Le circostanze erano un po' squallide, dal momento che sia la Svezia che la Finlandia Svezia e Finlandia hanno abbandonato il loro sostegno all'oppressa minoranza curda della Turchia per Turchia per sbloccare il proprio cammino verso l'adesione alla NATO. La Russia non sta Russia non ha in programma di invaderli al momento, ma non appena i carri armati russi sono entrati in Ucraina, entrambi i Paesi scandinavi hanno bussato alla porta della NATO.

Si tratta di Paesi piccoli che la Russia potrebbe sopraffare per il loro numero. ma sono ricchi e i finlandesi, almeno, ritengono che le loro forze armate ben addestrate potrebbero forze armate ben addestrate possano rendere lenta e costosa la conquista russa. costosa. Poiché non c'era alcun buon motivo per Mosca di invaderli, fino allo scorso febbraio questo sembrava essere sufficiente. febbraio scorso questo sembrava essere sufficiente. Poi, improvvisamente, non è stato più così.

Il problema, anche se nessuno lo dice apertamente, sono le armi nucleari. I due Paesi baltici non hanno armi nucleari proprie (anche se la Svezia una volta ha Svezia aveva preso in considerazione l'idea di dotarsene), e ora il presidente Vladimir Putin e i suoi sostenitori alludono ad attacchi nucleari ogni volta che qualcosa va storto nella sua guerra contro l'Ucraina. Ucraina.

L'unico modo in cui Finlandia e Svezia possono proteggersi dal ricatto nucleare russo è quello di entrare a far parte della NATO. russo è quello di aderire alla NATO, tre dei cui membri (Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia) hanno armi nucleari. e Francia) hanno armi nucleari proprie. Poiché tutti i membri della NATO sono sono obbligati a proteggere qualsiasi membro sotto attacco, questo dà a svedesi e finlandesi una garanzia nucleare. garanzia nucleare.

Naturalmente, le solite fonti hanno avvertito che l'ingresso di questi due Paesi nella NATO l'ingresso di questi due Paesi nella NATO renderà i russi ancora più paranoici e quindi ancora più inclini ad attaccare i loro vicini (anche se quest'ultima parte dell'avvertimento non è mai parte di questo avvertimento non è mai stata articolata in modo esauriente). Ma questa è una pura assurdità.

I russi sono effettivamente paranoici, ma si tratta di uno stato d'animo, non di una risposta a qualche atto particolare che interpretano come aggressivo. a qualche atto particolare che interpretano come aggressivo. La loro paranoia paranoia in modo onesto, nel senso che sono stati invasi dalla "squadra A" di aspiranti conquistatori del mondo (i conquistatori del mondo (i mongoli, Napoleone, Hitler) e vivono in un paese senza frontiere "naturali". senza frontiere "naturali".

Ma si tratta di paranoia, e sarà presente qualunque cosa facciano gli altri. I russi non hanno mai avuto l'intenzione di conquistare l'Europa occidentale, ma hanno messo al potere le loro fantocci in tutti i Paesi dell'Europa orientale e li hanno trasformati in satelliti dopo la Seconda Guerra Mondiale. satelliti dopo la Seconda guerra mondiale. Questo era "difensivo" nella loro mente, ma a tutti gli altri sembrò un'aggressione.

Non solo i russi imposero il loro sistema comunista a tutti questi Paesi e li tagliarono completamente fuori dalla a tutti questi Paesi e li tagliarono completamente fuori dal resto d'Europa con la "cortina di ferro". cortina di ferro". Hanno schiacciato senza pietà tutte le rivolte dei popoli assoggettati - in Germania Est nel 1953, in Ungheria nel 1954. Germania Est nel 1953, in Ungheria nel 1956, in Cecoslovacchia nel 1968 - e imprigionarono o giustiziarono decine di migliaia di persone. o giustiziato decine di migliaia di persone.

Dopo quarant'anni di occupazione militare sovietica, quindi, era inevitabile che questi Paesi dell'Europa orientale avrebbero cercato rifugio in una NATO allargata dopo il crollo dell'Unione Sovietica. dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Ed era necessario che la NATO accogliesse questi questi Paesi, perché altrimenti avrebbero cercato di costruire le proprie difese contro la Russia. difese contro la Russia.

Le ipotesi storiche sono di solito molto discutibili, ma è quasi certo che se la Polonia non fosse stata in grado di entrare nella NATO. è quasi certo che se la Polonia non fosse stata in grado di entrare nella NATO e di sottostare alla sua garanzia garanzia nucleare, a quest'ora avrebbe le sue armi nucleari. Data la lunga storia di sottomissione e di brutalizzazione da parte della Russia, i polacchi polacchi avrebbero visto qualsiasi altra strada come una pura follia.

Sì, tutti quei Paesi che si sono uniti alla NATO hanno "provocato" Mosca, ma quando si ha a che fare con un paranoico di carriera. quando si ha a che fare con un paranoico di carriera non c'è scelta. Il fatto è che dal 1945 le potenze occidentali non hanno mai avuto la forza militare per invadere con successo la Russia. invadere la Russia con successo sul terreno. Dal 1960 circa non hanno avuto la capacità di vincere una guerra nucleare contro la Russia.

I russi non sono stupidi. Sono paranoici a causa della loro storia, ma sanno contare. sanno contare. A un certo livello capiscono perfettamente che la NATO non potrebbe invaderli perché perché (a) non ha la necessaria superiorità nelle forze militari convenzionali (anche dopo la recente dimostrazione del forze militari convenzionali (anche dopo la recente dimostrazione del pessimo stato del loro esercito), e (b) la Russia ha armi nucleari.

Quindi hanno paure irragionevoli, ma sanno anche come utilizzare il fatto noto della loro paranoia per giustificare della loro paranoia per giustificare le proprie azioni aggressive. Nelle mani di un uomo come Vladimir Putin questo può essere un potente strumento diplomatico e l'unico modo sensato per contrastarlo è quello di modo sensato per contrastarlo è rifiutarsi di entrare in quella palude intellettuale. di entrare in quella palude intellettuale.

Basta smettere di psicologizzare i russi e fare tutto ciò che sembra ragionevole e necessario. e necessario.