Le manguste e i suricati appartengono entrambi alla famiglia degli erpestidi, ma la mangusta (nota come mangusto in portoghese) è l'unica che si può vedere qui in Portogallo.

Sono creature lunghe e pelose, con il muso appuntito e la coda folta, e non sono roditori, ma carnivori. (Per chi fosse interessato, il plurale corretto di "mangusta" non è "mongeese" ma "mangusta". Il motivo? Le due parole mangusta e oca hanno origini completamente diverse, e quindi plurali diversi).

La mangusta egiziana è limitata al Portogallo meridionale ed è una specie originaria delle regioni costiere lungo il Mar Mediterraneo, tra il Nord Africa e la Turchia, e dell'Africa.

Si muovono al galoppo o a bassa velocità e non sono facilmente visibili perché sfruttano le fitte coperture. Secondo Wikipedia, non è chiaro se sia stata introdotta o se sia originaria della penisola iberica.

Alcuni sono solitari per quasi tutta la vita, mentre altri vivono in gruppi numerosi, noti come branchi, folle o colonie, a seconda della specie. Spesso i grandi branchi possono arrivare a contare fino a 50 individui e nei branchi più grandi si assiste spesso alla cura di gruppo dei piccoli.

Gli esseri umani hanno a lungo ammirato le manguste per la loro capacità di uccidere i serpenti velenosi. Questa caratteristica è stata anche illustrata da Rudyard Kipling nel suo racconto del 1894 "Rikki-Tikki-Tavi", in cui una mangusta salva una famiglia umana da cobra malvagi.

Sono avversari formidabili per i serpenti soprattutto grazie alla loro velocità e agilità, che li aiuta a sferrare attacchi rapidi quando percepiscono un'apertura. Ma alcune specie hanno anche un vantaggio in più: hanno sviluppato una resistenza al veleno dei serpenti che permette loro di continuare a combattere anche dopo aver ricevuto un morso che ucciderebbe la maggior parte degli animali della loro taglia.

Non sono immuni al veleno, ma grazie a speciali mutazioni nel loro sistema, la neurotossina ha difficoltà a legarsi ai loro recettori nicotinici dell'acetilcolina, rendendolo meno efficace.

Maturano tra i 9 mesi e i 2 anni di età e vivono dai 6 ai 10 anni in natura. Si ergono in posizione eretta per guardarsi intorno in cerca di pericoli, il che ci porta ai suricati, quasi immediatamente riconoscibili per il loro comportamento di guardia "sentinella".

I suricati

I suricati (in portoghese suricata) vivono in tutte le zone del deserto del Kalahari, in gran parte del deserto del Namib, nell'Angola sud-occidentale e in Sudafrica e sono l'unico membro del genere Suricata, un animale simile alla donnola che fa parte della famiglia delle manguste.

Conosciamo abbastanza bene queste simpatiche creature, grazie a programmi naturalistici che ne hanno documentato dettagliatamente la vita e a una certa pubblicità televisiva che le ha rese immediatamente riconoscibili.

Il ruolo di sentinella è svolto da un aiutante o da un non allevatore che, dotato di una vista notevole, vigila costantemente sulla presenza di eventuali predatori e potenziali minacce mentre il gruppo è lontano dalla tana e dà l'allarme emettendo un abbaio distinto. Questa posizione ruota tra i diversi membri del gruppo, senza un ordine particolare.

Sono anche intelligenti. Uno studio della St Andrew's University, in Scozia, ha scoperto che i suricati adottano un complesso comportamento coordinato che rivaleggia con quello di scimpanzé, babbuini, delfini e persino degli esseri umani. Risolvono i compiti con l'aiuto della loro "folla", ma anche con il pensiero indipendente, e lo studio ha visto i suricati impegnati in un'ampia varietà di comportamenti sociali e solitari per risolvere i compiti.

I suricati possono sembrare adorabili con i loro grandi occhi e il loro comportamento orientato alla famiglia, ma hanno sviluppato una tecnica per gestire il veleno degli scorpioni, di cui si nutrono.

In modo intelligente, il suricato si concentra sulla coda, morde il pungiglione dello scorpione e lo scarta. Senza la coda, lo scorpione non è in grado di sprigionare il suo veleno, ma il suo esoscheletro è ancora velenoso e, per combatterlo, i suricati hanno imparato a strofinare gli scorpioni nella sabbia per rimuovere ogni residuo di veleno.

È interessante notare che, nonostante vivano nel deserto, i suricati non hanno bisogno di acqua supplementare nella loro dieta, ottenendo tutta l'umidità di cui hanno bisogno dagli insetti e dalle larve che mangiano, mentre noi comuni mortali moriremmo nel giro di 3-5 giorni senza acqua supplementare.