È così che Darya Dugina, uccisa sabato sera alle porte di Mosca da un'autobomba, si era descritta lo scorso maggio in un'intervista rilasciata a un oscuro sito web bretone di estrema destra, Breizh-info.com. ("Globalista" nei circoli russi di estrema destra significa Stati Uniti, NATO o "Occidente"; "eurasiatico" è solo un modo più esteso di dire "russo").

L'autobomba che ha ucciso la ventinovenne filosofa e giornalista era probabilmente destinata al padre Alexander Dugin, anch'egli filosofo e talvolta chiamato "Cervello di Putin" dai media stranieri per la sua presunta influenza sul presidente russo. I due si erano recati insieme a un evento a sostegno dell'invasione russa dell'Ucraina, dove Dugin aveva parlato. Lui ha preso un'altra auto per tornare a casa ed è così sfuggito alla bomba, ma erano molto vicini.

"Ho l'onore di essere sulla stessa barca di mio padre (sulla stessa nave esistenziale), essendo la figlia di un grande studioso e autore dell'opera in 24 volumi Noomachia ("guerre della mente"). Il fatto che siamo sotto sanzioni da parte di Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito è il simbolo che noi Dugin siamo sulla strada della verità nella lotta contro il globalismo".

Il "sentiero della verità" che entrambi stavano percorrendo era il neoplatonismo, uno stile di mistica cristiana primitiva così astruso e assurdo che non cercherò di spiegarlo in questa sede, se non dicendo che era incentrato sulle forme ideali e poco sulla materia. È rimasto di moda in alcuni settori della Chiesa ortodossa e recentemente ha trovato il favore degli ultranazionalisti russi.

Ma Darya Neoplatonova (pseudonimo di Dugina come scrittrice) non è stata assassinata per aver detto: "La principale linea di pensiero della filosofia politica tardo-neoplatonica è lo sviluppo dell'idea di un'omologia dell'anima e dello Stato e l'esistenza di un simile triplice ordine in entrambi". Nemmeno suo padre fu preso di mira per le sue idee pericolose.

Non ho mai incontrato Darya Dugina, ma ho intervistato suo padre una decina di anni fa, quando si pensava che fosse ancora vicino a Vladimir Putin. (Ora non lo è più, e ha persino perso il suo lavoro all'Università di Stato di Mosca). Il mio russo era ormai piuttosto arrugginito, quindi ho portato con me un interprete per l'intervista nel suo modesto appartamento.

Alexander Dugin si è dilungato con dovizia di particolari sui torti inflitti all'anima russa da malvagi stranieri e sulla necessità di una "politica esistenziale" per contrastarli, ma tra la pioggia di sostantivi astratti c'erano poche idee politiche concrete.

Ho anche notato che il traduttore tralasciava molto di quello che stava dicendo. Ho pensato che stesse andando troppo veloce per lei, ma quando gliel'ho chiesto dopo mi ha risposto che era troppo imbarazzata da alcune delle sue parole. Non stava farneticando, ma la paranoia nazionalista era implacabile e travolgente.

Il punto è che né il padre né la figlia erano un obiettivo importante in termini di influenza sulla politica russa, il che esclude praticamente qualsiasi movente russo per l'uccisione di uno dei due. Darya Dugina era un'entusiasta sostenitrice dell'attacco all'Ucraina - ha persino visitato la città conquistata di Mariupol - ma era solo un'altra cheerleader.

Chi ha piazzato la bomba? Quasi certamente un ucraino che faceva parte della vasta rete di intelligence del Paese in Russia, o qualche personaggio della malavita russa pagato dagli ucraini. (In Russia vivono circa due milioni di ucraini).

Alexander o Darya erano obiettivi legittimi? Nessuno dei due era uno spettatore del tutto innocente nel conflitto, ma erano certamente civili disarmati, quindi la maggior parte delle persone direbbe che il bombardamento è stato un crimine.

È stato terrorismo? Sì, nel senso molto specifico che il suo scopo doveva essere quello di dimostrare che l'Ucraina poteva colpire impunemente qualsiasi parte della Russia e quindi terrorizzare i russi affinché abbandonassero l'invasione dell'Ucraina. (Probabilmente non avrà questo effetto, ma è l'unico motivo plausibile).

Danneggerà la causa ucraina in termini di opinione pubblica altrove? Forse un po', perché far saltare in aria giovani donne non è mai un bel vedere, ma probabilmente solo per un breve periodo. È una guerra, e nello stesso giorno i bombardamenti russi hanno ferito dodici civili, tra cui quattro bambini, nella città ucraina di Vosnesensk.

Qual è la differenza, a parte il fatto che gli artiglieri russi non conoscevano i nomi delle loro vittime e l'ucraino che ha piazzato la bomba che ha ucciso Darya Dugina non indossava un'uniforme?