Forse conoscete le stelle di mare o stelle marine, i ricci di mare e i dollari di sabbia se siete amanti delle spiagge e delle pozze di marea, ma ciò che molti non sanno è che sono tutti parenti. Inoltre, i cetrioli di mare, le stelle di mare e i gigli di mare, animali meno conosciuti dell'oceano, completano la famiglia degli Echinodermata, una parola di origine greca che significa "pelle di riccio". Queste curiose creature possono essere trovate proprio qui in Portogallo, di solito in pozze rocciose o anche su ampie secche sabbiose, se si è fortunati. Tecnicamente non sono pesci, ma appartengono alla classe degli Asteroidea, e sono spesso chiamati stelle fragili, stelle cesto, stelle di mare o semplicemente asteroidi, e non hanno branchie, squame o pinne come i pesci, e per questo non sono classificati come pesci.

Circa 1.900 specie sono presenti sui fondali marini di tutto il mondo, dalle calde zone tropicali alle gelide regioni polari, e in profondità fino a 6.000 metri sotto la superficie.

Qualsiasi numero di braccia

Le stelle marine sono invertebrati marini e in genere hanno un disco centrale e cinque "braccia", ma alcune specie ne hanno di più, con la "stella del sole" che ha fino a 40 braccia. La loro superficie superiore può essere liscia, granulosa o spinosa e ricoperta di placche sovrapposte; possono avere colori vivaci come il rosso, l'arancione e il blu, oppure grigi e marroni opachi e possono vivere fino a 35 anni.

Dotati di zampe tubolari azionate da un sistema idraulico e di una bocca al centro della superficie orale o inferiore, sono mangiatori opportunisti e predatori soprattutto di invertebrati che vivono sul fondo del mare. Le specie hanno comportamenti alimentari specializzati, tra cui l'estroflessione dello stomaco - un'abitudine piuttosto strana - che in pratica significa che quando catturano una preda, hanno delle piccole ventose per afferrare il cibo, poi lo stomaco esce dalla bocca per digerire il cibo e rientra nel corpo quando hanno finito di mangiare. Hanno cicli vitali complessi e possono riprodursi sia sessualmente che asessualmente.

Non c'è che dire!

Un altro fatto è che non hanno un cervello e nemmeno un organo simile al cervello nel loro corpo. Ma nonostante questo, hanno un sistema nervoso, anche se semplice. Intorno alla bocca c'è un anello nervoso collegato a ciascuna delle braccia tramite un nervo radiale. I neuroni stimolano i muscoli di ciascuna delle zampe tubolari, che si trovano nella parte inferiore del corpo. Non hanno sangue e utilizzano l'acqua marina filtrata per pompare le sostanze nutritive attraverso il loro sistema nervoso, e non possono sopravvivere in acqua dolce.

Andate avanti, per favore

Il movimento è un'altra cosa che riescono a fare, nonostante sembrino immobili, come una roccia seduta sul fondo dell'oceano. In realtà, le centinaia di zampe tubolari sulla loro parte inferiore si allungano e si contraggono per creare movimento e per trattenere le prede.

Ogni piede tubolare può agire da solo in risposta agli stimoli, ma accoppiati insieme possono sincronizzarsi per produrre un movimento di rimbalzo, la loro versione della corsa. Per anni i ricercatori si sono chiesti come riuscissero a fare tutto ciò, dato che non hanno cervello e hanno un sistema nervoso completamente decentralizzato. La risposta, secondo i ricercatori della USC Viterbi School of Engineering, è stata pubblicata sul Journal of the Royal Society Interface: essi accoppiano un comando direzionale globale da un "braccio dominante" con risposte individuali e localizzate agli stimoli per ottenere un movimento coordinato. In altre parole, una volta fornite le istruzioni su come muoversi, i singoli piedi capiscono come farlo da soli, senza ulteriori comunicazioni.

Inoltre, hanno un trucco pratico per rigenerare gli arti mancanti, ma ci può volere fino a un anno per farli ricrescere.

Se una stella marina viene tagliata a pezzi, ognuno di essi può diventare un animale completo grazie a questa capacità di rigenerazione. La rigenerazione è un processo naturale di sostituzione o ripristino di cellule, tessuti o organi mancanti. Grazie a questa capacità, le stelle marine possono persino far crescere le loro intere parti del corpo fino a farle funzionare completamente.

Non so perché, ma le immagini delle stelle marine sembrano sempre felici e mi fanno pensare a una piccola figura che salta di gioia!