Alcuni di noi sembrano dare le cose per scontate. Un caso di "da dove viene il latte?". Risposta: "Dal negozio".

È lo stesso per la benzina e il gasolio, che escono magicamente da una pompa, non è vero? Sai, quelle che curiosamente ti riempiono il serbatoio e contemporaneamente ti prosciugano il portafoglio.

Per andare al sodo, quelli di noi che si interessano un po' al mondo che ci circonda hanno imparato che il petrolio greggio è composto da composti organici fossili. E, ovviamente, è finito. Ma, per generazioni, il petrolio (e altri combustibili fossili) ha fornito all'umanità una fonte relativamente accessibile di energia facile. Di conseguenza, il petrolio è diventato la linfa vitale del mondo moderno. Ne pompiamo i derivati nelle nostre auto, riscaldiamo le nostre case, i politici discutono su di esso e, quando si arriva al dunque, siamo persino disposti a combattere guerre per questo prodotto. Tutto questo, senza nemmeno contemplare momentaneamente gli effetti negativi dei combustibili fossili sull'ambiente.

A parte i soliti pro e contro della combustione dei combustibili fossili, gli eventi recenti, come l'uscita dal blocco del mondo e un grave conflitto in una delle principali regioni produttrici di petrolio, hanno portato alla ribalta una domanda che mi assilla da circa 40 anni. Ovvero: cosa succede se continuiamo a bruciare petrolio al ritmo attuale? Quando il mondo sarà davvero a secco?

Già da ragazzo (un bambino strano, lo so), guardavo con stupore l'enorme volume del traffico stradale. Mi chiedevo seriamente quanto carburante venisse bruciato ogni singola ora di ogni giorno. Pensavo che fosse sufficiente a riempire un lago? Mi sono reso conto che stavo osservando solo una piccola sezione di un'enorme rete stradale e che c'erano migliaia di chilometri di altre strade nel Regno Unito; per non parlare di quelle in Europa, in America e nel resto del mondo. La Cina e le altre economie emergenti non esistevano ancora all'epoca.

Torniamo alla domanda su quando finirà il petrolio. Secondo fonti del settore, la risposta semplice è che non lo farà. Non a breve, comunque. Ma la storia è chiaramente un po' più sfumata di così. Per esempio, nessuno sa con precisione quanto petrolio esista effettivamente. Le riserve di petrolio sono calcolate in base a quanto viene attualmente pompato dalle riserve conosciute e a quanto è tecnicamente recuperabile da tali riserve. Potrebbe esserci molto più petrolio sotto i nostri piedi, ma non è ancora stato scoperto e tanto meno sfruttato. Altre riserve di petrolio conosciute potrebbero non essere recuperabili, ma la tecnologia si muove sempre in una direzione che potrebbe cambiare le cose.

Quando si parla di petrolio, gli analisti parlano di "riserve accertate". Questo termine si riferisce alla quantità di petrolio (o di altre risorse naturali) che hanno una probabilità del 90% (o superiore) di essere estratte in modo "redditizio". Non serve a nulla estrarlo dal sottosuolo se l'estrazione costa più del valore a pronti.

Gli sviluppi tecnologici, come i motori a combustione più efficienti, i veicoli elettrici, gli ibridi e così via, incideranno gradualmente sulla domanda complessiva e questo potrebbe influenzare il prezzo. Il prezzo del petrolio scende solo quando i volumi di produzione superano la domanda e le scorte si accumulano, creando un eccesso tecnico. Questi fattori hanno un effetto a catena sulle stime delle riserve "provate". In altre parole, i progressi tecnologici alterano ciò che viene considerato riserva accertata.

Nel 2019, secondo la BP, le riserve petrolifere totali accertate nel mondo erano di circa 1.750 miliardi di barili. Il consumo globale annuo (nel 2019) era di circa 35 miliardi di barili. Secondo calcoli rudimentali, quindi, se le riserve accertate non crescono e il consumo rimane più o meno ai livelli del 2019, ci vorranno circa 50 anni per esaurire le riserve rimanenti.

