I maghi Nuno Miguel Neto e Tiago Silva si sono incontrati quattro anni fa e da allora si sono esibiti insieme per le strade, ma ora hanno dato una nuova forma con un recente progetto, "Magia com Impacto", che mira a portare la magia a chi ne ha più bisogno.

Tiago Silva, che ha iniziato a 17 anni, mi ha detto che fa un po' di tutto, dal palcoscenico alla magia da vicino. Quanto a Nuno, gli piace fare trucchi magici con le carte. "Le carte si adattano ovunque, il che significa che possiamo avere un'ora di intrattenimento in tasca".

La scorsa settimana "Magia com Impacto" ha realizzato il suo primo spettacolo di magia presso la casa di riposo AHSA di Albufeira. Tra un pubblico di 50 persone, "abbiamo potuto vedere sui volti delle persone, sia del personale che degli anziani, che erano gratificati dalla nostra presenza e questo è ciò che vogliamo davvero: vogliamo che le persone apprezzino la nostra presenza".

Andare dove nessuno va

Pur amando il sostegno agli anziani, vogliono andare oltre. "Sappiamo che gli anziani hanno ovviamente bisogno di noi, ma per loro sono previsti altri tipi di intrattenimento. Quello che vorremmo fare è raggiungere le persone che non hanno nulla in programma", ha detto Nuno.

"Vogliamo raggiungere le comunità più povere, come le baraccopoli, le prigioni, gli ospedali e così via. Prendendo come esempio gli ospedali, hanno i nasi rossi, ma si concentrano sempre sui bambini, mentre per gli adulti non c'è nulla. Mia madre era in ospedale accanto a un uomo che è stato lì per tre settimane senza ricevere una sola visita. Questo mi spezza il cuore", si lamenta Nuno.

Tuttavia, i maghi ammettono che è un obiettivo difficile da raggiungere perché le amministrazioni degli ospedali e delle carceri sono "chiuse" e quando si tratta di baraccopoli, se andiamo lì senza una persona o un'associazione sappiamo già che ci cacceranno", ha detto.


Cuori buoni

Nuno e Tiago si rivolgono a persone che a volte sono dimenticate dalla società. Quando ho chiesto da dove venissero questi sentimenti altruistici, mi hanno risposto subito che entrambi hanno vissuto esperienze di vita che hanno plasmato i loro pensieri.

"Ho un fratello disabile e lavoro in un'organizzazione che aiuta le persone con disabilità (APEXA) e vedo ogni giorno situazioni discriminatorie nei confronti di tutti questi gruppi target. Avere un fratello disabile mi ha aperto gli occhi su cose che altrimenti non avrei visto", ha aggiunto Nuno.

Tiago proviene da una famiglia povera che vive in una regione isolata e non ha accesso all'arte. La prima volta che sono andato a una mostra, ho pensato: "Com'è possibile che persone come me non abbiano questo accesso? D'ora in poi non voglio più vedere persone che non hanno accesso alla cultura. Non voglio che passino quello che ho passato io, senza avere accesso all'arte, senza avere accesso alla magia", ha dichiarato a The Portugal News.

In breve, vogliono rendere le persone felici. "Anche se i problemi esistono ancora, in quel momento, quando avviene la magia, la gente se ne dimentica per un po'", ha concluso Tiago.

È fondamentale diffondere la parola. Per maggiori dettagli o per seguire il loro lavoro, seguite https://www.facebook.com/magiacomimpacto e/o https://www.instagram.com/magiacomimpacto/