Per una parte della sua lunghezza, il Guadiana costituisce un confine naturale tra Spagna e Portogallo. Lontano dai luoghi turistici, il nostro trekking da Vila Real de Santo Antônio (VRSA) a Monsaraz è un'esperienza da non trascurare.

Vila Real de Santo António è un po' una curiosità. Anche se la città non è così turistica come altre località algarine, sarebbe ingiusto dire che VRSA non attira la sua parte di visitatori. Tuttavia, vale la pena notare che VRSA non si sentirà come Albufeira o Vilamoura. Questo senza dubbio piacerà a coloro che non desiderano l'atmosfera da "strip" benidoriana.

Situata sull'estuario della Guadiana, questa città di confine piacevolmente rilassata, ma comunque vivace, vanta un porto turistico, un lungofiume e, nelle vicinanze, sentieri ombreggiati di pineta che conducono attraverso alcune impressionanti dune a una vasta spiaggia sabbiosa (Praia Santo António). C'è anche un servizio regolare di traghetti per la spagnola Ayamonte, dove vi aspetta un leggero pranzo a base di tapas. Tornati a VRSA, le serate possono essere facilmente occupate consultando alcuni menu tipicamente portoghesi, che offrono prelibatezze come gamberoni all'aglio, tonno fresco, bacalhau e molte altre delizie locali.

"La piccola Lisbona

Trascorrete gli assolati pomeriggi di VRSA sorseggiando un drink rinfrescante o un caffè aromatico sotto gli ombrelloni che ondeggiano dolcemente sulla Praça Marquês de Pombal. Apprezzerete senza dubbio il patrimonio architettonico della piazza del mercato di VRSA, che si è guadagnata il titolo di "Piccola Lisbona" grazie all'influenza del suddetto Marquês, che ha supervisionato la ricostruzione di Lisbona e di VRSA dopo il terremoto del 1755.

Un tempo la prosperità della città si basava sui proventi delle conserve di pesce. Questa industria si è esaurita negli anni Sessanta, lasciando una parte del lungofiume di VRSA decisamente in abbandono. Oggi il turismo offre nuove opportunità alla città, tanto che alcuni degli hotel più vicini ai servizi centrali della città sono stati ristrutturati. Questi hotel offrono ai loro fortunati ospiti sistemazioni lussuose, complete di piscine all'avanguardia e bar con terrazza sul tetto.

A pochi minuti a monte si trova l'antico porto fluviale di Castro Marim. Questa piccola città si trova accanto a vaste paludi ben note agli ornitologi che spesso visitano la zona per osservare grandi stormi di fenicotteri. Dal castello medievale sopraelevato della città si gode di una vista spettacolare sul fiume, verso Ayamonte e verso VRSA, attraverso le paludi salmastre.

Il ponte internazionale del Guadiana domina spettacolarmente questi grandi panorami, mentre le trafficate corsie di traffico attraversano liberamente la Spagna e il Portogallo. Come in molti altri luoghi di questo angolo spesso caldo dell'Algarve, gli abitanti di Castro Marim raccolgono la risorsa preferita dell'Algarve: il sale marino. Viene raccolto naturalmente lasciando evaporare l'acqua di mare da lagune poco profonde create dall'uomo, producendo così cristalli di sale bianco puro. Un'altra delle tante ricchezze naturali del Portogallo.

Una delizia inaspettata

Poi, le delizie inaspettate di Alcoutim. Qui è facile fare una breve gita in barca attraverso questo stretto tratto a monte del fiume fino alla città andalusa di Sanlúcar de Guadiana. Vale la pena ricordare che una parte dei 40 km da Castro Marim ad Alcoutim può essere percorsa su una strada secondaria che costeggia le rive del fiume (EM507). Si tratta di una strada piuttosto stretta e vecchia, ma che offre comunque uno scenario rurale spettacolare. Ci sono innumerevoli piantagioni di arance, olivi e mandorli. Abbiamo anche visto alcuni graziosi giardini pieni di fichi e albicocchi, che rendono questa strada una delle più pittoresche del fiume. Vale la pena di visitarlo.