Il petrolio greggio può essere estratto solo in base alla capacità delle tecnologie e delle infrastrutture di supporto attuali. Ma una cosa è chiara: le riserve stanno diminuendo. Per quanto si possa vedere, al momento non ci sono alternative veramente valide al petrolio, nonostante tutti i discorsi che si fanno sulle energie rinnovabili. Le cose potrebbero diventare molto controverse se i prezzi del petrolio dovessero impennarsi e se le forniture globali diventassero veramente scarse, basate su carenze fisiche piuttosto che su fattori geopolitici transitori che influenzano solo l'offerta e la logistica.

Credo che converrete che l'unica cosa che abbiamo stabilito è che il nostro mondo si sta avvicinando pericolosamente alla fine del petrolio facilmente recuperabile. Temo che questo sia un pericoloso precipizio da affrontare.

Non credo sia giusto definire le persone che temono tutte le insidie della combustione del petrolio e di altri combustibili fossili "verdi" o pazzi terrorizzati dall'ambiente. Questo perché a molti di noi è stato chiaro che bruciare petrolio non è una pratica sostenibile ben prima che l'ambientalismo contemporaneo diventasse una questione mainstream. Le questioni ambientali possono essere state dirottate dal "woke-ismo" in tempi recenti, ma potrebbero essersi "svegliate" un po' tardi per fare una differenza tangibile.

Chiedersi quanto dureranno le riserve di petrolio non è necessariamente la domanda giusta da porsi. Forse la domanda chiave dovrebbe essere: Per quanto tempo vogliamo davvero continuare a bruciare petrolio e quale prezzo siamo disposti a pagare sia in termini letterali che ambientali?

Accelerare la ricerca di economie energetiche più diversificate, sostenibili e redditizie comporta molti vantaggi, come un'aria più pulita e la creazione di una fornitura di energia domestica più solida e autosufficiente. Solo così potremo allontanarci dall'eccessiva dipendenza da despoti e regimi ostili che hanno sperperato le loro ricchezze petrolifere, ma che in qualche modo si sono costruiti un potere sproporzionato sull'intero ordine mondiale.

Se da un lato i prezzi elevati dei carburanti significano dolore alle pompe per milioni di automobilisti assediati, dall'altro l'impennata dei prezzi del petrolio potrebbe rivelarsi un'arma a doppio taglio, spingendo ad accelerare lo sviluppo di tecnologie più efficienti dal punto di vista energetico. Poiché un'enorme percentuale dell'attuale produzione di petrolio è consumata dai veicoli stradali, gli sviluppi tecnologici nel campo dei veicoli ad alimentazione alternativa o ibrida potrebbero svolgere un ruolo cruciale nel contenere la domanda futura. La quantità di petrolio recuperabile dipenderà dalla domanda. La domanda futura dipenderà dal prezzo!

Forse la prossima volta che ci troveremo in coda in un piazzale affollato a guardare una serie vertiginosa di veicoli che tracannano innumerevoli litri di benzina e diesel, varrà la pena di pensare a quante volte questa scena golosa si ripete in tutto il Regno Unito. Possiamo forse pensare a quante auto vengono rifornite in ogni momento su scala globale? Pensate a queste auto come a milioni di sanguisughe metalliche succhiatrici di petrolio che banchettano con una delle risorse più preziose del mondo. Sospetto che la stragrande percentuale dei loro proprietari non si soffermi a pensare ai processi altamente complessi impiegati non solo per estrarre la risorsa, ma anche per portarla in enormi raffinerie prima di consegnare il prodotto finale alle rivendite locali.

Il panico si scatenerà solo quando improvvisati cartelli "NO FUEL" adorneranno gli ingressi dei piazzali. Non posso fare a meno di chiedermi: e poi?