Supponendo che sia così, esaminiamo cosa ci aspetta. Possiamo permetterci di dare un'occhiata un po' irriverente a questo incombente testa a testa con i conservatori, a meno che non siate un socialista espatriato che è fuggito dal Regno Unito quando è diventato chiaro che un governo di dura sinistra non ci sarebbe stato. Ne conosco parecchi che hanno fatto proprio così.

Comunque, torniamo a Toryville. Ora ci troviamo in uno scenario in cui l'eventuale leader conservatore non sarà in grado di prendere le distanze dalle varie debacle dei Tory che li hanno colpiti negli ultimi anni. Mentre una premiership di Penny Mordaunt o di Tom Tugendhat avrebbe potuto cavarsela con proclami sul fatto che non stavano semplicemente guidando un'amministrazione di continuità, né Sunak né Truss potranno mai sbirciare davanti a una telecamera e dichiarare di non aver avuto alcun ruolo nei recenti scandali.

Sostenere una premiership di Sunak o di Truss significa essere ugualmente un ostacolo per i conservatori. La maggior parte dei conservatori di base desiderava un candidato nuovo e pulito, ma questo sogno è già svanito. Un nuovo inizio non può essere garantito né da Sunak né da Truss. I membri dei Tory devono invece scegliere tra un Sunak tecnocratico che ha presieduto ad alcuni aumenti delle tasse decisamente poco "teorici" e una Liz Truss poco carismatica che sembra sempre più un Boris travestito da Thatcher. Questa tanto decantata continuità di Boris potrebbe rivelarsi piuttosto imbarazzante per la Camp Truss, che è rimasta fedele a Boris non dimettendosi.

Nonostante la tentazione di fare paralleli con i colleghi Tory del passato e del presente, gli opinionisti politici devono rendersi conto che i singoli politici sono solo questo: individui. Siamo del tutto sinceri: Liz Truss non sarà mai il prossimo Boris, né potrà essere una sorta di Lady di Ferro dei giorni nostri. Truss non possiede la grinta thatcheriana o la strafottenza johnsoniana.

Sunak, d'altra parte, non sta cercando di essere qualcuno di diverso da se stesso. In sostanza, se i membri votano Rishi, avranno Rishi. Semplice. Non cambia nulla. La jam di domani Chancellor tornerà come la jam di domani Pee-Emm. Deprimente!

Quindi, mi chiedo come appaiano i due candidati agli occhi di quegli espatriati socialisti di cui ho parlato prima? Quelli che hanno abbandonato la nave perché non riuscivano a digerire l'idea di vivere nella Gran Bretagna della Brexit di Boris.

Vi presento il timido Rishi; l'ex cancelliere che è così ben dotato dal portafoglio in giù da invitare tutti i teorici della cospirazione di sinistra a lanciare asperità sulle sue motivazioni politiche. Saranno pronti a commentare quanto sia falso se mostra empatia verso chi è meno fortunato di lui. Questo vale per tutti, tranne che per Jeff Bezos?

Poi c'è Liz Truss, il ministro degli Esteri che adora suonare la propria tromba. Lo fa con la tipica faccia da strumentista a fiato e si autoelogia con ineguagliabile superficialità. Certo, vince assolutamente a mani basse quando si tratta di: "Chi può essere il più noioso Tory Pee-Emm dai tempi di John (passami i piselli) Major". Beh, Liz sta dando il massimo.

Di questi tempi è davvero deprimente perché i partiti politici sembrano aver perso la capacità di rappresentare davvero le persone che li votano. Sir Keir Starmer non è certo l'epitome di un eroe della classe operaia e di un paladino della giustizia sociale, non è vero? Questo allontanamento dalla base tradizionale è altrettanto evidente nel partito conservatore di oggi. Quanto è probabile che i membri bianchi, anziani, Tory (70% maschi) votino per un Sunak che aumenta le tasse?

