Vorrei averlo ancora, perché ora sarebbe un classico molto ricercato. Un pezzo da collezione con un prezzo corrispondente e sconcertante. Ma, ahimè, è andata a fare un po' di fango nel cielo insieme alla maggior parte dei suoi primi fratelli.

Mi è tornata in mente la vecchia ragazza l'altro giorno, mentre ero seduto in una nuovissima Range Rover di quarta generazione rifinita nello stesso straordinario colore blu. Mi sono improvvisamente reso conto di essere stato molto fortunato, perché ho guidato quasi tutte le sue incarnazioni. Solo l'ultimo modello deve ancora essere guidato. Come famiglia, ne abbiamo possedute diverse nel corso degli anni. Una cosa è certa: da quando il primo modello di Range Rover è stato presentato nel lontano 1969, i veicoli, e di fatto il marchio, hanno seguito un percorso di continua evoluzione. Il bruco si è trasformato in una splendida farfalla.

Prima generazione "classica" 1969 - 1996

La nostra prima auto del 1971 fu uno dei primissimi esemplari a uscire dalla fabbrica di Solihull. Si trattava del modello a due porte, oggi molto ricercato, che presentava un rivestimento del pavimento in PVC con rivestimento per tubi. Gli interni della MK1 erano piuttosto minimalisti, ma questo, ovviamente, era l'obiettivo. Era stata progettata come una 4x4 "simile a un'auto", destinata a essere altrettanto capace sia su strada che fuori. Una soluzione di trasporto elegante che non era affatto contraria alla presenza di un paio di scarpe da ginnastica sporche di fango, di tute da lavoro unte o di cani puzzolenti. Tutto ciò a differenza delle offerte odierne, che sono piene di schermi touch-screen delicati e all'avanguardia, di pelle finissima, di tappeti soffici e in generale di tutto il meglio. In pratica, le offerte di oggi non sono proprio delle vere e proprie "hack" su cui far saltare i canini incrostati di pelo che sono più che capaci di rovinare l'intero abitacolo di peluche in circa 15 secondi netti. E per i bambini appiccicosi? No, grazie!

Alcune delle caratteristiche più apprezzate della Classic, come la trazione integrale permanente, il portellone posteriore sdoppiato e i cofani a conchiglia, rimangono ancora oggi. Dopo essere stata lanciata inizialmente come modello a due porte, la versione a quattro porte arrivò solo nel 1981. La prima Range Rover con cambio automatico arrivò un anno dopo.

Con il passare del tempo, la MK1 Classic divenne un accessorio sempre più alla moda tra gli aspiranti campagnoli. Specifiche elevate, lusso di alto livello e stile senza fronzoli divennero sinonimi del marchio. E di conseguenza anche i prezzi di fascia alta. Una Range Rover non era più il landy glorificato di Farmer Giles, ma stava diventando la carrozza scelta dai reali, dalla nobiltà terriera e dalla borghesia.

Gli aristocratici più esigenti amavano scorrazzare per i loro campi, sorvegliando le loro vaste proprietà di campagna dall'alto, imperiosa opulenza di un veicolo che aveva lo stesso prestigio di una Rolls Royce. I Range Rover erano diventati una sorta di Rolls Royce che non si impantanava nel fango e che non appariva per nulla sciocca quando veniva agganciata a una carrozza per cavalli. Il marchio era diventato adulto in pochi anni. Le auto erano leggende molto ambite nel corso della loro vita.

Seconda generazione (P38A) 1994-2001

Creare una seconda generazione era un'impresa ardua per i team di progettazione, dato che l'auto originale veniva ancora acclamata come un capolavoro. Era come se un musicista cercasse di superare il suo album di debutto più venduto.

La "classica" MK1 era considerata elegante e di classe anche dopo quasi 25 anni all'avanguardia di quella che era ormai a tutti gli effetti una nuova categoria di autoveicoli. Il sostituto doveva essere davvero molto buono. Con una nuova Range Rover (la Land Rover Discovery) in cantiere, la nuova auto (nome in codice P38A) doveva essere ancora più sofisticata e farlo senza rinunciare agli stivali da trekking.

