Si può immaginare che la Casa Bianca abbia una strategia del genere, anche se non lo ammetterebbe mai. Dopo tutto, se l'Ucraina riuscisse a cacciare l'esercito russo dall'intero Paese, Mosca potrebbe farsi prendere dal panico e passare alle armi nucleari. Il primo dovere del Presidente Biden è quello di mantenere gli Stati Uniti al sicuro, non di riportare il confine ucraino dove era prima.

Per l'Ucraina, la guerra è letteralmente esistenziale. Il leader russo Vladimir Putin vuole non solo conquistare l'Ucraina ma cancellare la sua stessa identità, quindi il Presidente Volodymyr Zelensky rischierebbe qualsiasi cosa, compresa la guerra nucleare, per impedirlo.

Per la Russia non è affatto una questione esistenziale, ma Putin sembra essersi convinto che lo sia. Forse sta bluffando, ma voi ci scommettereste il mondo?

Mentre per il Presidente Joe Biden e gli Stati Uniti, l'UNICA minaccia esistenziale è la guerra nucleare. Se non prendesse almeno in considerazione il modo in cui mettere al guinzaglio il governo ucraino, mancherebbe al suo dovere costituzionale.

Il modo più ovvio per limitare la libertà d'azione di Zelensky è controllare la portata e la velocità con cui le armi "avanzate" vengono consegnate all'Ucraina. (Non MOLTO avanzate: non c'è nulla che abbia meno di 15 anni). E ci sono indicazioni che Biden stia facendo esattamente questo.

Da quando, dieci settimane fa, l'esercito russo ha rinunciato a cercare di conquistare Kiev e altre città dell'Ucraina settentrionale e ha concentrato le sue forze nell'est (il Donbas), è tornato allo stile di guerra che gli riesce meglio: bombardamenti massicci di artiglieria seguiti da assalti di fanteria. È rozzo, sanguinoso e costoso, ma spesso alla fine funziona.

È diventata una guerra di artiglieria e, sebbene i russi abbiano molta più artiglieria, gli ucraini hanno usato GPS, droni e simili per livellare il campo di gioco. Ha iniziato a somigliare a una versione in miniatura della Prima guerra mondiale, con l'esercito russo che subiva grandi perdite per piccoli progressi - ma continuava ad avanzare inesorabilmente.

Entrambe le parti usavano per lo più vecchie armi sovietiche, ma in una guerra di logoramento i russi avevano più di tutto: soldati, cannoni, granate, tutto. Le perdite ucraine salirono a uno o duecento morti al giorno e cominciarono a scarseggiare sia i cannoni che le granate. Le loro richieste di armi più numerose e migliori aumentarono e ottennero una risposta curiosa.

Gli Stati Uniti hanno inviato all'Ucraina solo diciotto obici da 155 mm. in aprile, ma li hanno privati dei sistemi informatici avanzati che migliorano l'efficienza e la precisione delle armi. Hanno poi trascorso tre settimane ad addestrare gli equipaggi di questi cannoni all'estero, prima di dispiegarli al fronte. Solo allora ha inviato altri obici (anch'essi senza computer).

Oggi in Ucraina ci sono 109 di questi obici, ma senza dubbio nel frattempo sono stati uccisi o feriti molte migliaia di soldati ucraini che avrebbero potuto essere risparmiati se i cannoni fossero arrivati più tempestivamente. Non è ancora abbastanza - e ora lo stesso scenario si sta ripetendo con l'artiglieria a razzo.

I sistemi a razzo a lancio multiplo (MLRS) hanno una gittata doppia rispetto agli obici (80-90 km) e i russi li hanno utilizzati per colpire senza pietà le linee ucraine. I lanciarazzi ucraini erano vecchi, pochi e non molto precisi, quindi per molte settimane l'Ucraina ha implorato di avere armi NATO comparabili.

Gli Stati Uniti hanno ora inviato all'Ucraina quattro - contateli, quattro - lanciarazzi HIMARS. Potrebbero inviare altri HIMARS dopo che gli equipaggi di questi quattro lanciatori avranno terminato le tre settimane di addestramento all'estero e "dimostrato di poterli usare efficacemente", ha dichiarato il sottosegretario alla Difesa Colin Kahl.

Nel frattempo, il consigliere presidenziale ucraino Mikhaylo Podolyak ha dichiarato che il suo Paese ha bisogno di 300 sistemi di lancio MLRS e di un migliaio di cannoni da 155 mm per raggiungere la "parità di armi pesanti" con i russi. Vedremo formazioni di maiali volare sopra le nostre teste prima che ciò accada.

È sorprendente che il Regno Unito abbia annunciato l'invio di simili lanciarazzi nello stesso momento, ma non si è parlato di tre settimane di addestramento fuori dall'Ucraina. L'esercito ucraino ha una delle migliori scuole di artiglieria d'Europa, quindi il Regno Unito sta solo inviando manuali di istruzioni.

C'è quindi motivo di sospettare che la lentissima distribuzione a goccia di armi americane all'Ucraina sia deliberata e che abbia lo scopo di impedire al governo ucraino di vincere troppo presto o troppo in grande. È meglio che entrambe le parti si esauriscano e arrivino a una sorta di accordo di pace di compromesso.

Naturalmente, gli ucraini potrebbero effettivamente perdere a causa di questa politica, nel qual caso Biden dovrebbe scegliere se salvarli con un intervento militare diretto o meno. Signore e signori, fate le vostre scommesse.