Eppure l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha appena dichiarato il vaiolo delle scimmie un'emergenza sanitaria globale, il che è molto importante. Le uniche altre malattie infettive che rientrano in questa categoria sono la Covid-19, che ha già ucciso 6,4 milioni di persone, e la poliomielite (che sta cercando di tornare in auge). Puntare sul vaiolo delle scimmie sembra sproporzionato, ma c'è un motivo.

"La Covid-19 è ampiamente considerata come una pandemia "unica nella vita" o "unica nel secolo". Un lavoro di modellazione basato su dati storici dimostra che non è necessariamente così", ha riferito lo scorso anno la start-up epidemiologica Metabiota. Questo perché "la frequenza di malattie infettive 'spill-over' come Covid è in costante aumento".

È in aumento perché le malattie pandemiche ad azione rapida hanno iniziato a prosperare nelle società umane solo quando abbiamo iniziato a vivere insieme in gran numero. Probabilmente virus e batteri letali si sono sempre "riversati" nelle popolazioni umane di tanto in tanto, ma se infettavano piccoli gruppi di cacciatori-raccoglitori di 50 o 100 persone si estinguevano insieme alle vittime.

La sede naturale di queste malattie erano gli uccelli e gli animali che vivevano in grandi stormi e mandrie: un sacco di potenziali vittime per sostenere la trasmissione. Ma quando gli esseri umani hanno iniziato a vivere in grandi civiltà e hanno addomesticato alcuni di questi animali, le malattie pandemiche si sono felicemente trasferite e hanno prosperato anche tra noi.

Per la maggior parte della storia della civiltà, i trasferimenti di successo non si sono verificati molto spesso: nuove grandi pandemie killer si verificavano solo ogni cinquecento anni circa. Tuttavia, ora che ci sono otto miliardi di persone e milioni di persone attraversano il pianeta ogni giorno, i vettori delle malattie hanno più opportunità di diffondersi e si muovono molto più velocemente.

Al momento, secondo i calcoli di Metabiota, c'è persino la probabilità di avere un'altra nuova pandemia della portata di Covid-19 nei prossimi 25 anni. Più precisamente, la probabilità di un'altra pandemia globale mortale come Covid è stimata tra il 2,5 e il 3,3% ogni anno. Potrebbe addirittura arrivare l'anno prossimo.

Il vaiolo delle scimmie non è quella malattia. Nonostante la sua rapida diffusione in molti Paesi, si trasmette principalmente tra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. Esiste un vaccino completamente efficace (lo stesso che ha eradicato il vaiolo, che non esiste più in natura). E quasi nessuno ne muore.

Quindi il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dovuto dare delle spiegazioni quando ha rotto lo stallo del suo "comitato di emergenza" e ha decretato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza globale.

Ha spiegato che si trattava di accelerare la ricerca sulle "nuove modalità di trasmissione che ne hanno permesso la diffusione" e di fare pressione sui Paesi affinché utilizzassero vaccini e altre misure per limitare il numero di contagi. Sono tutte cose sensate da fare, ma non giustificano la dichiarazione di un'emergenza sanitaria globale.

Ciò che ha accuratamente evitato di dire è che in realtà la intende come un promemoria del nostro pericolo e uno stimolo all'azione. L'intero sistema di risposta alle pandemie ha bisogno di un'esercitazione che incorpori tutte le lezioni apprese dalla nostra incerta risposta alla Covid, e il vaiolo delle scimmie offre una scusa per farlo.

Ghebreyesus sta manipolando il sistema nel tentativo, ben intenzionato, di convincere il mondo a costruire sistemi migliori per contenere le malattie emergenti pericolose in generale, e potrebbe subire gravi critiche per averlo fatto.

Ma si può capire il suo punto di vista perché non abbiamo imparato abbastanza dalla nostra straziante esperienza con il Covid. I vaccini sono stati sviluppati più velocemente che in qualsiasi altra pandemia precedente, e due terzi della popolazione mondiale sono stati completamente vaccinati in circa sedici mesi, ma il tasso di immunità nei Paesi più poveri è abissale.

Ciò lascia dei serbatoi di infezione elevata che fungono da terreno di coltura per nuove varianti del virus, alcune delle quali possono essere in grado di eludere i vaccini. Si tratta di un problema di distribuzione e organizzazione, non di un problema medico, e farlo su scala ridotta per il vaiolo delle scimmie potrebbe migliorare il sistema per la prossima volta che apparirà qualcosa di veramente pericoloso.

Lo stesso vale per le fasi iniziali di individuazione e contenimento, che sono state mal gestite con il Covid. In futuro ci saranno pandemie molto peggiori - ci saranno, non "potrebbero" - e il mondo deve essere più preparato.

Basta spendere un centesimo di quello che il mondo ha speso per combattere il Covid per migliorare la preparazione globale ad affrontare la prossima pandemia - costruendo impianti locali di produzione di vaccini, laboratori regionali con buone capacità analitiche e reti di segnalazione più forti - per risparmiarci altri due anni di miseria e perdite come quelle che abbiamo avuto con questa pandemia.

Se questo è il vero obiettivo di Ghebreyesus con questa faccenda del vaiolo delle scimmie, per me va bene.