Il progetto finale approvato della P38A era più rigido e resistente. La seconda generazione era anche più grande e più pesante. I motori a benzina V8 furono rielaborati nelle cilindrate di 4,0 e 4,6 litri. Tuttavia, era necessario un motore diesel raffinato, che fino a quel momento era sfuggito al marchio. Il motore scelto alla fine fu il turbodiesel BMW da 2,5 litri.

Poco dopo aver venduto a Land Rover i diritti per l'utilizzo del suo motore diesel, BMW acquistò prontamente il Gruppo Rover (che allora comprendeva Land Rover). La P38A del 1994 fu la prima Range Rover a essere venduta sotto il marchio BMW. Oltre alle sospensioni pneumatiche, la nuova P38A era dotata di altre tecnologie, come il navigatore satellitare incorporato e un sistema TV per auto con stereo digitale NICAM.

Durante il periodo della P38A fu introdotto il servizio Autobiography, che offriva agli acquirenti benestanti colori e finiture interne su misura, rifinite a mano, e scelte di verniciatura esterne uniche. Questo rendeva l'esperienza Range Rover unica come l'acquisto di una Bentley o di una Rolls-Royce costruite a Crewe. Quando nel 1998 fu introdotto l'allestimento Vogue SE, per la prima volta il prezzo di un esemplare di serie superò le 50.000 sterline. La popolarità duratura del marchio ha segnato il futuro della Range Rover come auto davvero iconica e lussuosa da portare ovunque.

Terza generazione (L322) - 2001-2012

Dopo essere sopravvissuti al temuto "Millennium Bug", dovevamo dare il benvenuto a un'altra nuova generazione di Range Rover, "per un nuovo millennio". Questa volta fu commissionata una nuova versione top-down con una carrozzeria monoscocca molto più grande. Il nuovo design "retrò" ricreava la semplicità del progetto originale del 1969, pur elevando il marchio decisamente verso l'alto.

Questo modello di terza generazione era chiaramente un'auto di lusso fin dall'inizio, e condivideva i componenti con la BMW Serie 7. Tuttavia, alla fine BMW vendette il Gruppo Rover, mantenendo solo il marchio Mini. Jaguar e Land Rover entrarono a far parte di Ford, continuando a utilizzare componenti BMW nelle auto Land Rover. Al momento del lancio, nel 2001, la terza generazione del modello ristabilì il marchio come un concetto totalmente unico, superando i livelli di lusso consolidati e le capacità fuoristradistiche dei predecessori e dei rivali. E continuava a migliorare.

Quarta generazione (L405) - 2012 - 2021

Al Salone dell'Auto di Parigi del 2012 è stata presentata la quarta generazione con carrozzeria interamente in alluminio. Il nuovo design imponente era comunque immediatamente riconoscibile come Range Rover, con cofani a conchiglia, tetti flottanti e portelloni posteriori sdoppiati. Ma il marchio produceva ora chiaramente e spudoratamente limousine di lusso. Queste sono auto per attraversare i continenti in un comfort sublime. Anche Rolls-Royce e Bentley sono entrate a far parte del mondo dei SUV, ma nessuna supera l'eccellenza consolidata nel tempo di una vera Range Rover.

Con i loro poderosi V8, i diesel da urlo e gli interni rivestiti con le pelli di interi campi di mucche, le Range Rover non saranno mai la prima scelta della generazione di Greta Thunberg. Ma la quinta incarnazione promette versioni ibride e completamente elettriche. Quindi, mai dire mai.

Certo, le ultime Range Rover sono piuttosto lontane dall'originale, con i suoi interni lavabili con l'idrante. Ma il design moderno continua a richiamare il capolavoro originale. Per me, questo è piuttosto impressionante.