Tuttavia, durante quei meravigliosi giorni d'oro, almeno le mie sopracciglia erano rimaste stabili, non superando mai i 6 mm circa di lunghezza. I fastidiosi peli nasali erano una cosa che affliggeva solo i nonni che sbuffavano per la Woodbine. E i peli dilaganti nelle orecchie? Scordatevelo. Non mi sarebbe mai e poi mai successo.

Poi, naturalmente, ho raggiunto i 40 anni. Imparai rapidamente il significato del vecchio adagio "stai attento a ciò che desideri". La giovinezza non era poi così male.

Certo, a 40 anni la mia voce è diventata un po' più roca. Mi sono anche informata in modo preoccupante sui numerosi benefici per la salute associati al consumo di prugne secche, avena e crusca. Utilizzavo il termine "ruvido" come "regolare", come chiaramente aspiravo a essere. Per quanto riguarda le sopracciglia e i peli nasali? Improvvisamente, i follicoli prima passivi si trasformarono in piccoli crateri espulsori di peli arrabbiati. I singoli peli espulsi, che per tutti i miei giorni erano rimasti intorno ai 6 mm, improvvisamente si sono sparpagliati come le erbacce impazzite di Jumanji. Per quanto riguarda i peli delle orecchie? Ho imparato che i barbieri turchi hanno un metodo ingegnoso per risolvere il problema. Si tratta dell'uso di accendini lanciafiamme. Per l'amor di Dio, qualunque cosa facciate, non provate le loro tecniche a casa!

Capri

Cose strane!

Sì, è vero. All'età di "oltre 40 anni" succedono cose strane. All'improvviso i poliziotti hanno la faccia da bambino e le vigilesse sono sempre più attraenti. Ma come se non bastasse, dal nulla, ho sviluppato un interesse personale per un'auto che fino a quel momento mi interessava poco, fin dai tempi della mia infanzia. Una Ford Capri.

Vedete, quando avevo raggiunto i 40 anni, la Capri era uscita di produzione da quasi 20 anni. A quel punto, la Capri era diventata appannaggio di vecchietti con la pancia da birra, le magliette marroni e le basette a cotoletta. Uomini che indossavano abitualmente giacche di pelle rustica color fulvo e cappelli da cowboy borchiati che tendono sempre a sembrare un po' unti. La Capri era diventata una sorta di auto di nicchia che aveva creato un culto tra i divorziati di mezza età chiamati Pete. Un Pete che possiede una Capri conosce almeno una dozzina di altri Pete che possiedono anch'essi una Capris, a volte molti di loro. È proprio così.

Un piacere raro

Devo confessare che oggigiorno la vista di una Ford Capri decente e ben tenuta sta diventando un piacere sempre più raro. Soprattutto in un'epoca in cui molte auto moderne sono diventate così scandalosamente noiose. Almeno la Capri ha un po' di stile e di carattere. Il design della Capri non è mai stato realizzato da un programma CAD della Microsoft "One size fits all". E questo fa la differenza. La nostalgia è un fattore saliente quando si ammirano le auto di culto e può influenzare la visione di una persona, rendendo difficile non scivolare in una mentalità da "vecchia scuola".

Il nome "Capri" esisteva già da molti anni prima di arrivare sulle coste europee. Era stato utilizzato su alcuni modelli Ford americani a partire dagli anni Cinquanta. Il primo fu la Lincoln Cosmopolitan Capri del 1950. Nel 1952 il nome fu nuovamente utilizzato per la Lincoln Capri. Nel frattempo, da questa parte dell'oceano, la Ford Capri non fu nemmeno la prima auto europea a utilizzare questo nome. Il riconoscimento andò alla Ford Consul Capri del 1961, una sorta di versione fastback della Ford Classic.

Più esotico

Tuttavia, tutte le Ford Capri avevano una cosa in comune. Erano coupé e cabriolet a due porte. È chiaro che Ford intendeva associare il nome Capri a qualcosa di più esotico della norma. Un'auto dal look sportivo che alludeva a prestazioni un po' diaboliche. Qualcosa di complessivamente un po' sexy.

La Capri fu creata tenendo ben presente la convenienza economica. Si trattava di un'auto nata per dare un tocco di sportività automobilistica alla vita dei colletti blu. Per questo motivo, la Ford ricorse alla sua collaudata strategia di attingere a un comune magazzino di ricambi per procurarsi i pezzi e ridurre così i costi di produzione. Il budget per lo sviluppo della Ford Capri era di 20 milioni di sterline, quindi era inevitabile che venissero aggiunti pezzi dalla gamma di modelli esistenti della Ford. Molti componenti della Capri MK1 provenivano dalla Corsair, mentre lo sterzo e i fanali posteriori erano stati presi direttamente dalla Escort MK1.

Veramente conveniente

Nel 1969, la Capri aveva un prezzo d'ingresso di appena 890 sterline. Questo prezzo rendeva la Capri davvero insolita, perché si trattava di una coupé davvero conveniente, anche se prodotta in serie. Il modello era disponibile con un'ampia gamma di motorizzazioni, molte delle quali non erano affatto veloci. È giusto dire che alcune varianti erano addirittura deprimentemente letargiche, ma tutte avevano "il look".

La Capri è stata prodotta dal 1968 al 1986. Durante i 18 anni di produzione, il marchio ha presentato tre generazioni. La MK1 fu prodotta dal 1968 al 1973, mentre la MK II fu prodotta tra il 1974 e il 1978. Nel marzo 1978 Ford presentò la terza generazione di Capri, che in realtà era solo una MK II ampiamente rinnovata. Questa vettura rimase in produzione (in numerose versioni) fino alla fine della produzione, nel 1986.

Le fabbriche Ford britanniche e tedesche produssero versioni diverse della Capri. I motori erano diversi. La Capri MK1 di produzione tedesca montava i motori Ford Taunus V4. Questi motori erano disponibili nelle varianti da 1,3, 1,5 e 1,7 litri, mentre le auto di produzione britannica erano dotate di motori Kent (quattro cilindri in linea) da 1,3 e 1,6 litri. Le affannose 1.3 (57 CV) impiegavano 23 secondi per raggiungere le 60 miglia orarie. Anche la velocità massima non era niente di speciale, con appena 84 miglia orarie. In seguito, Ford introdusse come motore di base un 1,3 litri (60 CV) a flusso incrociato. Questa nuova edizione non migliorò di molto le prestazioni, ma garantì una maggiore raffinatezza e durata. Ford introdusse anche i motori crossflow da 1,6 e 2,0 litri della Ford Pinto americana.

Naturalmente, anche le Capris erano dotate di motori più grandi. Queste auto potevano raggiungere facilmente le 100 miglia orarie. Nonostante le fabbriche tedesche e britanniche producessero auto con motori diversi, entrambe le fabbriche producevano unità V6 per i modelli di fascia alta. Si trattava dell'Essex 3.0 britannico e del Colonia 2.8 tedesco. Le normative sempre più severe sulle emissioni fecero sì che i motori Cologne finissero per avere la meglio sugli Essex. I V6 di Colonia vennero quindi montati su tutti i modelli di alta gamma costruiti nel Regno Unito e le vecchie unità Essex vennero definitivamente ritirate.

Purtroppo, dopo tanti anni di automobilismo, non sono mai riuscito a possedere una Ford Capri. Anche in questo caso, non mi chiamo Pete e non credo che un cappello da cowboy in pelle mi starebbe bene.