo di musica che gli piaceva suonare e tutto è scattato con il nuovo nome Rockhopper.

"Il nostro legame con la musica rock ha fatto scattare la molla, siamo tutti cresciuti con il rock classico degli anni '60 e '70. Nel corso degli anni abbiamo suonato tutti i tipi di musica rock, negli anni '80 io suonavo heavy metal e punk, così come il batterista, ma alcuni degli altri ragazzi suonano più rock classico, quindi abbiamo messo tutto insieme".

Il batterista, Stick, vive in Algarve da 30 anni e suona la batteria a livello professionale da 40 anni, quindi è un batterista davvero bravo. Dave, cantante e chitarrista del gruppo, vive qui da oltre 30 anni, è un costruttore e canta e suona da anni. Poi c'è Tim, il chitarrista solista, la cui carriera si è svolta nell'insegnamento, in gran parte in Medio Oriente, e che si è ritirato qui nel 2016; infine Ken, il tastierista, è un musicista appassionato di jamming e ama suonare di tutto e di più. Vive qui da oltre 20 anni ed è stato un consulente informatico per la maggior parte della sua carriera: "Veniamo tutti da posti diversi, facendo cose diverse, suonando ogni sorta di cose diverse. All'improvviso arrivi in Algarve e tutto si fonde".

Rockhopper quella canzone!

I Rockhopper hanno un repertorio vario, con oltre 70 cover di gruppi come AC/DC, Pink Floyd, Queen, Roy Orbison, The Rolling Stones, The Waterboys e The Stranglers, solo per citarne alcuni, senza contare un paio di brani propri che vi faranno alzare in piedi e ballare in men che non si dica. Roy ha raccontato: "Alcuni dei primi brani che facciamo non li sentirete mai più dagli originali perché non sono più in circolazione ed è bello mantenerli vivi e farli vivere. Direi che siamo più attori che artisti, per noi se la gente si alza a ballare è un ottimo feedback".

Ha spiegato: "Quello che ci piace fare con alcune canzoni è quello che chiamiamo Rockhopper la canzone, quindi facciamo le cose con un tocco diverso. Per esempio, potremmo prendere una canzone classica degli anni '60 e farla diventare rock, oppure potremmo avere una canzone dei Kinks con il basso dietro, più simile a quella degli Stranglers".

E aggiunge: "Cerchiamo di mantenere un buon equilibrio tra le canzoni che suoniamo, in modo che ce ne siano alcune più tranquille e altre più intense. L'intero set è progettato per essere un po' equilibrato, quindi se qualcuno vuole che suoniamo in silenzio per la prima ora, possiamo farlo", aggiungendo ironicamente che "poi diventiamo più rumorosi man mano che la serata va avanti".

Roy ha parlato di uno dei loro concerti più recenti: "Il 23 aprile abbiamo festeggiato il compleanno di mia moglie al Figos 7 Bar di Carvoeiro, un piccolo bar fantastico ed è stato fantastico suonare lì. Volevo fare un ringraziamento a Yvette, abbiamo preparato un bel po' di cibo e sono venute molte persone, è stato molto divertente. È stato anche molto bello che ci abbia chiesto di tornare a suonare, cosa che faremo il 14 maggio. Ci stiamo anche infilando nel Carvoeiro Bar alla fine del mese, il che sarà interessante per cinque persone e per tutta l'attrezzatura, ma ce la faremo e abbiamo molti altri progetti per l'estate!".

Per maggiori informazioni, visitate il sito https://rockhopperband.com/, dove potrete contattarli per le prenotazioni e dove potrete iscrivervi alla loro newsletter per rimanere aggiornati sui prossimi concerti. In alternativa, è possibile visitare la loro pagina Facebook @RockhopperBand, dove pubblicano i loro eventi ed è un altro modo per prenotarli per il vostro evento speciale.