Sono molti gli inquilini dell'Algarve che dovranno lasciare le loro case in affitto a lungo termine per permettere ai proprietari di affittarle a breve termine durante l'estate: è una realtà che si sta affermando in Algarve da molti anni. Succede che molti proprietari affittano solo per otto mesi a lungo termine e poi approfittano dell'estate per guadagnare bene e affittare a breve termine.

Si tratta di un problema molto complicato, soprattutto in zone turistiche come l'Algarve e Lisbona che, di conseguenza, non dispongono più di alloggi a prezzi accessibili per gli affittuari a lungo termine. Si è fatto molto poco per affrontare questo problema. Recentemente è stata emessa una sentenza del tribunale che vieta l'alloggio locale negli appartamenti, ma questo non avrà alcuna rilevanza.

Divieto di alloggio locale

Innanzitutto, il mercato portoghese degli affitti a breve termine e l'Alojamento Local (noto come AL) hanno dato un grande impulso all'economia locale, non solo perché hanno contribuito a ospitare molti turisti che arrivano in Portogallo ogni anno, ma anche perché hanno contribuito alla ristrutturazione di vecchi edifici, soprattutto a Lisbona e Porto, oltre che in Algarve e Madeira. Tuttavia, c'è sempre il rovescio della medaglia e questo mercato degli affitti a breve termine ha iniziato a essere criticato perché permette di avere meno case e più costose nel mercato degli affitti a lungo termine.

Ciò riguarda non solo coloro che sono alla ricerca di un immobile da affittare, ma anche i vicini che si lamentano per i danni alle aree comuni, per il rumore e per la mancanza di sicurezza nei loro edifici. Queste lamentele hanno finito per essere oggetto di un'ultima decisione del tribunale che vieta questi affitti negli appartamenti. A questo proposito, la Corte Suprema di Giustizia (STJ) ha vietato gli alloggi locali negli appartamenti, ma questo non cambierà lo scenario per nessun inquilino, poiché questa decisione si applica solo agli AL regolarmente registrati e solo i proprietari di appartamenti nello stesso edificio possono portare il loro vicino in tribunale per questi motivi.

Inoltre, molti affitti a breve termine non sono registrati come alloggi locali, anche se lo sono. "La legge prevede la possibilità di stipulare questi contratti a breve termine", ha dichiarato Maria João Ribeiro, consulente legale di DECO. Tuttavia, molti non lo fanno per evitare di pagare le tasse.

In questi casi, "deve esserci un contratto di affitto che deve essere comunicato alle autorità fiscali e deve rispettare tutte le procedure di un contratto di affitto, ma finché tutti i requisiti sono soddisfatti, è legale farlo", ha detto il consulente legale.

Alloggio locale o contratto a breve termine?

Dal punto di vista del cliente, quando prenota una settimana in Algarve, a volte la differenza tra questi due tipi di contratto può non essere chiara. DECO ha dichiarato che le piattaforme di prenotazione online devono fornire informazioni sul numero di registrazione dell'alloggio locale. Se non hanno questo numero di identificazione, non sono un AL. "I consumatori dovrebbero verificare se esiste un numero di registrazione. Se si tratta di un AL nascosto senza numero di registrazione, i consumatori possono sempre segnalarlo ai comuni, all'ASAE e alle autorità fiscali", ha dichiarato.

"Spetta al consumatore scoprirlo, perché queste strutture (AL) devono fornire un registro dei reclami fisico e devono avere accesso al registro elettronico dei reclami sul portale online, quindi ci sono una serie di requisiti che devono essere soddisfatti e consigliamo a tutti i consumatori di informarsi meglio prima di stipulare qualsiasi tipo di contratto di questo tipo, soprattutto a livello di piattaforme online, perché devono fornire queste informazioni", ha sottolineato.

Come possono tutelarsi gli inquilini?

In effetti, molte di queste case che vengono affittate anche solo per otto mesi non hanno nulla a che fare con gli alloggi locali, poiché non sono registrate come tali. Tuttavia, se il proprietario non ha un contratto con gli inquilini, coloro che hanno trascorso gli otto mesi durante l'inverno o coloro che hanno trascorso una o due settimane di vacanza agiscono nell'ombra della legge. In questi casi, il modo migliore per i consumatori di tutelarsi è chiedere un contratto, ha suggerito.

Per legge, anche se i contratti di affitto per le vacanze possono essere più brevi, i contratti di affitto di alloggi devono avere una durata minima di un anno, rinnovabile per un minimo di tre anni, il che significa che molti di questi contratti di alloggio di soli otto mesi non soddisfano questo requisito. Tuttavia, molte volte questi contratti non sono nemmeno scritti. In questi casi, gli inquilini potrebbero dover dimostrare il pagamento degli affitti se decidono di portarli in tribunale: è quindi importante che gli affitti siano stati pagati tramite bonifico bancario o che siano disponibili le ricevute.

Se desiderate una consulenza, non esitate a contattare DECO. Tuttavia, sappiate che DECO fornisce consulenza solo quando il rapporto è tra un consumatore e un'azienda, mai quando il problema è tra due individui - "solo quando è coinvolta un'entità a scopo di lucro", ha concluso Maria João.