Per essere una piccola città, Alcoutim offre una vista mozzafiato sulla Spagna e sul Portogallo. Due splendidi villaggi imbiancati a calce risplendono sotto il caldo sole iberico e si adagiano sulle sponde opposte di un fiume verde e dolcemente serpeggiante. Sanlúcar e Alcoutim mostrano con orgoglio i rispettivi castelli, che dall'altra parte del fiume fanno quasi una smorfia l'uno all'altro. Posso solo immaginare che queste antiche fortificazioni continuino a svolgere il loro ruolo di orgogliosi custodi di queste terre di confine iberiche. Per fortuna, siamo tutti perfettamente accolti da entrambe le parti, in ambienti belli e conviviali, pieni di esposizioni floreali e spazi verdi. Il fiume fa semplicemente da sfondo al sole su cui si affacciano bar, caffè e ristoranti. Alcoutim e Sanlúcar sono assolutamente da visitare. Adoro questa splendida regione.

Questo viaggio in auto è un po' come il Guadiana stesso, perché il percorso può, se lo si desidera, serpeggiare tra Spagna e Portogallo. Ciò consente ai partecipanti di usufruire di un piacevole scenario "al meglio dei due mondi". I maestosi paesaggi del Parco Naturale della Valle del Guadiana, in Alentejo, offrono la vista dei cieli notturni più straordinari che abbia mai sperimentato. Questa è astronomia in altissima definizione! Potete salutare altre civiltà su pianeti lontani e probabilmente vi vedranno e ricambieranno il saluto. Con un amico appassionato di astronomia, sono riuscito a individuare Andromeda, Toro, Pegaso, la Via Lattea, l'Aratro, la Stella Polare e alcuni pianeti. Riuscivamo a vedere tutto. Poi, durante le calde ore diurne, aquile reali, gheppi e persino volpoche cavalcano le termiche sul Guadiana che attraversa alcuni dei paesaggi più spettacolari dell'Alentejo.

Pianure ondulate

Poco più a nord, il Guadiana si allontana dal confine spagnolo e si addentra nella campagna dell'Alentejo. Mértola si trova a soli 37 km da Alcoutim e si trova ai margini del parco naturale. È una cittadina con un labirinto tipicamente iberico di strette strade acciottolate, negozi locali ed edifici dall'aspetto piuttosto rustico che spesso ospitano caratteristici bar ed enoteche (garrafeiras). I bar e le caffetterie sono spesso frequentati da anziani uomini del posto, molto freddi, che si godono qualche birra ghiacciata nei caldi pomeriggi dell'Alentejo.

La regione di Mértola è nota per la caccia nelle vaste pianure ondulate. Le sterminate macchie di ginepro, rosa canina, eucalipto e pini offrono un eccellente riparo a specie di selvaggina come cinghiali, pernici rosse, lepri selvatiche e daini. Mértola è una città nota per le sue tradizioni venatorie e viene spesso definita la capitale della caccia in Portogallo! La selvaggina compare spesso nei menu dei ristoranti locali, con murales e sculture di queste creature disseminate ovunque.

Mértola offre una vista ancora più elevata della Gaudiana, con graziosi pontili e moli ancora utilizzati da una serie di piccole imbarcazioni che attraversano abitualmente questo tratto navigabile del fiume. Un tempo la città era una stazione commerciale particolarmente importante che trasportava a valle cereali e altre merci verso i porti dell'Atlantico.

Persa nel tempo

Un'altra ora di strada ci porta a nord, a Monsaraz. Si tratta di un'altra antica e incantevole città persa nel tempo. Si tratta di una fortificazione murata costruita appositamente su un'altura a circa 600 metri sopra le vaste pianure dell'Alentejo. Le strade imbiancate a calce rendono la città sopraelevata un luogo surreale e idilliaco da cui ammirare le splendide viste della diga di Alqueva e della campagna circostante.

Nonostante Monsaraz fosse la nostra ultima tappa, il nostro viaggio non è finito lì. Ci siamo diretti verso Elvas e l'enorme Acquedotto Amoreira, optando per un percorso di ritorno spagnolo a VRSA. Ma questa è un'altra storia.