Truss pensa di poter liberare la Gran Bretagna dalle sue pesanti catene economiche con la promessa di una dose di 30 miliardi di sterline di succosi tagli fiscali. Truss sembra essere favorevole a concedere a tutti noi almeno un po' di marmellata, allontanandosi dalle avversioni ortodosse dei conservatori nei confronti del prestito pubblico. Pur esaminando la sostanza e aderendo all'idea che i cancellieri danno con una mano e tolgono con l'altra, gli sgravi fiscali della Truss rischiano di sembrare miseri, soprattutto per chi è preoccupato per gli aumenti insostenibili dei prezzi dell'energia o per i costi inaccessibili dell'assistenza all'infanzia. La Gran Bretagna gode già di basse imposte sulle società, sul reddito e sulle plusvalenze. Non riesco a capire come ulteriori tagli simbolici possano trasformare il tenore di vita.

Rabbrividisco anche quando Sunak sembra ripetere le misure di austerità e prudenza fiscale di Osborn. Tutto ciò va bene quando si tratta di fogli di calcolo, ma in questo momento c'è una crisi del costo della vita in corso. Nel mondo di Truss e Sunak, non c'è un punto di equilibrio economico visibile.

Ridistribuire profitti ingiustificati e in gran parte non meritati non farebbe di certo piacere a qualsiasi cancelliere agli elettori? Tassare il denaro che le compagnie energetiche hanno "rubato" con addebito diretto dai conti dei cittadini per migliorare le infrastrutture e alleggerire il peso sui bilanci familiari ha senso sia dal punto di vista elettorale che etico?

In tempi come questi, non vedo alcuna urgenza di ridurre il deficit. Ciò avverrà in modo organico, senza interventi, quando i tempi si faranno meno duri e tornerà la fiducia dei consumatori. Ovvero, quando la gente comune (il 99%) sceglierà di spendere il proprio reddito disponibile.

Questa gara per la leadership dei conservatori è un semplice scontro tra destra e sinistra. È tra un conservatore fiscale ad alta tassazione e un ex liberale che taglia le tasse. Liz Truss è la favorita per la vittoria al secondo turno, perché la base dei conservatori non è mai entusiasta degli aumenti delle tasse. Ma un mese è sufficiente a Sunak per rovesciare questa frittella.

Truss, per sua stessa ammissione, non è un'attivista naturale. Il suo marchio di zombie thatcheriano non conquisterà gli elettori del "muro rosso". Sarà il partito a decidere chi diventerà il prossimo Pee-Emm. In questo momento, non riesco a capire come Truss possa perdere questa competizione senza fare una grande gaffe.

Truss è stata descritta come un'ideologa senza idee. Le sue proposte politiche appaiono raffazzonate e poco plausibili, mentre Sunak si limita a proporre la vecchia austerità spacciata per sana responsabilità fiscale. I laburisti stanno già percependo un'opportunità d'oro. Vedono una premiership di Truss o Sunak come l'ultimo chiodo nella bara delle speranze dei Tory alle prossime elezioni generali.

Se Truss darà ragione ai sondaggi, diventerà il prossimo Pee-Emm del Regno Unito. La campagna elettorale ci ha mostrato un personaggio dalla vena strana e dall'aspetto timido, che spesso sembra un coniglio nei fari. È un cliché dei conservatori senza un briciolo di carisma. Imita apertamente la signora Thatcher, cosa che fa rabbrividire.

Truss vs Sunak è ora con i membri del partito Tory con un'età media di 58 anni. Queste persone risiedono prevalentemente nel sud dell'Inghilterra, eppure la leadership dell'intero Regno Unito è nelle loro mani. Un dato demografico così grossolanamente non rappresentativo sembra cronicamente ingiusto, ma di sicuro è un buon motivo per il mulino del SNP a nord del confine.

La performance di Sunak al Tesoro, nonostante i continui autogol di Boris, suggerisce che possiede acume politico e buon senso. È probabile che agisca con la dovuta cautela e competenza. Ha il sostegno della maggioranza dei suoi colleghi di gabinetto e dei parlamentari. Sembra essere una persona sicura, ma le perversioni della politica britannica fanno sì che io punti sul naso di Truss. Volete scommettere?