Sembrava che il momento di Petro fosse finalmente arrivato. Il mese scorso, al primo turno delle elezioni presidenziali, era in netto vantaggio sul candidato dell'establishment, Federico Gutierrez, un'ottima replica del presidente uscente Ivan Duque - ma il secondo classificato era in realtà Hernández, le cui abilità sui social media lo rendono una vera minaccia per Petro.

Hernández è un ricco uomo d'affari di 77 anni la cui somiglianza con Donald Trump è più che evidente. Ostenta con orgoglio la sua ignoranza, i suoi discorsi consistono per lo più in slogan e insulti e non discute quasi mai di politiche reali. Promette però di cacciare i politici corrotti.

"Quasi tutti sono rapinatori, ladri, furfanti, delinquenti", sostiene, e ha ragione a metà. In effetti, potrebbe esserlo lui stesso: deve affrontare un'indagine per corruzione per il periodo in cui era sindaco della città di Bucaramanga. Ma è la solita strategia populista: prendere di mira i piccoli delinquenti mentre serve e protegge i ricchi e i potenti.

Un fenomeno non nuovo

Hernández non è un fenomeno nuovo in America Latina: Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è da anni un tributo a Trump. E anche se riuscirà a deviare la "marea rosa" dall'attraversare la Colombia, questa coprirà comunque la maggior parte della regione entro la fine di quest'anno.

Si chiama "rosa" per distinguerla dalla "marea rossa" dei militanti comunisti e di altri gruppi di estrema sinistra che hanno fatto breccia nella politica latinoamericana nella seconda metà del XX secolo.

Nella maggior parte dei Paesi latinoamericani questi movimenti rivoluzionari sono stati stroncati da colpi di Stato militari sostenuti dagli Stati Uniti. In alcuni Paesi - Cuba, Nicaragua, Venezuela - sopravvivono come dittature stagnanti e impoverite. Ma con la fine della Guerra Fredda la passione si è gradualmente spenta e gli estremisti sono scomparsi da entrambe le parti.

Ciò che è rimasto è una "marea rosa" di socialdemocratici non violenti, che competono in elezioni democratiche con i partiti conservatori che difendono gli interessi delle istituzioni locali. Non c'è nulla di esclusivamente latinoamericano in questo, né nel fatto che i conservatori ricorrano sempre più a strategie populiste.

Spiegare la marea

La differenza è che i Paesi latinoamericani sono molto più diseguali di quelli di altre parti dell'Occidente (ad eccezione degli Stati Uniti), il che probabilmente spiega il motivo della "marea rosa" di governi socialdemocratici al potere in America centrale e meridionale.

Questa marea ha iniziato a scorrere intorno all'inizio del secolo, con le elezioni di Ricardo Lagos in Cile (2000), Luiz Inácio "Lula" da Silva in Brasile (2003) e Néstor Kirchner in Argentina (2003). I suoi successi più recenti sono stati Luis Arce in Bolivia (2020), Pedro Castillo in Perù (2021) e Xiomara Castro in Honduras (2022).

Per non parlare dell'elezione del primo presidente socialista del Messico, Andrés Manuel López Obrador (AMLO) nel 2018, e del probabile ritorno al potere di Lula da Silva nelle elezioni brasiliane del prossimo novembre. Questi due Paesi rappresentano da soli più della metà della popolazione dell'America Latina.

La Colombia, con 50 milioni di abitanti, è al terzo posto e potrebbe anch'essa colorarsi di rosa questo mese. Al primo turno Gustavo Petro ha ottenuto il 40% dei voti e Rodolfo Hernández solo il 29%. Il populista di destra raccoglierà probabilmente più voti dai candidati eliminati al primo turno rispetto a Petro, ma si va verso un fotofinish.

Grande cambiamento

In ogni caso, la Colombia si avvia verso un grande cambiamento. Se Hernández vincerà, proporrà di dichiarare lo stato di emergenza per 90 giorni e di sospendere tutte le funzioni giudiziarie e amministrative "per affrontare la corruzione"; in altre parole, governerà per decreto e potrà scegliere chi arrestare. Potrebbe finire come una dittatura populista.

A differenza di Hernández, Petro è un personaggio noto, attivo in politica da trent'anni. Non è un vero e proprio radicale, ma sarebbe il primo presidente colombiano di sinistra in assoluto, quindi per alcuni colombiani le sue politiche sembrerebbero estreme: come l'espansione dei programmi sociali, la fine dell'esplorazione di petrolio e gas e gli investimenti nell'agricoltura.

Per pagare tutto questo, ha intenzione di aumentare le tasse sulle 4.000 persone più ricche del Paese e sull'industria mineraria. Si farà nemici alcuni potenti, e il capo dell'esercito colombiano ha già espresso la sua preoccupazione.

La Colombia ha una lunga tradizione ininterrotta di governo "conservatore" e una storia quasi altrettanto lunga di guerre civili di basso livello. Il cambiamento è particolarmente rischioso e ciò che viene offerto dalla destra questa volta potrebbe essere ancora più destabilizzante di ciò che viene offerto dalla sinistra.

Ma in generale, la marea rosa è ancora in aumento.