Carla Rêgo è presidente di Health4Moz, un'associazione il cui obiettivo principale è garantire una formazione di qualità ai futuri medici mozambicani. L'associazione è stata creata nel 2013, "in modo molto spontaneo", ha dichiarato la dottoressa a The Portugal News.

Sostenere i bisognosi

L'operatrice sanitaria è anche docente presso la Facoltà di Medicina di Porto (FMUP) e durante un incontro con un rettore mozambicano ha scoperto che il Paese aveva alcune problematiche relative al settore sanitario. Secondo Carla Rêgo, il Mozambico non ha abbastanza medici per la sua popolazione. Ad esempio, per 15 milioni di bambini e ragazzi, ci sono solo "87 pediatri". Il rettore ha anche condiviso la sua insoddisfazione per la mancanza di professori che insegnino medicina a un maggior numero di persone. In questo contesto è nato Health4Moz, che garantisce volontariamente la formazione di molti studenti di medicina nelle università mozambicane.

In nove anni, sono già state effettuate 61 missioni in Mozambico e sono stati presentati 28 webinar, in un periodo in cui la popolazione non poteva lasciare le proprie case a causa delle restrizioni per contenere il Covid-19. In totale, "più di 200 medici, infermieri e dentisti portoghesi" partecipano al progetto, che lavorano su base volontaria e forniscono formazione in settori "come pediatria, cardiologia, chirurgia, odontoiatria, ostetricia, chirurgia pediatrica, oftalmologia, endocrinologia e molti altri". In nove anni, Health4Moz è già riuscita a formare più di "20 mila medici, infermieri, dentisti e tecnici" in Mozambico.


La ricostruzione di un ospedale

Sebbene l'attenzione resti concentrata sulla formazione di nuovi medici, Health4Moz lavora anche in altri modi. Dopo il ciclone Idai, che ha colpito il Mozambico nel 2019, ha distrutto uno dei principali ospedali del Paese, l'Hospital da Beira. Il presidente dell'associazione ha dichiarato che il soffitto della nursery è crollato e tutti i padiglioni sono stati distrutti, ma c'era comunque la necessità di aiutare le persone in una situazione di emergenza.

Nel contesto della catastrofe ambientale, alcuni professionisti della salute, insieme all'Ordem dos Médicos, hanno creato un movimento chiamato United for Beira, che mirava a ricostruire l'intero ospedale. Durante questo processo è stato richiesto il sostegno del Comune di Porto, che ha donato "100 mila euro" per ricostruire il blocco chirurgico, anch'esso distrutto. Tuttavia, il movimento ha inviato anche operatori sanitari a sostegno dei colleghi mozambicani.

Dopo tre anni, l'ospedale è stato in gran parte ricostruito, con un investimento di oltre due milioni di euro, ottenuto grazie al sostegno di molti enti. Durante il processo di ricostruzione, uno dei blocchi è stato recuperato per creare un centro di formazione.


Sostenere la causa

Carla Rêgo ricorda che i comuni di Porto, Sintra, Coimbra e l'azienda Visabeira sono stati i principali responsabili che hanno donato le somme necessarie per i lavori che ora sono quasi completati all'Hospital da Beira. Tuttavia, chiunque può donare a Health4Moz dal sito web https://health4moz.com/.

Esistono altre iniziative di raccolta fondi, come Art4Moz, che riunisce artisti portoghesi e mozambicani che metteranno in vendita le loro opere, di cui una parte sarà devoluta a Health4Moz.

Health4Moz promette di continuare a lottare per la formazione di coloro che ne hanno più bisogno, oltre a sostenere il Mozambico in tutte le cause possibili.