La celebrazione del mese dell'orgoglio è iniziata a New York dopo un episodio di violenza della polizia nel 1969. Il 28 giugno, le forze dell'ordine entrarono brutalmente in un bar gay e iniziarono ad aggredire tutti i presenti. La situazione scatenò manifestazioni, in un periodo in cui era vietato a una coppia gay ballare fianco a fianco in un locale notturno. I disordini di Stonewall diedero vita a diversi movimenti in tutto il mondo e il Portogallo non fece eccezione.

Attualmente il Portogallo è considerato uno dei Paesi più sicuri in cui la comunità LGBTQ+ può vivere e passeggiare, oltre che svolgere altre attività. Tuttavia, ILGA Europe afferma che il Portogallo dovrebbe avere una legislazione migliore per proteggere la comunità.

Il Portogallo ha impiegato secoli per diventare un Paese accogliente per la comunità LGBTQ+. Nel corso della storia, c'è sempre stato un forte pregiudizio nei confronti degli omosessuali, soprattutto nelle coppie di due uomini, che erano più frequentemente oggetto di discussione e giudizio.

Scoperte

A proposito delle Scoperte, è comune parlare di viaggi e scoperte, della ricchezza portata dai navigatori portoghesi e di come siano state scoperte vie marittime attraverso mari mai navigati prima. La storia tende a eliminare le parti negative come la schiavitù e, in questo caso, l'omofobia. Per i viaggi in mare, solo gli uomini navigavano sulle caravelle, e poiché l'omosessualità è sempre esistita, c'era la possibilità che gli uomini gay fossero in viaggio sulle barche e, eventualmente, si mettessero con altri marinai. Se scoperti, si applicava una pena. I marinai venivano lasciati nel porto più vicino o venivano condannati a morte nella caravella.

Santa Inquisizione

Il periodo della Santa Inquisizione fu probabilmente il più buio del Portogallo. La Chiesa cattolica deteneva praticamente tutto il potere giudiziario e giudicava i cittadini che commettevano crimini non accettabili agli occhi di Dio. In questo caso, a soffrire di più erano gli omosessuali, che venivano processati con la pena di morte, poiché la sodomia era considerata un'eresia. Nel caso delle donne omosessuali, il reato non era considerato così grave, essendo stato addirittura depenalizzato nel XVII secolo. Gli uomini accusati del reato di sodomia erano di solito giovani ragazzi che vivevano in estrema povertà e ricorrevano alla prostituzione per denaro. Tuttavia, ci sono stati casi di giovani che, sapendo di essere omosessuali, hanno iniziato la loro vita sessuale con altri uomini prima di essere costretti a sposare una donna. L'Inquisizione in Portogallo ricevette 4.000 denunce di sodomia, arrestò 500 persone e 30 furono condannate a morte sul rogo, oltre a tutti coloro che furono fatti sfilare in modo umiliante sulla pubblica piazza mentre venivano torturati.

XIX secolo

Nel XIX secolo ci fu un piccolo cambiamento. Nel 1852 l'omosessualità non fu più considerata un crimine. Tuttavia, Egas Moniz, medico e neurochirurgo, in una delle sue pubblicazioni definì l'omosessualità come una malattia mentale e fu riconosciuta come tale fino agli anni Ottanta. Nel 1886 l'omosessualità fu nuovamente criminalizzata.

Estado Novo

L'Estado Novo, governato da António Salazar, si basava sulla triade "Dio, Patria, Famiglia", quindi i valori cristiani erano i pilastri del governo. In quanto tale, la sessualità aveva un solo scopo: la riproduzione. In questo senso, era legale solo l'esistenza di coppie eterosessuali, affinché la razza umana potesse continuare. Durante l'Estado Novo, il governo controllava tutti i contenuti giornalistici e culturali prima della loro pubblicazione, censurando qualsiasi cosa fosse un attacco ai valori della Costituzione del 1933. Così, ogni prodotto culturale che menzionasse l'omosessualità veniva censurato e impedito di essere pubblicato. Ciononostante, la persecuzione degli omosessuali fu eccessiva. La polizia organizzava incontri con presunti omosessuali, fingendo di far parte della comunità, per trovare un motivo per arrestare il loro interlocutore. Lo stesso accadeva nei bagni pubblici, dove la polizia controllava il comportamento degli uomini, per capire se sfuggivano alle leggi della natura.

Dopo il 25 aprile 1974

Con l'uscita del fascismo dal potere in Portogallo, ci si aspettava un miglioramento e un maggiore accesso a tutti i tipi di libertà, compresa quella sessuale. Sebbene il generale Galvão de Melo avesse dichiarato che la rivoluzione non era stata fatta per gli omosessuali, nel 1982 l'omosessualità fu depenalizzata. In quel periodo, in Portogallo emerse l'HIV, che all'epoca era conosciuto come una malattia che attaccava solo gli omosessuali, giustificando diversi episodi di omofobia. In questo contesto, diverse figure culturali si sono dichiarate omosessuali per sostenere coloro che non riuscivano a ottenere aiuto. Negli anni '90 iniziarono a nascere associazioni a sostegno della comunità LGBTQ+, come l'ILGA Portugal ed eventi come la Gay Pride Parade. Nel 1999 è stata approvata la possibilità per gli uomini gay o bisessuali di entrare nell'esercito, escludendo la possibilità per i transessuali di entrare nelle forze armate. Questa misura è tuttora in vigore.

Presente

Attualmente il tema dell'orientamento sessuale viene discusso più apertamente e pubblicamente. La cultura LGBTQ+ è rappresentata, anche se a volte è considerata stereotipata. Tuttavia, c'è stata un'evoluzione in termini di accettazione del tema. Nel 2009 il tema dell'orientamento sessuale è stato incluso nel programma di educazione sessuale nelle scuole e l'anno successivo è stato legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Dopo diversi tentativi, nel 2015 è stata approvata l'adozione da parte di coppie omosessuali, anche se, in alcuni casi, si sottolinea che la priorità viene data alle coppie eterosessuali durante il processo di adozione.

La strada da percorrere è ancora lunga. L'omofobia è ancora una realtà, ma nulla in confronto a ciò che esisteva in passato. Nei prossimi giorni, in diverse città del Paese, si terranno marce LGBT affinché tutti possano sostenere e lottare per una causa legata ai diritti umani.