Potrebbe anche risparmiare a tutti la fatica di morire prima di essere rimosso. L'aspetto non è certo dei migliori, il suo comportamento è sempre più irregolare e le voci che si tratti di una malattia terminale abbondano.

La Russia non è uno Stato fascista, ma solo una cleptocrazia in cui i ladri e i delinquenti hanno preso il potere, ma il comportamento personale di Putin comincia ad assomigliare a quello di Hitler nel suo bunker negli ultimi giorni, e anche Hitler era molto malato.

Putin non sa nulla di questioni militari, ma pare che stia microgestendo singoli "gruppi di combattimento di battaglioni" (circa 1.000 uomini) nell'offensiva russa, attualmente in fase di stallo, nell'Ucraina orientale, cercando di recuperare una situazione militare che è sprofondata in una situazione di stallo. Molto hitleriano. Cosa ne sarà della Russia quando se ne andrà?

Alexander J. Motyl pensa che potrebbe semplicemente scomparire. In un articolo pubblicato su "The Hill", il principale sito web politico di Washington, Motyl, politologo della Rutgers University, suggerisce che "la Federazione Russa potrebbe metamorfosarsi in 10 o più Stati, uno solo dei quali sarebbe conosciuto come Russia. Questo cambierebbe per sempre il volto dell'Eurasia".

Certamente, ma implica la scomparsa definitiva di uno Stato che ha dominato l'Eurasia settentrionale negli ultimi quattro secoli (i primi russi raggiunsero il Pacifico nel 1647). Inoltre, non tiene conto della notevole omogeneità della popolazione di questo Stato: l'81% è etnicamente russo, mentre nessuno dei numerosi gruppi minoritari raggiunge il 4%.

Ci sono state occasioni, la più recente durante la guerra civile del 1917-22, in cui la Russia è stata temporaneamente suddivisa in giurisdizioni rivali, ma queste parentesi non sono mai durate a lungo. La sensazione che esista un'identità russa speciale, persino una "civiltà russa" unica, si riafferma sempre.

La disgregazione dell'Unione Sovietica, invece, è stata permanente. Il crollo del 1991 è stato in realtà l'ultima fase del processo di decolonizzazione che ha posto fine a tutti gli imperi europei nella seconda metà del XX secolo.

La decolonizzazione è arrivata tardi per l'impero russo ed è stata più difficile da riconoscere, perché i possedimenti imperiali della Russia erano intorno ai suoi confini terrestri piuttosto che attraverso gli oceani. Tuttavia, il processo è stato lo stesso e altrettanto irreversibile (come Putin sta scoprendo).

È improbabile che la Russia si divida definitivamente come la Francia o il Giappone. Le speculazioni di Motyl sulla sua disgregazione sono un pio desiderio, forse motivato dal fatto (non menzionato da "The Hill") che entrambi i suoi genitori sono nati in Ucraina.

È comprensibile che gli ucraini desiderino che la Russia scompaia, ma questo non accadrà. Cosa succederà quindi quando Putin se ne andrà?

Non possiamo ancora sapere come sarebbe una Russia veramente post-comunista. Anche se sono passati 31 anni dal crollo dell'Unione Sovietica, quasi tutte le persone che occupano posizioni politiche di rilievo hanno iniziato la loro carriera nel Partito Comunista. L'ideologia è stata abbandonata, ma lo stile amministrativo e le lotte tra fazioni rimangono.

Inoltre, un solo uomo, Vladimir Putin, ha dominato la politica russa per più di due terzi di questo periodo. È difficile distinguere ciò che è intrinsecamente russo nel modo in cui la Russia è stata gestita in questo periodo da ciò che era solo parte della personalità di Putin, ma stiamo per scoprirlo.

La posizione predefinita è quella di dire che i russi sono in qualche modo fondamentalmente diversi dagli altri slavi. Dopo tutto, i polacchi e i cechi hanno ottenuto una vera democrazia e un'autentica prosperità dopo il 1991, mentre i russi hanno avuto Putin, le guerre di confine e (per la maggior parte della gente) un'ordinaria povertà.

Ma c'erano due grandi differenze che non avevano nulla a che fare con il "carattere nazionale", qualunque esso sia. Una è che tutti gli ex "Paesi satelliti" dell'Europa orientale si sono immediatamente liberati dei loro collaboratori comunisti locali e hanno avuto una serie di politici completamente nuovi, mentre la Russia è rimasta sostanzialmente bloccata con i vecchi comunisti che indossavano nuovi cappelli.

L'altra differenza è che gli slavi occidentali hanno vissuto il cambiamento come una liberazione, mentre i loro ex governanti lo hanno visto come una perdita dell'impero che ha bloccato decine di milioni di russi in luoghi che improvvisamente erano paesi stranieri.

Sarebbe stato irragionevole aspettarsi che questi due gruppi di persone reagissero allo stesso modo, e di fatto non lo fecero.

Ma è altrettanto irragionevole essere convinti che i russi continueranno a comportarsi nello stesso modo quando l'élite dirigente ex-comunista perderà il potere (cosa che potrebbe essere imminente) e al suo posto subentrerà una nuova generazione post-imperiale.

Non abbiamo idea di cosa uscirà dalla scatola. Potrebbe anche essere qualcosa di buono.