"Una cheerleader in India" non è un romanzo autobiografico, ma scritto a scopo di intrattenimento, anche se Tony ha affermato di aver colto molte esperienze vere dal suo viaggio in India, dove ha viaggiato dal sud al nord con una paralegale americana.

L'editore descrive la storia come "Un inglese, Marcus, che si trova in Florida per lavoro quando si imbatte letteralmente in Kimberley Judd, una cheerleader americana, che lavora come assistente legale. Marcus aveva programmato un viaggio in India, unico nella sua vita, ma la compagna che aveva proposto non poteva più accompagnarlo. Avendo preso in simpatia Kimberley, si chiedeva se lei potesse andare con lui al suo posto. Dopo aver stabilito alcune regole di base, Kimberley accettò e presto i due intrapresero il loro viaggio. La storia del loro viaggio è raccontata con dettagli meravigliosi ed evocativi che dipingono immagini vivide della vita in India in tutto il suo splendore. Kimberley e Marcus si conoscono bene e sono entrambi dispiaciuti quando il viaggio finisce, ma è la fine della loro relazione? In caso contrario, chi si trasferirà, visto che uno vive in Inghilterra e l'altro negli Stati Uniti?".

Shock culturale

"Una cheerleader in India" ha catturato la mia attenzione e ho voluto conoscere il suo legame con Kimberley e come si sono conosciuti prima di intraprendere questo viaggio emozionante e, con mia grande sorpresa, si sono davvero incontrati per caso. Tony mi ha raccontato che "all'epoca ero in America e avevo già prenotato tutto per il mio viaggio in India. Poi la persona con cui dovevo andare ha avuto dei cambiamenti nella sua vita e non è potuta andare, così l'ho detto a questa paralegale e lei ha detto che le sarebbe piaciuto andare. Abbiamo vissuto avventure di ogni tipo, che sono state ingigantite dal fatto di essere con una ragazza americana, perché lei vedeva l'India sotto una luce completamente diversa ed è stato uno shock culturale".

Ha poi spiegato che "Kimberley ha dovuto volare prima a Londra, quindi è da lì che inizia il libro, il che è interessante perché lei non c'era mai stata, quindi descrivo il nostro tempo lì prima di partire per l'India". Tony ha poi sottolineato: "L'aspetto dell'India è che i colori sono fantastici e l'odore di ogni cosa è piuttosto unico. Quando si va in nuovi Paesi, ogni Paese ha il suo odore, per esempio le isole greche sembrano profumare di origano, ma l'India ha un odore di terra, come quello di un vitello appena nato".

Trasferirsi in Portogallo

Tony ha scritto sei libri, tre dei quali devono ancora essere pubblicati. Ha viaggiato in tutto il mondo e ha risieduto in Inghilterra, Francia, Gibilterra e Spagna, dove è stato ispirato a scrivere "Una cheerleader in India". Un paio di anni fa ha lasciato la Spagna e si è trasferito in Portogallo. Mi ha raccontato che non era mai stato in Portogallo e ha deciso di venire qui. Arrivato a Tavira, gli è subito piaciuto, trovando la gente genuinamente amichevole e felice, così in sole due brevi settimane ha iniziato una nuova vita in Algarve, affermando che "il Portogallo è il posto migliore in cui abbia mai vissuto e vorrei quasi tenerlo segreto".

Effetto sorprendente

Tony ha spiegato che l'India ha avuto un effetto straordinario su di lui e ha parlato con affetto di Kimberley, rivelando che "ha davvero arricchito la vacanza e per questo ha deciso di dedicarle il libro". Tony descrive in modo vivido tutte le loro fantastiche esperienze, facendo sentire il lettore come se fosse davvero lì, e per questo è una lettura piacevole per le vacanze. Tony mi ha raccontato: "Quando siamo arrivati abbiamo trovato un sarto e una sarta che ci hanno fatto tre set di vestiti per viaggiare, abbiamo cavalcato gli elefanti e fatto ogni sorta di pazzia, tra cui visitare il Taj Mahal in tre momenti diversi, perché, soprattutto, il Taj Mahal cambia colore a seconda dell'ora del giorno in cui ci si reca perché l'edificio di marmo riflette la luce, "era blu a mezzanotte e rosa all'alba".

La narrazione ben fatta di Tony ha fatto guadagnare al libro ottime recensioni su Amazon da parte dei lettori che affermano che il libro è una lettura avvincente, con un lettore che afferma: "Una cheerleader americana e il suo compagno di viaggio inglese viaggiano attraverso un'India riccamente descritta nella loro vacanza di una vita. Le loro filosofie e culture contrastanti sono messe alla prova dall'incrollabile certezza dell'India. Un viaggio colorato e umoristico fa da sfondo a una storia d'amore intensa. Tony sta attualmente scrivendo un altro libro e spiega la sua filosofia di scrittura: "Scrivo per catturare l'attenzione delle persone con personaggi in cui ci si possa identificare o a cui si possa voler bene, scrivo intrattenimento e mi sforzo di creare storie che facciano venire voglia di continuare a girare le pagine".

Se desiderate acquistare una copia di "A Cheerleader in India" e tenervi aggiornati sulle novità di Tony Laurence, visitate Amazon o, in alternativa, potete ordinare questa piacevole lettura direttamente da Austin Macauley Publishers all'indirizzo https://www.austinmacauley.com/book/cheerleader-india.