Certo, Trump non è il classico informatore, spinto da motivazioni elevate e dal bisogno di dire la verità al potere. È piuttosto un topo di fogna, le cui motivazioni per il furto di documenti governativi potrebbero essere oscure persino a lui stesso. (Uso la parola "rubare" perché è la parola usata per tutti gli uomini d'onore di cui ha seguito le orme).

Forse Trump ha preso i documenti - e vi si è aggrappato ferocemente nonostante le insistenti richieste di restituzione da parte degli Archivi Nazionali, del Dipartimento di Giustizia e dell'FBI - con la vaga idea che un giorno avrebbero potuto rivelarsi utili. Ma per cosa? Per un ricatto? Per venderli ai russi? Per scrivere le sue memorie?

Prendiamo la stella esposta dai documenti prelevati dalla tenuta di Mar-a-Lago di Trump nel raid dell'FBI dell'8 agosto, che avrebbero contenuto informazioni sulle "difese militari di un governo straniero, comprese le sue capacità nucleari".

E allora? Probabilmente non conterrà alcuna informazione su come sono stati acquisiti i dati, soprattutto se si tratta di "humint" (spie). È solo uno dei ricordi di Trump, e quasi certamente non farebbe alcun danno se venisse pubblicato.

Trump è convinto che questa indagine sia stata avviata da Joe Biden, dal 'suo' Dipartimento di Giustizia e dalla 'sua' FBI. Tuttavia, è molto più probabile che si tratti solo di enormi dinosauri burocratici che fanno quello che hanno sempre fatto.

Le agenzie di intelligence cercano sempre di nascondere le loro attività, ma il più delle volte perché le loro azioni sono incompetenti, irrilevanti o illegali. È la mistica che giustifica i loro immensi budget, non i loro reali risultati. Ecco perché sono così vendicativi anche quando i segreti rivelati non sono molto importanti.

Infatti, quando dedicano ingenti risorse per rintracciare e punire gli informatori, è perché ciò che hanno rivelato è imbarazzante per le agenzie o i governi che servono. Le vere spie che rubano segreti nazionali vitali (ce ne sono, anche se molto meno di quanto si pensi) vengono uccise, imprigionate o scambiate senza troppo clamore.

Quello che Daniel Ellsberg rivelò nel 1971 era una storia top secret di 7.000 pagine sul coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam fino al 1968, che lui stesso aveva contribuito a scrivere. Non conteneva informazioni sulle operazioni in corso, ma solo una vagonata di dettagli profondamente imbarazzanti sul modo in cui il governo statunitense era stato coinvolto in quella stupida guerra e su quanto male l'avesse condotta.

Pubblicarlo era un servizio pubblico, come alla fine convenne la maggior parte degli americani. Ma non prima che Ellsberg fosse incriminato in base alla legge sullo spionaggio e avesse trascorso diversi anni a difendersi da accuse che avrebbero potuto portare a una condanna a 115 anni di carcere.

Mordechai Vanunu era un israeliano che rivelò i dettagli del programma di armi nucleari di Israele nel 1986, circa due decenni dopo la costruzione delle armi. La loro esistenza era il più aperto dei segreti - chiunque fosse interessato ne era già a conoscenza - ma egli fu rapito mentre si trovava all'estero, processato e incarcerato per 18 anni.

I movimenti e i contatti di Vanunu sono ancora strettamente controllati e non può lasciare Israele. Il suo ultimo post su Twitter (di questo mese) recita: "Ancora nessuna libertà, continuiamo ad aspettare, nulla è cambiato, nessuna novità qui, ancora un mese e ancora un anno, dal 1986, ma la libertà deve arrivare".

Edward Snowden lavorava per la National Security Agency statunitense e nel 2013 ha rivelato la vasta portata dei programmi di sorveglianza globale gestiti dalla NSA. Molte migliaia di persone sono state prese di mira, compresi i capi di diversi governi alleati.

Snowden aveva la possibilità di lasciare gli Stati Uniti prima di condividere i suoi dati con le principali testate giornalistiche, ma il Dipartimento di Stato americano gli ha revocato il passaporto e lo ha intrappolato mentre era in transito per Mosca. Ancora oggi è bloccato lì.

E naturalmente c'è Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, che nel 2010 ha messo profondamente in imbarazzo la CIA mettendo in rete un'enorme quantità di documenti segreti degli Stati Uniti sulle guerre in Iraq e Afghanistan. Da allora ha cercato di evitare l'estradizione negli Stati Uniti, quasi tutto il tempo in una sorta di confino.

Donald Trump è quindi in una compagnia molto migliore di quella che merita, e le sue motivazioni per prendere tutti quei documenti segreti non erano chiare. Ma i documenti stessi, per quanto siano contrassegnati dalla dicitura "Top Secret - Burn Before Reading" o altro, non sono probabilmente più dannosi per la reale sicurezza nazionale degli Stati Uniti di quelli pubblicati dai suoi predecessori.

Alla fine hanno preso Al Capone per frode fiscale, ma non dovrebbero prendere Donald Trump per questo.